Zverev striglia Lendl: "Non si impegna abbastanza"

Flash

Zverev striglia Lendl: “Non si impegna abbastanza”

Non lo segue quasi mai. E quando lo segue è poco attento. “Durante l’allenamento passa il tempo a parlare di come gioca a golf e del suo cane”, si è lamentato il tedesco

Pubblicato

il

Alexander Zverev e Ivan Lendl - ATP Finals 2018 (foto Alberto Pezzali Ubitennis)

Dopo la fine della sua seconda esperienza nell’angolo di Andy Murray, alla fine del 2017, Ivan Lendl era probabilmente più che contento di riprendere la sua tranquilla vita da pensionato. A riportarlo nel circuito è stata la chiamata di Alexander Zverev, alla vigilia degli scorsi US Open. La sfida si preannunciava particolarmente intrigante con Zverev che a soli 21 anni si stava imponendo come l’alternativa ai big three del tennis mondiale. E come nel caso di Murray, Lendl sembrava in grado di poterla vincere quando il giovane tedesco si è imposto alle ATP Words Tour Finals di Londra, superando in semifinale Roger Federer e in finale n.1 del mondo Novak Djokovic.

Le cose hanno cominciato a prendere una piega molto diversa in questa stagione, con Zverev che ha reso ben al di sotto delle aspettative, vincendo solo 25 partite e patendo altre cocenti delusioni negli Slam. L’ultima in ordine di tempo a Wimbledon, dove è stato battuto all’esordio dal ceco Jiri Vesely, n.64 al mondo. E così sul banco degli imputati del tedesco, reduce anche da una separazione ricca di acrimonia con l’ex manager Patricio Apey, è finito anche Lendl. Zverev ha infatti accusato l’ex tennista di Ostrava di non essere esattamente molto coinvolto nella sua attività di allenatore.

“Ne abbiamo parlato e gli ho detto di concentrarsi di più sul tennis”, avrebbe dichiarato il n.5 del mondo dalla sua natia Amburgo, dove si appresta a giocare, a dei media teutonici. “Ogni tanto andiamo in campo e su un allenamento di due ore passa mezz’ora a parlarmi di come ha giocato a golf il giorno precedente”. Pare che Lendl si dilunghi anche a disquisire del rapporto con il suo nuovo cane. Magari si tratta di una tecnica poco convenzionale per stimolare psicologicamente Zverev. Ma non sembra particolarmente apprezzata dal tedesco.

Bisogna anche sottolineare come in realtà i due abbiano avuto poche occasioni di andare effettivamente in campo insieme di recente. Lendl infatti non ha accompagnato Zverev nella stagione europea, preferendo rimanere a casa negli Stati Uniti. A seguire Sascha, è stato papà Alexander Sr., come sempre. E sarà così anche per questo torneo di Amburgo, dove del 59enne ex vincitore di 8 prove dello Slam non si vede nemmeno l’ombra. Proprio quando il suo assistito/datore di lavoro ne avrebbe bisogno. Ma evidentemente ha altro a cui pensare. Per esempio il golf e il suo cane.

 

Continua a leggere
Commenti

Challenger

Mondo Challenger: Sinner, che peccato! O’Connell stupisce tutti

L’altoatesino si ferma solamente in semifinale in Francia ma si avvicina ancora alla top 100. L’australiano trionfa negli USA esprimendo il miglior tennis della carriera. Secondo trionfo consecutivo per Mikael Ymer e Varillas

Pubblicato

il

Chris O'Connell - ATP Challenger Fairfield 2019 (foto via Twitter, @ATPChallenger)

Internationaux De Tennis De Vendee (Mouilleron-le-Captif, hard indoor, montepremi $92.040)

RIMPIANTO JANNIK – Il giovane italiano, accreditato della quattordicesima testa di serie, ha superato prima Lamasine battendolo per la seconda volta in tre confronti avvenuti nel giro di otto mesi e poi ha vinto una durissima battaglia contro il ceco Rosol, guadagnandosi l’accesso ai quarti di finale. Ritrovatosi ancora una volta sotto di un set contro il top 100 rumeno Copil, Sinner ha alzato significativamente il ritmo nel secondo parziale infliggendo un netto 6-1 al suo avversario e nel set decisivo è sembrato stare molto meglio fisicamente del suo rivale, battuto con lo score finale di 3-6 6-1 6-4.

Arrivato così in semifinale dopo due belle rimonte, Jannik ancora una volta è partito male perdendo il primo parziale però ha saputo reagire diminuendo sensibilmente gli errori specialmente col dritto, si è aggiudicato il secondo parziale e nel terzo, nonostante le cinque palle break sciupate nel primo gioco, si è portato avanti sul 4-2 avendo apparentemente in mano la partita. Nell’ottavo gioco Bourgue è rientrato, più per meriti suoi che per demeriti dell’altoatesino, che non si è scomposto e si è conquistato la chance di andare a servire per il match sul 6-5. L’azzurro però è incappato in qualche errore di troppo, si è fatto recuperare nuovamente e si è giunti al tie break decisivo che ha condannato Sinner, tradito ancora una volta dal dritto, sia nell’occasione del match point a favore e sia quando si è ritrovato costretto ad annullare match point. Altre otto posizioni guadagnate e best ranking al numero 119 ATP, con l’obiettivo di chiudere l’anno tra i primi 100 sempre più vicino.

OTTIMO YMER – Il torneo in Francia se lo aggiudica lo svedese Mikael Ymer che conquista il secondo challenger consecutivo: la partenza era stata dura, un set perso sia contro Vanni e sia contro il tedesco Otte, ma pian piano Mikael è stato bravo ad alzare il livello e dai quarti di finale in poi ha concesso le briciole ai suoi avversari, sconfiggendo in due parziali Hoang e Vesely, approdando così in finale dove ha trovato il francese Bourgue. L’atto conclusivo è stato caratterizzato dai troppi errori da parte del transalpino, partito visibilmente teso e capace di sciogliersi solo verso la metà del secondo set, quando però era ormai troppo tardi. Lo score finale recita 6-1 6-4, Mikael consolida ancora di più la sua top 100 e si ritrova al numero 81 del ranking mondiale: non è un giocatore in grado di emozionare il pubblico col suo gioco spettacolare e non ha nessun colpo con cui è in grado di lasciar fermo gli avversari, ma con il passare del tempo è riuscito ad acquisire una grande solidità da fondo e a migliorare sensibilmente il servizio e i risultati ne sono una giusta conseguenza.

 

Finale: [3] E. Ymer b. M. Bourgue 6-1 6-4

Northbay Healtcare Men’s Pro Championship (Fairfield, hard outdoor, montepremi $106.320)

O’ CONNELL, CHE SORPRESA – Aveva chiuso il 2018, dopo innumerevoli problemi fisici, da numero 1185 del ranking e faticava ad entrare in tabellone nei tornei ITF: appena 12 mesi più tardi l’australiano, grazie a 71 vittorie in 9 mesi, entra per la prima volta in carriera tra i primi 200 giocatori al mondo issandosi al numero 192 al termine di una settimana stratosferica che gli consegna il secondo Challenger in carriera dopo il successo ottenuto in estate a Cordenons. Nonostante non giocasse da 8 mesi su cemento, O’Connell è sembrato trovarsi subito a suo agio sui campi non troppo veloci di Fairfield ed ha regolato rapidamente due ecuadoregni, Quiroz e Gomez, giungendo ai quarti di finale dove ha lasciato appena cinque games alla promessa britannica Jack Draper.

Il match di semifinale è stato probabilmente quello più complesso, contro il mancino americano Kevin King è stato costretto a tantissimi scambi lunghi ed ha dovuto annullare 9 delle 10 palle break concesse al suo avversario per riuscire a chiudere la sfida in due parziali (6-3 7-6). In finale ha ottenuto il primo successo in carriera contro un top 100, Steve Johnson, grazie ad una sontuosa prestazione al servizio, ben 13 aces e 0 palle break concesse al suo avversario che non è mai sembrato realmente in grado di contrastare l’australiano, che nel corso del match ha prodotto vincenti da ogni parte del campo deliziando anche il pubblico con parecchi rovesci lungolinea ad una mano. Un break per set, il punteggio finale recita 6-4 6-4 in un match dove il giocatore più forte ed esperto è sempre sembrato Christopher, che a 25 anni sembra aver finalmente raggiunto la maturità tennistica.

Finale: [12] C. O’Connell b. [1] S. Johnson 6-4 6-4

Santo Domingo Open 2019 (Rep. Dominicana, terra verde, montepremi $162.480)

ESTRELLA SALUTA, VINCE VARILLAS – Trionfa il peruviano Juan Pablo Varillas che, dopo non aver mai vinto un Challenger in oltre 50 tentativi, ottiene il secondo trionfo in altrettante settimane. Il tennis del peruviano, caratterizzato da un martellamento costante da fondocampo, si è espresso particolarmente bene su questa terra piuttosto veloce e nel cammino verso la finale ha lasciato per strada solamente un set, più che giustificato contro Delbonis, primo top 100 battuto da Varillas che è stato abile a sconfiggere anche altri forti terraioli come Monteiro e Bagnis prima della sfida decisiva contro Coria. La settimana precedente, a Campinas, a trionfare era stato il peruviano in due rapidi set mentre questa volta la sfida si è decisa al terzo set dove a prevalere è stato Varillas grazie al suo pressing con entrambi i fondamentali che hanno costretto l’argentino ad arretrare molto spesso diversi metri fuori dalla linea di fondo, con Juan che lo ha punito anche con qualche bel drop shot.

L’annuncio del ritiro di Estrella Burgos era avvenuto sui social diversi mesi fa, ma il dominicano si è presentato comunque in buone condizioni al suo ultimo torneo in carriera e ha sconfitto al primo turno in una dura battaglia Marcelo Arevalo con un doppio 7-5 prima di cedere al secondo turno contro il brasiliano Monteiro e salutare definitivamente il tennis giocato. Nello stesso torneo arriva ai quarti di finale Alessandro Giannessi, sconfitto poi abbastanza nettamente dal boliviano Dellien, mentre si ferma agli ottavi il cammino di Federico Gaio.

Finale: J. P. Varillas b. [8] F. Coria 6-3 2-6 6-2

Continua a leggere

Flash

Medvedev rincorre Federer e Djokovic: “17 finali consecutive? Impossibile!”

Il russo ha una striscia aperta di sei finali di fila. Tra i giocatori in attività solo i Fab Four hanno fatto meglio: Djokovic (17), Federer (17), Nadal (9), Murray (7)

Pubblicato

il

Daniil Medvedev (foto via Twitter, @atptour)

A Shanghai Daniil Medvedev ha raggiunto la sesta finale negli ultimi sei tornei, certificando una volta di più il proprio straordinario stato di forma. Tra i giocatori in attività soltanto quattro tennisti hanno fatto meglio di lui e, manco a dirlo, si tratta dei Fab 4. Nel mirino del russo ora ci sono le sette finali consecutive di Andy Murray (Madrid 2016 – Cincinnati 2016) e poco più in là le nove di Rafael Nadal (Vina del Mar 2013 – Roland Garros 2013). Decisamente più distanti Roger Federer e Novak Djokovic, entrambi forti di una stratosferica serie di 17 finali di fila.

Lo stesso Medvedev, informato di questo dato da un giornalista in conferenza stampa, ha espresso tutto il suo stupore e la sua ammirazione per i due campioni: “Ne hanno fatte diciassette di fila? Wow! Sono piuttosto lontani. Penso che sia impossibile, ma ci sono due tennisti che ce l’hanno fatta, cosa che non sapevo. È semplicemente incredibile. Non ho parole per descriverlo“. Incredibilmente però il record assoluto non appartiene a questi due fenomeni, ma è ancora saldamente nelle mani di Ivan Lendl, capace di raggiungere ben diciotto finali consecutive (Madrid 1981 – Forest Hills WCT 1982, 15 titoli).

Maggior numero di finali consecutive (giocatori in attività):

R. Federer 17 (Halle 2005 – Open del Canada 2006, 12 titoli)
N. Djokovic 17 (Australian Open 2015 – Australian Open 2016, 13 titoli)
R. Nadal 9 (Vina del Mar 2013 – Roland Garros 2013, 7 titoli)
A. Murray 7 (Madrid 2016 – Cincinnati 2016, 4 titoli)
D. Medvedev 6 (Washington 2019 – Shanghai 2019, 3 titoli)

 

Continua a leggere

Flash

Kyrgios fa sempre notizia: auto distrutta in un incidente

Il turbolento tennista australiano riesce a finire sulle prime pagine anche quando non gioca. Il suo bolide si è schiantato contro un lampione subendo gravi danni. Ma non è stata (tutta) colpa sua

Pubblicato

il

Nick Kyrgios - Montreal 2019 (foto via Twitter, @CoupeRogers)

Nick Kyrgios ha fatto boom. Non con uno dei suoi ace oltre i 200 chilometri orari. O con una delle sue invettive contro il malcapitato giudice di sedia. Ma con la sua auto. La sua Dodge Demon da 300 mila dollari australiani (circa 180mila euro) si è infatti schiantata ad alta velocità contro un palo della luce a Bonner, distretto a nord di Canberra, sua città natale. La vettura ha subito danni considerevoli. Bisogna però sottolineare che Kyrgios pur essendo all’interno dell’abitacolo al momento dell’incidente non stava guidando. Sembra infatti che uno dei suoi amici fosse al volante. La polizia locale ha comminato una multa di 385 dollari australiani al n.28 del ranking ATP, in quanto proprietario del veicolo. Una multa molto meno salata di quella che si è spesso ritrovato a pagare per le sue intemperanze in campo. 

A quanto pare l’auto sarebbe andata sopra un cordolo vicino ad una rotonda prima di finire la propria corsa contro il lampione. Alcuni testimoni hanno riferito di un Kyrgios piuttosto stressato nel venire fuori dal veicolo. E ne ha le ragioni. Oltre ad essergli costata molti soldi, quell’auto è particolarmente rara. L’australiano l’ha importata dagli Stati Uniti e l’ha fatta appositamente modificare per poterla guidare nel suo paese. Ne esistono solo altre tre in tutta l’Australia. Forse non è stato molto prudente farla guidare ad un proprio amico. Ma pare che Kyrgios sia solito farla provare in giro. Magari la prossima volta ci penserà su due volte. Alcuni suoi amici hanno anche tentato invano di impedire ad un fotografo fiondatosi sul posto di scattare delle foto. Ma non c’è stato niente da fare: Nick è finito ancora sulle prime pagine dei giornali del suo paese, per recitare ancora una volta la parte del bad boy. 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement