La federazione di tennis britannica fa cassa con Wimbledon 2019

Flash

La federazione di tennis britannica fa cassa con Wimbledon 2019

La Lawn Tennis Federation, per la prima volta dopo tre anni, ricava un profitto grazie all’edizione di Wimbledon della passata stagione

Pubblicato

il

(photo credit: AELTC/Thomas Lovelock)

Che il tennis britannico stesse attraversando un periodo finanziariamente florido lo si intuiva anche dalle cospicue donazioni fatte in questo periodo per contrastare la crisi del coronavirus, e adesso la Lawn Tennis Association, la federazione che governa il tennis in Gran Bretagna, ha messo a disposizione anche qualche numero per certificare la loro attuale stabilità. Come riporta il ‘The Guardian’, per la prima volta dopo tre anni di perdite pianificate, la LTA ha annunciato di aver ottenuto dei ricavi di 8.7 milioni di sterline grazie all’edizione di Wimbledon dello scorso anno.

Ogni anno Wimbledon paga una certa somma alla LTA che corrisponde a circa il 60% delle sue finanze totali. Nelle ultime tre stagioni però, a causa della costruzione del tetto sul campo 1 terminata lo scorso anno e altri ingenti investimenti nei tornei sull’erba pre-Wimbledon, lo Slam londinese si era visto ridurre notevolmente i suoi ricavi e anche la somma da versare alla LTA era stata inferiore. Ma il progetto ha funzionato a dovere perché la passata edizione ha fatto registrare un surplus di oltre 50 milioni di sterline, segnando come detto un ricavo per la Lawn Tennis Federation di 8.7 milioni, in controtendenza con la perdita di 6.3 milioni del 2018. Il reddito totale della LTA per il 2019 è stato quindi di 77 milioni di sterline.

Nonostante questa rosea situazione finanziaria, la federazione britannica ha comunque utilizzato la cassa integrazione per una cinquantina di suoi dipendenti – circa la metà del totale – durante il mese di aprile. Le entrate per questo 2020 comunque non si sono ancora esaurite, dato che si attende ancora il rimborso dell’assicurazione per pandemie che aveva sottoscritto il torneo di Wimbledon, cifra che ovviamente andrà spartita tra gli organizzatori del torneo e la Lawn Tennis Association.

 

Continua a leggere
Commenti

Flash

Nel nuovo spot della Nike ci sono Nadal, Serena, Osaka e Lebron James sulle note di David Bowie

Preparate i fazzoletti, perché si rischiano le lacrime

Pubblicato

il

Rafa Nadal - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Nike avrà anche fallito più di qualche outfit di recente, e noi non abbiamo mancato di bacchettare certe infelici scelte stilistiche. Ma quando si tratta di pensare a uno spot, di fallimenti in casa Nike se ne contano ben pochi.

L’ultimo è stato pubblicato pochi giorni fa e si chiama Never Too Far Down | You Can’t Stop Us’, ovvero ‘Mai troppo a fondo | non potete fermarci’. Novanta secondi per invitare il mondo a rialzarsi dall’emergenza coronavirus, che nella pubblicità non viene però mai citata – come in tutte quelle che funzionano: il nemico va solo combattuto, sappiamo tutti qual è e non serve menzionarlo. C’è spazio solo per l’inno di speranza.

La voce narrante è quella del campione di basket Lebron James, che compare anche nelle immagini assieme a diversi altri atleti di fama mondiale tra cui Tiger Woods, Cristiano Ronaldo e tre tennisti: Rafael Nadal, Serena Williams e Naomi Osaka. La colonna sonora è una versione ‘only piano’ di Life on Mars, uno dei capolavori di David Bowie.

 

E ora godetevi le immagini. Subito in calce al video, abbiamo tradotto il testo recitato da Lebron James.

Tutti noi siamo stati sottovalutati. In quei momenti, ci sembrava che fosse finita. Ma è proprio quando non ci viene data alcuna possibilità che noi troviamo da qualche parte quel po’ di forza che serve per continuare a lottare. E allora abbiamo fatto quello che nessuno credeva possibile. Nemmeno noi.

Siamo tornati dall’impossibile. Dall’essere a pezzi. Abbiamo trovato una strada quando sembravamo senza speranza. Siamo ritornati quando avremmo dovuto essere dimenticati già da un po’. E lo abbiamo fatto un’altra volta, e un’altra volta ancora.

Adesso stiamo lottando per qualcosa di molto più grande di una vittoria o di un titolo. Ma se abbiamo imparato qualcosa dallo sport è che non importa quanto a fondo possiamo essere; non saremo mai tanto a fondo da non poter risalire.

Continua a leggere

Flash

L’estate alternativa: il World Team Tennis durerà tre settimane (dal 12 luglio)

Si giocherà a partire dal 12 luglio in un resort in West Virginia che garantisce ampi spazi per il rispetto delle misure di sicurezza. “Non saremo in campo in un cortile – spiega il CEO – sembrerà quasi un torneo professionistico”

Pubblicato

il

Sofia Kenin in conferenza dopo la vittoria dell'Australian Open 2020: ci sarà anche lei in West Virginia

Nuova organizzazione anche per il World Team Tennis, campionato statunitense a squadre che si inserisce, quest’anno, nell’inattività dei circuiti principali. E ne trae beneficio, considerato il livello dei partecipanti e la possibilità di estendere la durata. Si giocherà per tre settimane, a partire dal 12 luglio, nel resort di Tge Greenbrier in West Virginia secondo le anticipazioni diffuse da ESPN. Verrà così aggirato il problema dei viaggi.

Tra i protagonisti, suddivisi in nove team (cinque giocatori e un allenatore), viene assicurata la partecipazione di Sloane Stephens e Sofia Kenin, dei fuoriclasse del doppio Bob e Mike Bryan, di Grigor Dimitrov, Danielle Collins e Tennys Sandgren. “Non saremo in campo nel cortile di qualcuno – ha commentato il CEO Carlos Silva -, sembrerà quasi un grande torneo professionistico“. Nel resort sono disponibili 700 stanze per l’hospitality (l’organizzazione ne prenoterà un centinaio) e numerosi campi, tra cui quello principale con tribune da 2500 posti.

LA STORIA – Che potrebbero comunque rimanere vuoti, se le misure di sicurezza dovessero imporlo. Anche se l’organizzazione ha già fornito tutte le possibili garanzie di sanificazione e distanziamento sociale nel caso le autorità dovessero consentire un’apertura delle porte, anche parziale. L’evento godrà di una buona copertura televisiva visto che a ESPN si aggiungerà anche CBS. Il World Team Tennis, nato nel 1973, è andato avanti tra alterne fortune riuscendo però negli anni anche a coinvolgere nomi importanti: Andre Agassi, Kevin Anderson, Victoria Azarenka, Boris Becker, James Blake, Bjorn Borg, John McEnroe, Jimmy Connors, Martina Navratilova, Pete Sampras, Andy Roddick e Maria Sharapova, spesso protagonista prima del ritiro che aveva annunciato la partecipazione anche quest’anno, prima di appendere la racchetta al chiodo.

 

Continua a leggere

Flash

Roland Garros, l’ottimismo di Giudicelli: possibile anche l’apertura al pubblico

Il presidente della Federazione francese dà rassicurazioni sulla disputa dello Slam parigino: “Abbiamo evitato il peggio, l’ipotesi della cancellazione”

Pubblicato

il

Bernard Giudicelli ci crede: il Roland Garros a fine settembre è da considerarsi più che un’ipotesi e si potrebbe disputare anche con un accesso regolamentato di spettatori. Intervistato da Emilie Loit sull’account Twitter della FFT, il numero uno del tennis francese ha spiegato: “Mi sento di dire che abbiamo evitato il peggio, l’ipotesi della cancellazione. C’è stato un rinvio di alcuni mesi, tutto qui: è un gran sospiro di sollievo. Abbiamo salvato il più grande torneo del mondo su terra battuta e penso che sia il fatto principale”. Lo Slam parigino è oggi in programma dal 20 settembre al 4 ottobre, con la possibilità di slittamento di una settimana – ne beneficerebbero i sogni di Roma – in un calendario destinato comunque a essere fluido. In attesa della decisione definitiva, prevista a metà giugno, sullo US Open.

PORTE SEMI APERTE – Giudicelli ha toccato di striscio anche un altro dei grandi temi legati alla ripresa: la presenza del pubblico. “Ci indirizzeremo verso una forma di organizzazione a scartamento ridotto“, le sue parole riportate anche dal sito della FIT che magari proverà a seguire la stessa linea per gli Internazionali. Si lavora quindi per provare ad aprire le porte, pur in forma chiaramente ridotta per le misure di sicurezza dettate dall’emergenza sanitaria. A oggi, il Roland Garros ha comunque avviato la procedura di rimborso dei biglietti venduti per le date originarie (24 maggio-7 giugno).

Con la nuova calendarizzazione, dovrà essere riaperta la vendita soggetta al numero ridotto di posti eventualmente autorizzato. La scelta italiana è al momento differente: i possessori di biglietto – acquisti comunque sospesi da un paio di mesi – sono stati informati della speranza di poter organizzare comunque il torneo a settembre. Un “vi faremo sapere”, dalla sfumatura ottimistica. Non è stata attivata al momento la procedura di rimborso, in attesa delle evoluzioni.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement