Sakkari detronizza Swiatek: il Roland Garros avrà 4 semifinaliste inedite

Flash

Sakkari detronizza Swiatek: il Roland Garros avrà 4 semifinaliste inedite

La greca gioca una gran partita e estromette la campionessa in carica. Avremo una nuova campionessa Slam. E Sakkari sembra favorita

Pubblicato

il

Maria Sakkari - Roland Garros 2021 (via Twitter, @rolandgarros)

[17] M. Sakkari b. [8] Iga Swiatek 6-4 6-4

Dopo ventidue set consecutivi vinti sulla terra del Roland Garros, Iga Swiatek è tornata a perdere un parziale, anzi, ne ha concessi due di fila a Maria Sakkari ed è stata costretta a salutare il torneo. L’eliminazione della campionessa in carica è l’ultima grande sorpresa di un’edizione 2021 davvero particolare e ricca di risvolti inaspettati.

Diciamo l’ultima, perché da qui in poi nessun risultato potrà essere realmente considerato sorprendente. L’uscita di scena di Swiatek ha regalato la certezza di poter salutare una nuova campionessa Slam, ma non solo, tutte le quattro tenniste rimaste in gara (Zidansek, Pavlyuchenkova, Krejcikova, oltre ovviamente a Sakkari) sono alla loro prima semifinale Slam in carriera. Negli ultimi anni (diciamo dal titolo di Ostapenko nel 2017), il Roland Garros femminile ha spesso regalato grandi cavalcate di giocatrici meno note o ha ospitato i successi di meteore e promesse più o meno mantenute. Basti pensare che dall’introduzione del sistema a 32 teste di serie a Wimbledon 2001 si sono alternate 73 nuove semifinaliste (incluse quelle di quest’anno) e ben 26 di queste hanno raggiunto tale traguardo a Parigi, nove solo nelle ultime tre edizioni.

 

Tornando al match, bisogna dire che sono stati certamente tanti i meriti di Sakkari, probabilmente più delle colpe di Iga – non al top fisicamente e in costante difficoltà nello scambio, soprattutto sulla diagonale di destra. Fondamentali sono state per la greca le quattro palle break annullate dalla greca nel quarto game dell’incontro, che se convertite avrebbero potuto lanciare Swiatek e assestare un duro colpo a Sakkari, fino a quel momento un po’ spaesata. Scampato quel pericolo, però, Maria ha cominciato a prendere in mano le redini del palleggio, spingendo col dritto e difendendosi molto bene anche dal lato del rovescio. Una vittoria dunque nel complesso strameritata, che lancia la Grecia del tennis a Parigi dopo il successo serale di Stefanos Tsitsitpas contro Daniil Medvedev.

Grecia che è l’unico Paese ad aver portato più di un rappresentate così lontano nel torneo e che può anche sognare in grande. Non solo per meriti di classifica, ma anche per quanto visto finora, Sakkari è infatti da considerarsi a tutti gli effetti la favorita per la vittoria finale, anche se nessuna delle restanti ragazze ha ovviamente intenzione di stenderle un tappeto rosso.

IL MATCH – L’ingresso in partita è piuttosto confuso da parte di entrambe le giocatrici: Iga incassa gli errori della greca e sale 2-0, ma restituisce immediatamente il favore con un paio di drittacci lunghi di un metro. Sul 2-1, Sakkari annulla quattro palle break cruciali che la mantengono in gioco in una fase in cui la partita è ancora molto giovane e la greca non è ancora completamente a fuoco. Tre chance vengono cancellate molto bene col servizio, una con un bel rovescio lungolinea; Swiatek ha poco da recriminare.

Nel game successivo tocca alla polacca salvare tre palle break. Swiatek è brava a cavarsela un paio di volte con la battuta e vincendo uno scambio molto lungo, ma in generale comincia a farsi evidente la differenza tra quando può giocare con la prima e quando è costretta a ricorrere alla seconda. Chiuderà il match con il 43% di punti vinti col servizio di riserva (non era mai scesa sotto il 45% nel torneo, rimanendo sopra il 50% nei primi tre incontri).

La svolta decisiva arriva sul 4-4: Swiatek apre con un doppio fallo, poi Sakkari fa il resto (pregevole soprattutto un gran contropiede di dritto su un rovescio lungolinea della polacca che sembrava definitivo). Il break si concretizza su un gratuito di dritto di Iga, che lancia Sakkari verso la conquista del primo set. Tanto per non farsi mancare nulla, Maria chiude il parziale con un punto da applausi.

La greca non soffre da dietro e gioca mettendo molta pressione all’avversaria, che appare un po’ scarica e chiama un medical time out sul 2-0 Sakkari. Il problema sembra quasi più al ginocchio che alla coscia, e la fisioterapista le fa stendere la gamba – verificando che sia tutto ok proprio tra coscia e ginocchio – prima di accompagnarla negli spogliatoi per effettuare un trattamento. Durante l’assenza dal campo di Swiatek, Sakkari guarda il campo come un leone guarda l’arena in attesa che gli diano un cucciolo da sbranare, muovendo spesso la testa per tentare di intercettare il ritorno dell’avversaria. Al rientro in campo, la polacca mostra una vistosa fasciatura, ma anche una discreta verve. Iga tiene il servizio in maniera convincente, ma in risposta è ancora lontana dal rendersi pericolosa.

Sul 3-1, Swiatek si ritrova sotto 15-40, offrendo due occasioni a Sakkari di prendersi un doppio break di vantaggio. La polacca però rovista nel proprio orgoglio e gioca quattro punti pressoché perfetti, di quelli che l’hanno resa tanto temibile su questi campi, assestando in rapida successione due dritti lungolinea vincenti, un bel rovescio incrociato e un ottimo kick. Resta però sempre un break da recuperare e Sakkari non sembra avere alcuna intenzione di rinunciare al prezioso vantaggio. Ordinata, implacabile, la greca gestisce benissimo gli scambi e le proprie energie, senza mai staccare il piede dal collo dell’avversaria ferita.

Sul 5-4, Maria si arrampica con grande autorevolezza sul 40-0, pronta a chiudere la partita. Swiatek lascia andare due gran risposte di dritto, quasi a occhi chiusi, e cancella i primi due match point, ma sul terzo è infine costretta a cedere e a lasciare la corona di campionessa in carica, in attesa di scoprire chi sarà a raccoglierla.

Ha collaborato Alessandro Stella

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

Australian Open, Berrettini domato al 4° da Nadal: Rafa mette il 21° slam nel mirino [VIDEO]

Il maiorchino domina Matteo nei primi due parziali, poi la reazione dell’italiano. Rafa, però piazza la zampata quando gli serve: sarà la sua sesta finale a Melbourne

Pubblicato

il

[6] R. Nadal b. [7] M. Berrettini 6-3 6-2 3-6 6-3

S’era detto, scritto, sussurrato: Rafa è stanco, ha problemi fisici, il match di quarti con Shapovalov, ripreso per i capelli dopo quattro ore di lotta, l’ha lasciato cotto, bollito. Se Matteo mette almeno il 75% di prime, se martella con il dritto, si può fare. Se, se, se, ma le ipotesi evaporano abbastanza in fretta quando la realtà piomba nella sua nuda freddezza al fischio di avvio di una semifinale Slam, soprattutto quando la semifinale Slam la giocano certi habitué. Dire che anche il contesto climatico-ambientale s’era messo bene: Giove Pluvio pareva aver inteso infondere ulteriore coraggio al Nostro, scaricando su Melbourne la pioggia fitta di una giornata cupa, che ha forzato gli organizzatori a serrare il tetto sulla Rod Laver Arena. “Le condizioni indoor aiutano i grandi colpitori“, lo aveva detto anche Nadal, e Matteo Berrettini della categoria moderni colpitori è uno dei rappresentanti più illustri. Tuttavia un colpitore, anche il migliore, può poco, se non gli è dato modo di colpire la palla per più di un’ora e mezza.

La semifinale, a suo modo storica, dell’Open d’Australia 2022 è stata a lungo un pianto per il nostro numero uno, e ha rischiato di rimanere impressa nei libri di storia alla voce mattanza. Non che le colpe di Matteo fossero esorbitanti, questo va detto. Più corretto, piuttosto, parlare di deficit strutturali, i più temuti: il leggendario dritto di Rafa Nadal è andato come prevedibile a incocciare continuamente sul malcerto rovescio di Matteo, e ciò ha prodotto l’esiziale disequilibrio utile a condizionare l’intera contesa almeno per i primi due set. Nello scambio, il sempre sagace maiorchino cambiava sul dritto una volta ogni cinque, sei colpi, tanto per diversificare. Poi tornava puntualmente di là, sulla diagonale favorita, provocando in Berrettini dannosissime emorragie di precisione e spinta.

 

Il lato sinistro, il nodo cruciale: incapace di reggere finanche con il solitamente affidabile back di rovescio, il numero uno italiano non è stato a lungo in grado di aggrapparsi all’ossigeno dei cambi lungolinea, finendo per rimanere rincantucciato in un angolo, con la guardia chiusa, impossibilitato a spingere. E se uno come Matteo non può spingere, come minimo finisce nella leggendaria ragnatela di Nadal: un colpo, due, tre, dieci: fine della storia. A un certo punto, sul conclamato 6-3 6-2 Spagna si è temuto il peggio, ma l’allievo di Vincenzo Santopadre è stato bravo, ha rialzato la testa e, costretto al rischiatutto, non è nemmeno andato lontanissimo dal riaprire la contesa, quando i suoi colpi hanno preso a far male e quelli di Rafa ad arrivare un po’ più tardi e un po’ più corti. Un brutto game, l’ottavo del quarto set, ha condannato l’italiano, che esce comunque a testa altissima e una posizione più in alto nel ranking, per quanto conta: da lunedì sarà il nuovo numero sei del mondo.

LA PARTITA – Berrettini, che giocava la terza semifinale Slam della carriera a fronte delle sole trentasei nel curriculum del rivale, e che è entrato in campo senza comunque aver mai battuto alcun top 10 in un Major, è partito molto contratto, incapace di imboccare l’unica via d’uscita razionalmente disponibile: lucrare altissimi dividendi dal fondamentale d’inizio scambio, chiudere con il vincente entro i primi cinque colpi ed evitare, per quanto possibile, di rimanere imbottigliato sulla diagonale sinistra. Purtroppo il cannone non è stato così efficace, anche perché il demonio di Manacor gli ha spesso preso il tempo impedendogli una proficua organizzazione. Il primo set, dopo un game inaugurale ai vantaggi, se n’è andato insieme al break chiuso da Rafa nel secondo gioco figlio di due errori consecutivi commessi da Matteo con il rovescio. Nei rari casi in cui ha provato a mettere la testa fuori dall’acqua, il romano è stato subito ricacciato indietro da Nadal: sul 30 pari del settimo game, per esempio; una mini-chance strozzata da due dritti da cinema giocati dallo spagnolo.

Non sento la palla“, abbiamo potuto leggere sulle labbra di Berrettini a fine primo set, mentre il collega, rinfrancato dal punteggio, faceva sfracelli sulla sua seconda di servizio (15/34 alla fine, percentuale migliorata grazie alla resa nelle ultime due frazioni). Stessa solfa, anzi, solfa persino peggiore, nel secondo set: nel primo gioco è subito arrivato un nuovo break per Nadal, discreto regalo dell’azzurro prodigo nel concedere due errori di dritto oltre alla solita svista di rovescio, e nel terzo la slavina si è ingrossata con una nuova incursione di Rafa nel turno di servizio dell’italiano, bravo ad annullare tre palle break e meno nel tirare lunghissimo il dritto dello 0-3 cosiddetto pesante.

Per fortuna, ma anche per merito di un Berrettini forse ora più libero di testa, la tempesta si è acquietata nel terzo set. Primo segnale nel settimo gioco, il primo vinto a zero dal nostro connazionale. Il secondo, discreto spartiacque ancorché parziale, nell’ottavo, sul 30 pari servizio Berrettini, quando Nadal ha mandato fuori di un soffio la stop volley che lo avrebbe portato a palla break. Lì la partita è cambiata: Matteo ha inaugurato una striscia di ventitré punti consecutivi al servizio, mentre Rafa, che nel frattempo aveva perso un pizzico della strabordante brillantezza d’inizio match, ha preso ad accorciare sensibilmente i colpi. Il combinato disposto dei due fattori ha partorito una chance, che Berrettini è stato bravo a cogliere insieme allo stupendo ottavo game giocato in risposta, vinto alla seconda delle tre consecutive palle break procuratesi grazie a uno sventaglio di Nadal out di metri, a un eccezionale passante con il dritto lungo linea e a una decisa risposta di rovescio.

Di tutt’altro umore rispetto al complicatissimo avvio di partita, Matteo ha preso ad aggredire anche in risposta: bravissimo, ma non abbastanza da approfittare dei due 15-30 avuti in dotazione nel primo e nel settimo game del quarto set. Si sa, certi avversari sono avari: concedono un’occasione, due quando va grassa, tre è già una di troppo, e te la fanno pagare cara. Nel decisivo ottavo gioco, quello che ha chiuso la famosa striscia dei ventitré punti in fila al servizio, Matteo è stato improvvisamente abbandonato da battuta e dritto. Ha annullato una prima palla break resistendo in modo commovente a uno scambio da ventitré colpi, ma il terzo dritto sbagliato nel game gli è stato fatale. Rafa non ha avuto problemi a chiudere la contesa al servizio di lì a poco, quando l’ennesimo rovescio in rete di Berrettini, simbolo della partita se ce n’è stato uno, ha decretato la fine dei giochi.

LE PAROLE A CALDO –I primi due set sono stati i migliori che io abbia giocato in non so quanto tempo“, ha confidato Nadal a Jim Courier durante l’intervista in campo. Questo per dire che Matteo non ha avuto una giornata particolarmente fortunata. “Il ventunesimo Slam? I record in questo preciso momento mi interessano poco, adesso conta solo provare a vincere l’Australian Open. Due mesi fa non sapevo nemmeno se avrei potuto continuare a giocare a tennis, dunque questo risultato resta straordinario“. In molti non lo vedevano affatto bene, dopo il match con Shapovalov chiuso in ginocchio e disidratato, “ma quarantotto ore di riposo, che a volte sono anche troppe, stavolta mi hanno aiutato. Il mattino dopo la partita mi sono svegliato sorpreso di stare così bene“. Stava benino Rafa, l’abbiamo notato. Domenica giocherà contro uno tra Daniil Medvedev e Stefanos Tsitsipas la sua sesta finale all’Open d’Australia, alla caccia del secondo hurrà. Sarà la ventinovesima in uno Slam: dovesse vincere sarebbero ventuno trionfi Major, uno in più di Roger Federer e Novak Djokovic. Numeri da leggenda, ci mancherebbe altro, e un risultato impensabile anche solo qualche settimana fa. Per Matteo un altro scalino nella scalata verso il trionfo che vale una carriera, ma l’ora non è ancora giunta. Le solite facce per il momento non hanno voglia di svernare sul divano.


TABELLONE MASCHILE

TABELLONE FEMMINILE


Continua a leggere

Flash

Zverev riparte da Montpellier: una wild card dopo la batosta all’Australian Open

Il numero tre del mondo riparte dalla sua comfort zone, un torneo indoor in Europa, dopo la sconfitta contro Shapovalov

Pubblicato

il

Alexander Zverev - ATP Cup 2022 Sydney (foto Twitter @ATPCup)

Poca voglia di restare a casa, nessuna intenzione di rimanere altri giorni a rimuginare: Alexander Zverev tornerà subito in campo nella settimana successiva all’Open di Australia. Il tedesco numero 3 del mondo ha infatti ricevuto una wild card dagli organizzatori dell’ATP 250 di Montpellier, evento indoor che si giocherà la settimana prossima. Una location non lontanissima da Monaco, dove Zverev ha la residenza, e condizioni di gioco che potrebbero ricordare quelle di Torino, dove pochi mesi fa Sascha ha vinto le ATP Finals, per ritrovarsi subito e ripartire forte dopo il brutto KO negli ottavi di finale degli Australian Open contro Shapovalov. Una batosta che ha confermato ulteriormente il poco feeling del tedesco verso le prove del Grande Slam. Il tabellone dell’ATP di Montpellier dovrebbe vedere protagonisti, a meno di rinunce dell’ultimo momento, anche Gael Monfils e Roberto Bautista Agut.

Continua a leggere

Australian Open

[VIDEO] Il punto del direttore Scanagatta: “Spero in una finale femminile combattuta”

Ubaldo deluso per la poca battaglia vista nelle semifinali: “Barty mi ricorda Bjorn Borg a Parigi 1978”

Pubblicato

il

Ashleigh Barty all'Australian Open 2022 (Credit: @AustralianOpen on Twitter)

Nel consueto punto di giornata sulla nostra pagina Instagram, il direttore Ubaldo Scanagatta fa un breve riepilogo delle due semifinali femminili dell’Australian Open andate in scena oggi, giovedì 27 gennaio. “Due semifinali a senso unico. Barty ha dato 6-3 6-1 alla Keys, è la prima australiana in finale nel torneo di casa dal 1980. Collins, che dopo questo torneo sarà tra le prime dieci del mondo, ha dato  6-4 6-1 a Swiatek -dice Ubaldo -. La Barty ha un rovescio slice che mi ricorda Federer, ma per aver perso solo 21 game in 6 partite mi ricorda Bjorn Borg, che a Parigi nel 1978 ne perse 32 in 7 (ma lui giocava tre set su cinque). La Collins, dopo un anno da una delicata operazione, tira fortissimo e contro la Barty può fare meglio di Anisimova e Giorgi. Spero di assistere a una finale lottata dopo tante partite senza storia”.

Ecco il video, reperibile anche sulla pagina Instagram di Ubitennis, che potete seguire per rimanere aggiornati in tempo reale su tutto ciò che accade nel mondo del tennis.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Ubitennis (@ubitennis)

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement