WTA, diario di un decennio: il 2015 - Pagina 4 di 5

Al femminile

WTA, diario di un decennio: il 2015

Sesta puntata dedicata agli anni ’10 in WTA: la caccia al Grande Slam di Serena Williams, l’impresa di Roberta Vinci, la vittoria con ritiro di Flavia Pennetta e altro ancora

Pubblicato

il

Roberta Vinci e Serena Williams - US Open 2015

Toronto 2015, Bencic batte Williams
Mese di agosto. Serena ha vinto  i primi tre Major del 2015. Significa che vede a un passo il Grande Slam. In vista di Flushing Meadows, il suo approccio alla stagione sul cemento comincia dal Canada.

A Toronto sconfigge Flavia Pennetta, Andrea Petkovic e Roberta Vinci (sì, proprio Vinci: per 6-4, 6-3), in una partita più equilibrata di quanto non dica il punteggio, visto che Serena ottiene i break decisivi solo nel finale di ogni set.

 

La seconda sconfitta stagionale, dopo quella contro Kvitova a Madrid, per Williams arriva in semifinale contro la diciottenne Belinda Bencic, che sta vivendo una settimana straordinaria, tanto che finirà per vincere il torneo sconfiggendo quattro Top 10 una dopo l’altra, impresa unica nella stagione.

Nel primo set Bencic fatica un po’ ad abituarsi alla pesantezza di palla di Serena, ma poi aggiusta le misure, diventa più incisiva e conquista il secondo set. La cosa da sottolineare di questa fase è che Belinda, mentre affronta la numero 1 del mondo, sta palesemente divertendosi: non riesce proprio a tenerlo nascosto. Segno che è veramente in una fase di carriera in cui ha nulla da perdere, e tutto quello che conquista in positivo è un regalo che la galvanizza.

Sull’onda dell’entusiasmo, nel terzo set si porta avanti 5-1. A questo punto Serena reagisce e avvia una rimonta che Bencic riesce a contenere anche grazie a una serie di inattese discese a rete, che le permettono di chiudere il match per 3-6, 7-5, 6-4. In conferenza stampa Serena dirà all’incirca: meglio perdere oggi che più avanti…

US Open 2015: la demolizione del Grandstand
L’ultimo Slam del 2015 è un torneo particolare. Il cattivo tempo incide sui programmi, e dimostra quanto sia necessaria la prevista copertura del campo centrale (Arthur Ashe Stadium), per mantenersi all’altezza di Australian Open e Wimbledon. Nel processo di ristrutturazione dell’Arthur Ashe è inevitabile la demolizione del vecchio Grandstand.

Si tratta di uno stadio da circa 6000 posti, letteralmente incastrato sotto le tribune del Centrale: un impianto architettonicamente sgraziato, ma capace di creare una atmosfera di intimità e vicinanza con i giocatori quasi unica. Su questo campo si sono giocate partite memorabili, e perfino dalla TV si percepiva l’elettricità speciale prodotta dal Grandstand. Anche il New York Times gli dedica un articolo dal titolo “Un grande teatro del tennis al crepuscolo” e lo accompagna con questa foto:

Anche se obiettivamente non c’erano alternative, la sua distruzione è un vero peccato, perché il calore del Grandstand era inimitabile. Senza andare troppo lontano nel tempo, su questo campo si era giocato, per esempio, nel 2010 il match tra Schiavone e Bondarenko con un famoso tweener di Francesca a infiammare gli spettatori:

O la battaglia di semifinale tra Stosur e Kerber del 2011, quando da numero 93 Kerber si era fatta conoscere al mondo (partita vinta da Samantha per 6-3, 2-6, 6-2)

Nel 2015 uno degli ultimi match di singolare ospitato dal Grandstand è un’altra partita speciale, il terzo turno fra Lisicki e Strycova, in cui Lisicki rimonta da 1-5 nel terzo set per chiudere per 6-4, 4-6, 7-5. Consiglio di seguire l’intervista a fine match, in cui Sabine sottolinea quanto la carica del pubblico può influire sui giocatori (min. 21’00”):

I match della prima settimana
Prima di entrare nel vivo del torneo con le partite decisive, segnalo due match della prima settimana. Il primo è una grande sorpresa, l’eliminazione della finalista 2014 Wozniacki per mano di Petra Cetkovska. Negli articoli precedenti ho ricordato partite di Tamira Paszek e Jamie Hampton. Cetkovska ha tratti in comune con loro: un talento mai del tutto espresso a causa dei troppi problemi fisici.

Cetkovska b. Wozniacki 6-4, 5-7, 7-6(1) US Open, 2T
Una di quelle partite il cui significato si può capire fino in fondo solo conoscendo almeno un po’ le difficoltà sperimentate dalle protagoniste. Nel 2014 Wozniacki aveva vissuto gli US Open come una specie di rivincita personale e professionale contro le traversie sentimentali: la voglia di far vedere quanto valeva l’aveva condotta addirittura in finale.

Un anno è passato e nel 2015 Caroline dà l’impressione di non avere più lo stesso fuoco: al secondo turno si trova di fronte la numero 149 del ranking. E perde. Ma la classifica non basta per valutare Petra Cetkovska. Dietro la vittoria di Petra (30 anni compiuti in febbraio) c’è la storia di una giocatrice dal fisico di cristallo; e con tanti anni di carriera passati a lottare con i guai fisici e gli sforzi dei recuperi. Tanto è vero che in questa occasione prende parte agli US Open grazie al ranking protetto.

Giocatrice non rapidissima ma con un grande “braccio” e un repertorio tecnico completissimo, diventa molto pericolosa quando la condizione la sorregge: nel 2014 era stata lei a interrompere l’imbattibilità di inizio anno di Li Na, vincitrice a Melbourne.

Dopo una partenza di assestamento (0-3) Cetkosvka irretisce con i suoi schemi Wozniacki: vince nove game su dieci e si porta avanti 6-4, 3-0, 30-0. A questo punto a fermarla non è l’avversaria, ma la paura: un attacco di braccino che la blocca nel momento di chiudere in due facili set.

Caroline di fronte alle titubanze di Petra recupera da giocatrice navigata: vince il secondo set 7-5 e nel terzo si procura un match point sul 5-4, e poi altri tre sul 6-5. Ogni volta Cetkovska li annulla con dei vincenti, ribellandosi all’idea di perdere un incontro per lunghi tratti dominato. Si arriva così al tiebreak, vinto in modo sorprendentemente facile (7-1) da una Cetkovska comprensibilmente emozionata a fine incontro.

Azarenka b. Kerber, 7-5, 2-6, 6-4 US Open, 3T
Senza Roberta Vinci a sconvolgere tutti i piani e le classifiche, probabilmente questo sarebbe stato il match dell’anno. Eccezionale per intensità e pathos, giocato benissimo da entrambe e concluso con statistiche che confermano la qualità straordinaria: Azarenka +18 (51/33) Kerber +15 (46/31). Ricordo che storicamente agli US Open i criteri per stabilire vincenti e gratuiti sono forse i più severi dei quattro Slam, per cui sono la norma partite in cui le contendenti si ritrovano con saldo finale negativo. Che tutte e due chiudano invece con un tale attivo è davvero rarissimo.

Il copione inizialmente è quello prevedibile, con Azarenka che spinge e Kerber che corre e rimanda tutto: vale a dire le due situazioni che esaltano al massimo le qualità e la combattività di entrambe. Angelique vince quasi tutti i game ai vantaggi e sale 5-2, arrivando anche al set point. Ma Vika alza ulteriormente il livello, aumenta il numero di soluzioni lungolinea togliendo così il tempo all’avversaria: riesce ad aggiudicarsi cinque game consecutivi, e il set è suo per 7-5.

Lo sforzo fisico e mentale profuso la obbliga quasi fisiologicamente a rifiatare, scendendo di un minimo di intensità nel secondo set; questo è sufficiente per spostare l’ago della bilancia dalla parte di Kerber, che pareggia i conti con un 6-2.

Il terzo set rappresenta uno dei migliori momenti di tennis del 2015: Azarenka torna ai livelli del primo set, e allora Kerber capisce che, per non farsi sopraffare, alle doti difensive deve aggiungere anche tutte le proprie risorse di attacco: il dritto lungolinea e il cross di rovescio.

Per alcuni game la partita assume una dimensione superiore; capita quando la trance agonistica si impossessa delle protagoniste in campo: tensione e paura di sbagliare spariscono, e lasciano spazio alla massima concentrazione, orientata esclusivamente all’esecuzione dei colpi. Ormai gli errori sono quasi banditi, e ai vincenti di una giocatrice replica l’altra con altrettanti vincenti. E’ una specie di braccio di ferro tennistico totale, quasi irreale per l’equilibrio e la qualità che lo caratterizza.

Ne esce vincitrice Azarenka, malgrado l’estrema opposizione di Kerber che sul 3-5 serve per stare nel match e ci riesce salvando diversi match point; si deve però arrendere nel game successivo, chiuso a zero da Vika per il definitivo 6-4.

a pagina 5: La seconda settimana degli US Open

Pagine: 1 2 3 4 5

Continua a leggere
Commenti

Al femminile

Australian Open 2020: delusioni e sorprese

Da Osaka a Jabeur, da Williams a Swiatek, protagoniste in positivo e in negativo dello Slam di gennaio. E per concludere una teoria sulle ultime vincitrici dei Major

Pubblicato

il

By

Coco Gauff e Naomi Osaka - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Dopo avere celebrato la scorsa settimana le imprese delle finaliste Kenin e Muguruza, per completare la riflessione sull’Australian Open 2020 è il momento di ragionare sulle giocatrici uscite da Melbourne deluse per aver ottenuto risultati al di sotto delle aspettative. Ma nella seconda parte dell’articolo ci sarà spazio anche per riflessioni di altro genere. Cominciamo con le due semifinaliste sconfitte.

1. Ashleigh Barty e Simona Halep
Simona Halep è stata la numero 1 WTA al termine delle stagioni 2017 e 2018; Ashleigh Barty l’ha sostituita concludendo al primo posto nel 2019. Non stiamo quindi parlando di giocatrici qualsiasi, ma di due tenniste che hanno dimostrato di possedere notevole consistenza, tanto da raggiungere il traguardo che più premia la continuità ad alti livelli.

In vista del torneo australiano, per i bookmaker erano appaiate come terze possibili vincitrici (quotate a 9), alle spalle di Williams e Osaka. Logico quindi che una volta arrivate in semifinale fossero considerate favorite contro Kenin e Muguruza. In realtà entrambe sono state sconfitte in due match terminati con un punteggio identico: 7-6, 7-5.

 

Barty era la leader della parte alta del tabellone, e nel torneo ha dovuto percorrere un cammino in cui non ha avuto sconti. Per Halep, testa di serie numero 3, sorteggiata nella parte bassa del draw, le cose sono state un po’ più semplici, almeno fino al match contro Muguruza.

Ashleigh Barty
Superati i due primi turni, Barty ha trovato nei match intermedi tutti i maggiori ostacoli possibili: la tds 29 Rybakina, la 19 Riske, la 7 Kvitova. Ed è riuscita a venirne a capo malgrado le insidie non fossero trascurabili.

Alison Riske l’aveva battuta nei precedenti scontri diretti, e anche nel match di Melbourne ha dimostrato di possedere le armi adatte a far soffrire Ashleigh. Innanzitutto una notevole qualità in risposta, e poi la capacità di gestire con abilità la differenza dei due colpi da fondo campo di Barty. Da una parte Alison sa appoggiarsi alla potenza del dritto della avversaria per ricavare un surplus di accelerazioni che di suo altrimenti non possiederebbe, visto che non è una giocatrice superpotente. Dall’altra contro i rimbalzi bassi dello slice di rovescio di Barty, Riske ha una volta di più dimostrato perché si trova così bene sull’erba: sa scendere alla perfezione con le gambe e gestire con sicurezza le parabole a rimbalzo sfuggente. Il 6-3, 1-6, 6-4 conclusivo restituisce l’equilibrio che ha regnato nei cento minuti del loro match.

Superato lo scoglio degli ottavi, Barty ha dovuto misurarsi con la finalista dello scorso anno Petra Kvitova, che nel torneo 2019 l’aveva eliminata proprio a livello di quarti di finale. Ma questa volta a prevalere è stata lei (7-6, 6-2), dimostrando che negli ultimi dodici mesi è sicuramente cresciuta nella maturità agonistica. Nel primo set, estremamente equilibrato, Kvitova non ha saputo convertire le tante occasioni di break (ne ha mancate 8 su 9) e nemmeno un set point raggiunto nel tie-break. Perso il primo set, Petra non ha avuto la forza, fisica e psicologica, di risalire in un match in cui fino a quel momento aveva speso tanto, raccogliendo nulla.

Oltre alla differente solidità mentale, rispetto allo scorso anno ha forse inciso anche la inferiore velocità delle condizioni di gioco. La relativa lentezza dei campi 2020 a mio avviso ha favorito il tennis di Barty: in un paio di punti importanti del primo set, ad Ashleigh sono riusciti dei fantastici recuperi difensivi che con i campi versione 2019 probabilmente non sarebbero stati possibili.

Dopo il successo contro la finalista uscente Kvitova, Barty sembrava la candidata più autorevole alla finale della parte alta di tabellone, a maggior ragione dopo le cadute premature nel secondo quarto di draw, quello di Osaka e Williams.

Invece, come sappiamo, Sofia Kenin ha sovvertito i pronostici della vigilia. Ho già parlato della semifinale nell’articolo della scorsa settimana. Qui sottolineo un paio di temi esclusivamente orientati su Ashleigh. Uno negativo e uno positivo. Negativo: si è avuta la conferma che il rovescio può rivelarsi un punto debole del suo gioco: nella partita contro Sofia la tensione non solo le ha fatto compiere tanti errori, ma anche quando non sbagliava la palla viaggiava troppo poco incisiva per creare seri problemi all’avversaria. Avevo notato quanto la tensione possa influire sulla qualità del suo slice in un match che avevo seguito dal vivo a Wimbledon due anni fa (contro Kasatkina, vedi QUI), e mi pare che a Melbourne la situazione si sia ripetuta.

Ma credo che questa sconfitta si presti anche a una chiave di lettura positiva. In semifinale Barty è scesa in campo quasi paralizzata dalla tensione, con un grave problema al rovescio e con il servizio che è calato in incisività (8 ace nel primo set, nessuno nel secondo). Eppure, malgrado tutti questi handicap, è arrivata ad avere due set point sia nel primo che nel secondo parziale. Per me significa che il suo tennis è davvero efficace. Così efficace da permetterle anche in una giornata ampiamente deficitaria di giocarsela contro la futura campionessa del torneo. Cosa sarebbe successo se fosse stata giusto un pochino più consistente?

Simona Halep
Rispetto a Barty, Halep si è confrontata contro giocatrici un po’ meno complicate soprattutto per questioni di “matchup”: vale a dire avversarie con caratteristiche meno insidiose per il suo tipo di tennis. Elise Mertens (sconfitta negli ottavi) propone un gioco simile a quello di Simona, ma con meno creatività geometrica e meno qualità negli spostamenti e nella copertura difensiva. Per questo, se entrambe sono in buone condizioni, penso che Simona sia destinata ad avere la meglio. E il 6-4, 6.4 lo ha confermato.

Anett Kontaveit (sconfitta nei quarti) ha un tennis più aggressivo rispetto a Mertens, ma non ha la potenza sufficiente per incidere davvero sulle difese di Halep. E visto che sul piano del puro palleggio non ha la solidità di Simona, nella partita di Melbourne è stata inevitabilmente obbligata a provare a spingere, il più delle volte finendo fuori giri. In pratica Anett si è ritrovata in una condizione di impotenza. Per questo non mi è sembrato così notevole il 6-1, 6-1 conclusivo, perché fra le attuali Top 30 Kontaveit è forse la migliore avversaria possibile per esaltare le qualità di Halep.

Ho già raccontato la scorsa settimana il match contro Muguruza: quanto vicine siano state le due giocatrici, e quanto ha pesato su alcuni punti cruciali la diversa attitudine all’avanzamento verso la rete. Chissà se anche nel team di Halep interpreteranno in questo modo le cause della sconfitta.

Se fosse così, questa semifinale potrebbe rivelarsi una occasione di crescita, per provare ad affrontare alcune situazioni di gioco in modo più verticale e incisivo. A 28 anni compiuti è difficile cambiare certi istinti, ma credo che per rimanere ad alti livelli uno dei segreti sia proprio quello di cercare di migliorarsi, sempre.

a pagina 2: Naomi Osaka e Serena Williams

Continua a leggere

Al femminile

Kenin e Muguruza: sorprese, rinascite e incognite dell’ultimo Slam

Doveva essere l’Australian Open di Williams, Osaka o Barty e invece la finale di Melbourne ha proposto due protagoniste inattese

Pubblicato

il

By

Garbiñe Muguruza e Sofia Kenin - Australian Open 2020

E così anche il primo Slam del 2020 ha confermato la tendenza degli ultimi Major: ancora una volta a prevalere è stata una giocatrice giovane. Grazie al successo a Melbourne, ad appena 21 anni Sofia Kenin si aggiunge al gruppo di nuove vincitrici: Naomi Osaka, Ashleigh Barty e Bianca Andreescu. Dallo US Open 2018 solo Wimbledon 2019 (con Simona Halep), è sfuggito alla giovane generazione, che può vantare cinque vittorie negli ultimi sei Slam. In ordine cronologico: Osaka, Osaka, Barty, Halep, Andreescu, Kenin.

Non ho lo spazio per affrontare in un solo articolo tutti gli spunti che l’Australian Open ha proposto. Questa volta mi concentro sulle due finaliste, la prossima settimana allargherò lo sguardo verso altri temi offerti dal torneo.

1. La rinascita di Garbiñe Muguruza
Ecco cosa avevo scritto a proposito di Muguruza nell’articolo uscito lo scorso 7 gennaio (WTA, chi migliorerà nel 2020?): “Nel luglio 2019 ha lasciato dopo quattro anni lo storico coach Sam Sumyk ed è tornata con Conchita Martinez, che era al suo angolo in occasione del successo a Wimbledon 2017. Credo che Martinez avrà soprattutto due obiettivi: sistemare l’esecuzione del dritto, che con il passare del tempo si è involuto, e aiutare Garbiñe a recuperare fiducia in se stessa. Se raggiungerà questi due traguardi, sono ancora profondamente, testardamente, convinto che Muguruza possa tornare ai piani alti del ranking”.

 

Per me non è quindi una sorpresa ritrovare Garbiñe protagonista in un grande torneo. Semmai era il contrario: non riuscivo ad accettare come una giocatrice che aveva mostrato di cosa fosse capace nel triennio 2015-2017 (tre finali Slam, due vinte) potesse sembrare definitivamente persa a soli 26 anni. Dato che non aveva dovuto affrontare seri infortuni, prima o poi mi sembrava quasi inevitabile che tornasse a far sentire la sua presenza. A Melbourne dopo molti anni affrontava uno Slam senza essere testa di serie (non accadeva dal Roland Garros 2014), ma si è presa ugualmente uno spazio significativo.

Eppure le cose non erano cominciate bene: al primo turno Muguruza aveva “pescato” Shelby Rogers. Una qualificata, ma di quelle da non sottovalutare. Penso fossero due le qualificate più insidiose, che sarebbe stato meglio evitare: Greet Minnen e, appunto, Shelby Rogers. E infatti contro Rogers (ex Top 50, quarti di finale al Roland Garros 2016, poi a lungo ferma per problemi fisici) Garbiñe ha avuto un avvio choc: addirittura 0-6, poi però rimediato al terzo set (0-6, 6-1, 6-0).

Anche al secondo turno Garbiñe ha avuto bisogno di tre set per eliminare Tomljanovic. Ma quando sono arrivate le avversarie più qualificate ha invece viaggiato spedita: 6-1 6-2 alla testa di serie numero 5 Svitolina e 6-3 6-3 alla numero 9 Bertens. Due Top 10 superate nei primi quattro turni, così come due set le sono bastati per sconfiggere la (relativa) sorpresa Pavlyuchenkova (tds 30) nei quarti di finale.

Match dopo match abbiamo finalmente rivisto una Muguruza di alto livello, vicina a quella capace di vincere gli Slam: la giocatrice che spinge la palla con continuità, che ama condurre lo scambio e che ama avanzare, sottrarre spazio all’avversaria per concludere il punto soffocandola attraverso la contrazione dei tempi di gioco.

Prima di analizzare gli impegni contro Halep e Kenin, occorre chiarire in estrema sintesi alcuni aspetti del suo tennis; almeno per come li interpreto io. Garbiñe è potente, ma la sua palla non è di sicuro la più veloce del circuito: altre giocatrici (per esempio Keys, Ostapenko, Kvitova, Osaka) vantano velocità medie superiori nella conduzione del palleggio. Muguruza non possiede nemmeno quella speciale abilità tecnica che consente ad alcune giocatrici di “allargare” improvvisamente il campo durante lo scambio da fondo, eseguendo parabole con angoli particolarmente stretti, che aiutano a destabilizzare le difese avversarie.

Per chiudere il punto, nel gioco di Muguruza è invece fondamentale la naturale attitudine verso l’avanzamento. E fa niente se non è la miglior volleatrice del circuito: la capacità di pressare l’avversaria mettendo sempre più i piedi nel campo durante lo scambio, e la determinazione con cui aggredisce le palle meno profonde (al rimbalzo o di volo), la mettono spesso nella condizione di governare la partita, diventando la prima artefice dell’esito dei match.

Nelle passate stagioni di crisi abbiamo però anche imparato a conoscere i suoi punti deboli. Il primo è tecnico: l’insicurezza nel dritto, che aleggia latente sui suoi match, e si materializza quando Garbiñe perde sicurezza: l’indecisione si risolve in esecuzioni rattrappite, causate da un timing approssimativo che non le permette di imprimere la giusta energia alla palla.

Il secondo punto debole è tattico-mentale: in alcuni frangenti subentra il timore di sbagliare, e allora ecco la tendenza ad aspettare con passività le scelte dell’avversaria, confidando nelle proprie doti difensive. Doti difensive che sono sorprendenti per una giocatrice della sua stazza, ma non così straordinarie da poter diventare il cardine delle vittorie nei grandi match.

a pagina 2: Muguruza, semifinale e finale a Melbourne

Continua a leggere

Al femminile

Australian Open donne: Serena Williams la più quotata

A 38 anni compiuti, per i bookmaker è ancora la 23 volte campionessa Slam la giocatrice di riferimento nel primo Major degli anni ’20

Pubblicato

il

By

Naomi Osaka e Petra Kvitova - Australian Open 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Ogni inizio d’anno ho sempre la stessa sensazione: il primo Slam arriva davvero molto presto, quando tutte le protagoniste hanno giocato pochissimo, e il quadro delle loro condizioni di forma è ancora indefinibile. Ma il calendario è questo, e non ci rimane che accettarlo. Per l’imminente Australia Open 2020 direi che al momento i temi principali sono tre.

Il primo non è sportivo ma ambientale: non dipende dal tennis, ma dalla situazione complessiva dell’Australia, alle prese con incendi di una portata senza precedenti. Rimando in proposito all’articolo di questo lunedì su Ubitennis e anche a un articolo uscito l’8 gennaio sul sito del Post e scritto da Giorgio Vacchiano, ricercatore in “Selvicoltura e Pianificazione forestale” dell’Università degli Studi di Milano. Nella mia incompetenza mi è sembrato il pezzo meglio argomentato sulla questione.

Il secondo tema è tennistico, ma è ugualmente una notizia non positiva: il forfait di Bianca Andreescu. L’ultima vincitrice Slam (US Open 2019), campionessa a New York da esordiente ad appena 19 anni, purtroppo non ha recuperato dall’incidente al ginocchio patito durante le WTA Finals. Inevitabile il rinvio a data da destinarsi per il ritorno alla attività agonistica. Ancora una volta Andreescu ha evidenziato la sua fragilità fisica, già emersa nelle passate stagioni. Tanto che viene da domandarsi se sia maggiore il talento tennistico o la delicatezza del suo primo “strumento di lavoro”, vale a dire il suo corpo.

 

Il terzo tema è relativo alla distribuzione delle grandi vittorie fra le diverse generazioni. Sarà interessante scoprire se anche questa stagione si seguirà la tendenza emersa lo scorso anno, con la maggior parte dei grandi titoli vinti da tenniste giovani, al massimo di 23 anni. Se consideriamo i quattro Slam, i nove Premier di riferimento e le Finals, nel 2019 sono sfuggiti alle giovani solo Madrid e Wimbledon (rispettivamente a Bertens e Halep).

Per cominciare vediamo come si presentano al via dello Slam le prime 16 teste di serie (che corrispondono alle prime 17 del ranking, a causa della rinuncia della numero 6 Andreescu).

16. Elise Mertens
Australian Open 2019: 3T, sconfitta da Keys
Miglior risultato in carriera: SF (2018)
Mertens ha scelto di cominciare dalla Cina, giocando a Shenzhen, dove però pur essendo testa di serie numero 3 si è fermata al terzo turno, sconfitta da Rybakina. È impegnata questa settimana a Hobart. Difficile valutare la sua condizione.

Di Elise ricordo il precedente di Melbourne 2018, quando era stata capace di arrivare sino alla semifinale; in parte grazie a un tabellone non impossibile, ma molto per meriti propri. Con il risultato di due anni fa ha dimostrato di non soffrire le alte temperature che spesso caratterizzano l’Australian Open; potrebbe rivelarsi una qualità importante se nelle due settimane del torneo si confermassero le condizioni sperimentate in questi giorni in Australia.

15. Marketa Vondrousova
Aus. Open 2019: 2T, sconfitta da Martic
Miglior risultato: 2T (2018, 2019)
Vondrousova non gioca da Wimbledon 2019 per problemi al polso sinistro (ricordo che Marketa è mancina); dopo il tentativo di seguire una terapia riabilitativa, è stata costretta alla operazione nel settembre dello scorso anno. È iscritta al torneo di Adelaide, dove tornerà a competere per la prima volta dopo l’intervento.

Pochissimo da dire su di lei: è evidente che non si può chiederle alcun risultato in uno Slam che a tutti gli effetti rientra nel periodo di “convalescenza agonistica”. Rimane solo da augurarsi che i problemi fisici siano superati.

14. Sofia Kenin
Aus. Open 2019: 2T, sconfitta da Halep
Miglior risultato: 2T (2019)
Kenin ha iniziato l’anno nel Premier di Brisbane, dove è stata sconfitta al secondo turno in tre set da Naomi Osaka, lasciando però una ottima impressione. Ha deciso di giocare anche ad Adelaide, e quindi ci sarà modo di verificarla ancora.

Lo scorso anno a Melbourne era uscita al secondo turno, dopo aver seriamente impegnato Simona Halep (6-3, 7-6, 6-4); questa volta rispetto al 2019 si presenta da testa di serie e penso abbia i numeri per fare strada. A meno di incroci sfortunati (con qualche mina vagante fuori dalle teste di serie), credo possa raggiungere la seconda settimana dello Slam.

13. Petra Martic
Aus. Open 2019: 3T, sconfitta da Stephens
Miglior risultato: 4T (2018)
Martic ha esordito ad Auckland dove è stata eliminata al secondo turno da Alizè Cornet. L’ho seguita nel match di primo turno (vinto in tre set contro la lucky loser Arconada) e ho avuto la sensazione che fosse molto indietro di condizione: conduceva lo scambio troppo lontana dalla linea di fondo, con difficoltà nel timing sulla palla.

Nello Slam, essendo testa di serie, dovrebbe evitare incroci troppo difficili all’avvio, ma per poter fare strada occorre un deciso miglioramento rispetto alla prestazione in Nuova Zelanda, perché a mio avviso quel livello di tennis non potrebbe garantirle nemmeno di superare i primi ostacoli.

12. Johanna Konta
Aus. Open 2019: 2T, sconfitta da Muguruza
Miglior risultato: SF (2016)
Konta ha aperto la sua stagione a Brisbane, dove ha perso all’esordio contro Strycova in tre set (6-2, 3-6, 6-3). Non è iscritta ad alcun torneo in questa settimana per cui si presenta al via dello Slam con una sola partita ufficiale nelle gambe. Purtroppo non ho seguito il suo unico match, per cui non posso esprimermi sulla sua attuale condizione.

Si può fare una considerazione generale sulle precedenti partecipazioni a Melbourne: è uno Slam nel quale ha dimostrato di trovarsi bene, ed è quasi una giocatrice di casa, visto che Johanna è nata in Australia e ci ha vissuto sino a quando, adolescente, si è trasferita in Inghilterra. Lo scorso anno era uscita al secondo turno, ma al termine di un ottimo match contro Muguruza (6-4, 6-7, 7-5).

11. Aryna Sabalenka
Aus. Open 2019: 3T, sconfitta da Anisimova
Miglior risultato: 3T (2019)
Il primo impegno di Sabalenka è stato in Cina, a Shenzhen, dove difendeva il titolo conquistato nel 2019. Ha però perso al secondo turno, sconfitta a sorpresa da Kristyna Pliskova, la gemella mancina di Karolina. Ora è impegnata ad Adelaide dove troverà un ostacolo non semplice all’esordio (Hsieh Su-Wei).

In vista dell’Australian Open 2020 sulla situazione di Aryna pesano due incognite. La prima è di carattere personale: un mese e mezzo fa ha perso il padre, che aveva appena 44 anni; sarebbe del tutto comprensibile se un lutto del genere avesse inciso sulla preparazione nella off season.. L’altra incognita è legata al curriculum negli Slam: a parte un ottavo di finale a Flushing Meadows nel 2018, non è mai riuscita ad andare oltre il terzo turno in un Major. Dalla numero 11 del mondo ci si aspetta di più.

a pagina 2: Le prime dieci teste di serie

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement