Sinner: “Gli infortuni? Niente è casuale, devo essere ancora più professionale”

evidenza

Sinner: “Gli infortuni? Niente è casuale, devo essere ancora più professionale”

Al Pala Alpitour di Torino, Jannik Sinner. ospite nella lounge Lavazza parla della stagione appena conclusa, della nuova Next Gen, di quel punto allo US Open vs Alcaraz, di Berrettini, Piatti e altro ancora

Pubblicato

il

Jannik Sinner – ATP Finals 2022
 

La stagione Jannik Sinner è stata tormentata dagli infortuni e si è chiusa con l’annuncio del forfait in Coppa Davis. L’azzurro ha terminato il 2022 al 15° posto del ranking, certamente non il risultato atteso a inizio anno, ma nemmeno disprezzabile vista la quantità di problemi fisici che lo hanno afflitto. Niente ATP Finals da protagonista, quindi, ma lunedì Jannik è comunque arrivato al Pala Alpitour di Torino. Di seguito, la sua chiacchierata – fra un caffè e l’altro – con i giornalisti presenti, invitati per ascoltare il loro testimonial Sinner, non sempre facilmente raggiungibile. Un grazie è d’obbligo

D: La musica ti aiuta a concentrarti quando sei in campo?

Jannik Sinner: “Sinceramente qualche volta non me ne accorgo neanche, perché comunque sono talmente focalizzato su quello che devo fare che non ci pensi. Qualche volta però ti rilassa, dipende un po’ dalla partita”.

D: Hai alcune scaramanzie particolari? Ad esempio Nadal con le bottiglie e i suoi rituali è fuori da ogni immaginazione…

 

Jannik Sinner: “Qualche volta magari tra uno scambio e l’altro mi immagino delle righe sulle diagonali, però niente di speciale. Se faccio un torneo abbastanza bene un anno, la stagione successiva cerco più o meno di mantenere tutto uguale: stessa doccia, stesso bagno, ma se ad esempio è occupato non mi faccio grandi problemi!”

D: Tutto ciò funziona?

Jannik Sinner: “In alcuni tornei sì, in altri no”.

D; “Hai visto le partite di ieri? Come ti sono sembrate le condizioni del campo?”

Jannik Sinner: “Il campo secondo me è abbastanza veloce, ho visto ieri la partita tra Ruud e Auger-Aliassime e non c’erano tanti scambi. Ho visto un po’ anche Rafa, e da quanto ho visto sembrava decisamente veloce”.

D: A proposito di Nadal, in un’intervista a Parigi aveva parlato di te, dicendo che sei arrivato ad un punto dal vincere gli US Open, perché secondo lui se avessi vinto contro Alcaraz avresti vinto il torneo. Hai pensato un po’ anche tu la stessa cosa?

Jannik Sinner: “È difficile parlarne a posteriori. La partita dopo sarebbe comunque stata molto complicata contro Tiafoe e la finale con Ruud anche, perché lui era già arrivato una volta in una finale Slam. Sicuramente il livello di tennis che abbiamo espresso io e Carlos era altissimo, quando vinci certe partite quel livello te lo porti dietro e probabilmente poi dopo potresti giocare comunque bene. In ogni caso, è difficile dirlo, anche se quella sconfitta mi ha fatto molto male. Per me può comunque essere un bene, magari mi torna utile per l’anno prossimo, per avere più confidenza e fiducia.”

Ubaldo Scanagatta, Ubitennis: Di tutti questi infortuni che hai avuto, ce n’è qualcuno in particolare di cui avresti proprio fatto a meno o sono tutti uguali?

Jannik Sinner: “Quando ti fai male non è mai piacevole, non perché devi ritirarti ma perché proprio non riesci a stare in campo ed allenarti. Quella è la cosa che mi fa più male, perché a me piace giocare a tennis, quella è la mia passione e l’ho scelta per quello. Se devo sceglierne uno, forse opterei per quello capitato a Miami con le vesciche: sapevo che avrei potuto giocare molto bene. Ritirarmi dal match con Cerundolo mi ha fatto proprio male, sentivo che avrei potuto giocare bene. In quel torneo avevo alzato l’asticella con Kyrgios nel turno precedente e quasi non sono riuscito ad entrare in campo. D’altra parte, tuttavia, sono tornato più forte credo. Ogni infortunio che mi è capitato mi ha permesso di tornare più forte, speriamo sia così anche questa volta.”

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Jannik Sinner al microscopio

D. Adesso cosa fai? Stacchi un pochino, vai a sciare…?

“Ho staccato dopo Parigi perché sapevo che non potevo giocare qua. E poi mi volevo allenare per quasi due settimane per la Davis, prima però ho sentito sempre dolore a questo dito qua. Ho fatto il controllo lo scorso giovedì, quando ho saputo che non potevo giocare comunque avevo già iniziato a lavorare sulla preparazione fisica senza toccare la racchetta o i pesi. Quando andrà meglio il dito si continuerà anche a giocare a tennis.”

D. Il problema al dito?

“È sull’indice, il legamento. Anche se non vorrei dire esattamente cos’è. Sinceramente non pensavo che fosse così grave il problema a Parigi. Non è dovuto a uno stress o trauma. Non ho giocato tantissimo quest’anno inoltre. Ho sentito una botta nel secondo-terzo game contro Huesler, forse quando stavo servendo dotto 0-2. Non pensavo fosse così grave. Invece poi più andavo avanti e più lo sentivo.”

D. La decisione di non giocare la united cup?

“La United Cup l’avevo già esclusa. Abbiamo visto cos’è meglio per noi. Darren è di Adelaide e poi credo che per me è meglio fare un torneo classico prima per poi allenarsi una settimana prima di Melbourne.”

D. Finisce il tuo primo anno in cui hai cambiato qualcosa: cosa ti sei portato di più quest’anno e quali sono i miglioramenti che vorresti fare il prossimo.

“Sicuramente sono migliorato fisicamente. Poi il servizio. La risposta deve diventare più un’arma. Anche mentalmente, sono forte ma posso salire tanto e quella parte mi permetterà di essere un giocatore ancora più completo. Quest’anno ho fatto meno tornei, ho perso meno partite, non so se ne ho vinte di più. Ho fatto un anno più costante e questa è la cosa più importante. L’obiettivo per l’anno prossimo è continuare a crescere e migliorarsi e poi vediamo dove sarò tra un anno.”

Sinner ora n. 14 è più forte di quello che era n. 9?

“Secondo me è più forte perché lo dicono anche i risultati nei tornei più grossi. Sono stato più costante. Come persona? Non sono cambiato niente. Sono uno che si diverte con poco, giochiamo a carte prima di ogni match col mio team. Giochiamo a un gioco simile a scala 40, ma è un gioco francese e si deve scendere con 51 punti. Non è difficile, ci vuole anche fortuna!”

Scanagatta: Che gioco fate a carte?

“Simile a scala quaranta, ma è una versione francese, bisogna scendere da 51 punti e avere una scala senza il jolly. Un casino…”

Con chi giochi di solito?

“Cono la mia squadra, Simone, Jerome che ci ha insegnato il gioco. Ma anche Darren. Ci vuole molta fortuna…”

Ma un bel viaggetto a Lourdes, a proposito di fortuna? Ti sta succedendo di tutto a livello di fortuna…

“Io credo che evidentemente devo essere ancora più professionale di quello che sono perché niente succede per caso. Se prendi una storta è sfortuna, altrimenti no. Bisogna essere ancora più bravi nel prevenire certe cose. Forse avere tanti tipi diversi di infortuni è stata anche una fortuna così vedo su cosa devo migliorare. Io sono pronto ad essere ancora più professionale”.

Il tuo fisico si sta ancora assestando?

“Non lo so: i miei genitori l’ultima volta che mi hanno visto mi hanno detto che sono cresciuto ancora… Spero che la crescita si sia fermata, così possiamo lavorare in modo diverso. Non penso in ogni caso di crescere altri cinque centimetri… Ora sono 191 cm, mentre peso tra i 75 e i 76 kg”.

Gaudenzi ha evidenziato che questa è un’edizione delle Finals caratterizzata dal fatto che molti giocatori sono passati dalle Next Gen. Questo mette o toglie pressione?

“Su questo è meglio se parlate con chi gioca qui. Da spettatore è difficile dire se ci sia pressione o meno. Probabilmente sarà un torneo un po’ diverso rispetto all’anno scorso; c’è chi ha già vinto questo torneo da giovane, come Medvedev e Tsitsipas, chi lo gioca per la prima volta come Fritz e Auger-Aliassime, chi è sempre lì come Rublev. Saranno belle partite”.

Alcaraz, Rune, Sinner e Musetti. Un’altra next gen? Cosa avete di particolare rispetto alla Next Gen precedente?

“Difficile da dire. Forse abbiamo un po’ più di personalità in momenti topici, ma il momento è alto in generale. Se guardi il numero 10 o il numero 50 e non sai quale è la loro classifica, spesso non sai chi dei due è il top ten. Riparliamone l’anno prossimo e vedremo cosa sapremo fare”.

Chi ti ha impressionato di più quest’anno tra gli avversari? Un nome solo…

“Alcaraz perché ha vinto due 1000, ha vinto uno Slam, ha vinto contro Rafa e Nole sulla terra consecutivamente”.

E’ il giocatore da battere?

“Sì, ma ci devi arrivare, perché lo trovi in fondo ai tornei… Ormai tutti sono forti”.

Tu lo hai battuto. Come si batte Alcaraz?

“Giocando bene! (sorridendo). Diciamo che sul piano mentale io mi sento forte. Ma su tante cose posso ancora migliorare. Io credo che lui sia uno dei giocatori più forti sul piano mentale. Ma anche io lo sono. Quindi forse per questo quando giochiamo uno contro l’altro escono sempre belle partite; quando siamo in difficoltà, entrambi sappiamo trovare le soluzioni. Comunque lui ora ha un’altra posizione rispetto alla mia e io devo pensare a me stesso, lavorando su quello che devo migliorare”.

La forza mentale cresce giocando più match importanti? O con un mental coach?

“Io lavoro con un mental coach, ma alla fine devi essere bravo a capire cosa è buono per te o meno. Questo arriva con l’esperienza. Quello che ha fatto Nole contro di me a Wimbledon è qualcosa che a me manca ancora. Io ero troppo lento a capire come lui giocava e cosa dovevo fare io. Questa era la differenza; lo avessi capito prima, non ci sarebbe stata una rimonta così netta nel punteggio. Vedremo la prossima volta come andrà”.

Scanagatta: Quando hai stabilito di non poter giocare la Davis, hai sentito Berrettini?

“Prima ne ho parlato col mio team, perché dovevo cercare di capire quale era la cosa migliore per me o comunque per noi. Poi ho chiamato Filippo, perché è lui a dover sapere queste cose, e poi ho mandato un messaggio sul gruppo dove siamo tutti. Ma non ho parlato a Matteo in particolare. La cosa positiva è che abbiamo tantissimi giocatori forti che possono competere contro chiunque. Io farò il tifo, purtroppo da lontano, ma con piacere, perché ho fatto le qualificazioni per andare a Malaga. Lì c’è il divertimento vero e purtroppo non ci sono. Questo mi fa male, non vedevo l’ora di giocare la Coppa Davis dopo lo US Open perché giocare per l’Italia mi dà tante emozioni”.

Scanagatta: Contro gli Stati Uniti come la vedi?

“Noi siamo forti, ci dobbiamo credere. La Coppa Davis è una competizione di squadra, non individuale. Noi ci crediamo, abbiamo un ottimo team intorno, e tante cose buone. Speriamo di riuscire a batterli, sarebbe un passo molto importante”.

Ti aspettavi un’esplosione così immediata di Rune?

“Avevo giocato contro di lui a Sofia e già sentivo che stava giocando molto, molto bene: poi ha fatto questo salto di qualità a fine anno e gli devo fare i complimenti perché ha fatto vedere un ottimo livello di tennis. Vedremo l’anno prossimo come andrà, io devo continuare a lavorare, vediamo l’anno prossimo come va”.

Scanagatta: Con Piatti vi siete più sentiti?

“Ci siamo lasciati in ottimi rapporti, ma non voglio più parlare tanto di questa cosa”. (nota di Ubaldo Scanagatta: “Questa risposta lascia però pensare che qualche problemino ci sia ancora”. Questioni economico-legali in ballo? Al momento sarebbero pure illazioni. Prima o poi sapremo, forse, di più

Continua a leggere
Commenti

Coppa Davis

Stati Uniti, Fish: “L’assenza di Ram? Scelta mia e mi prendo le colpe. Sonego il migliore oggi”

Grande amarezza nel team USA, in particolare da parte del capitano Fish che si assume la responsabilità delle sue scelte

Pubblicato

il

dal nostro inviato a Malaga

Poco dopo il termine del doppio decisivo tra Stati Uniti e Italia si sono presentati in sala stampa i due doppisti, Jack Sock e Tommy Paul, accompagnati dal capitano Mardy Fish. Ovviamente facce tirate con Sock in particolare dallo sguardo assente, che a vederlo sembrava solo aver voglia di andarsene. Poi parlando con Volandri abbiamo anche capito perchè Fish ha deciso di non convocare Ram: poichè il doppio USA gira intorno a Sock, far giocare Ram avrebbe significato stravolgere gli equilibri e spostare di posizione Sock o non far giocare Sock. Alla fine Jack oggi ha steccato..e buon per l’Italia!

Adesso è dura, i singolari sono stati match tirati, ci puoi dare qualche commento?

 

[FISH] Gli italiani hanno giocato benissimo i singoli sono stati entrambi tirati, ma l’italia nel complesso ha meritato di vincere. Sonego forse è stato il migliore di tutti; Frances non ha demeritato ma oggi Sonego ha giocato benissimo. Noi ci tenevamo davvero a vincere, perdere fa schifo (it stinks). Se c’è qualcuno che ci tiene a vincere la Davis quello sono io. Nel 2004 c’ero e ci siamo fermati in finale contro la Spagna e mi brucia ancora

A livello di atmosfera come vi è parso? Il tifo era a favore dell’Italia. E parlando della prossima stagione cosa puoi dirci?

[PAUL] L’atmosfera era bella, loro han giocato molto bene, ma noi non abbiamo fatto benissimo. Parlando del futuro credo che adesso ho più esperienza nei grandi match. L’anno prossimo l’obiettivo è quello di essere consistente nel corso di tutta la stagione

Domanda Ubitennis a Mardy Fish: sei preoccupato di quelle che possono essere le reazioni e le critiche negli USA? In particolare con riferimento alla mancata convocazione di Rajeev Ram (fresco vincitore delle Finals di doppio a Torino)

[FISH] Rispondo nuovamente a questa domanda che mi avete già fatto un numero incredibile di volte. Abbiamo un gran numero di giocatori validi negli USA. Ma la decisione è mia. Io prendo le colpe e i giocatori prendono i meriti. Rajeev ha giocato bene alcune volte con Jack, anche Jack e Frances sono un ottimo doppio. Ma avevo deciso che non avrei giocato con Rajeev e questo è quanto. Alla fine l’Italia ha giocato meglio ed è la cosa più importante.

Dopo questa sconfitta come pensi di ripartire e di generare una mentalità da Davis?

[FISH] Questi ragazzi sono il presente e il futuro, giocheranno parecchio negli anni a venire. Non è semplicemente una questione di ranking. Per me conta anche come reagiscono i ragazzi ad essere o meno nel team. Le scelte che ho fatto non sono casuali. A livello di team building per me ad esempio è impressionante il fatto che Berrettini sia con il team italiano anche se non gioca ed è il genere di cose che cerco di costruire.

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, Italia-USA 2-1: è gioia azzurra, Bolelli e Fognini ci portano in semifinale! [AUDIO DEL DIRETTORE]

MALAGA – Fabio serve benissimo, il braccio di Simone viaggia veloce: i Chicchi firmano un fantastico successo

Pubblicato

il

Fabio Fognini e Simone Bolelli - Coppa Davis 2022 (foto Roberto dell'Olivo)
Fabio Fognini e Simone Bolelli - Coppa Davis 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

dal nostro inviato a Malaga

COPPA DAVIS – Quarti di finale

Italia-USA 2-1

 

S. Bolelli/F. Fognini (ITA) b. T. Paul/J. Sock (USA) 6-4 6-4

Fognini e Bolelli vincono il decimo doppio in quindici partite giocate assieme in maglia azzurra e con una grande prova portano l’Italia per la prima volta dal 2014 in semifinale di Coppa Davis (quando fummo sconfitti dalla Svizzera a Ginevra) e per la seconda dal 1998 (quando perdemmo la finale a Milano, a conclusione di un triennio di semifinali). Si parla giustamente tanto del ricambio generazionale e dei grandissimi talenti del tennis azzurro, già realtà nel circuito, ma sono stati due veterani ultratrentacinquenni e veterani della competizione (Fognini ha esordito in Davis nel 2008, Bolelli nel 2007) a dare un importantissimo contributo per raggiungere quello che è un prestigioso risultato per il nostro tennis. Una parte di responsabilità per la vittoria italiana va però anche al capitano della squadra statunitense, Mardy Fish: ha deciso di lasciare fuori il suo più forte specialista, Rajeev Ram (che aveva anche dato un contributo fondamentale a settembre nel Group Stage di Glasgow) per fare spazio a Tommy Paul. Quest’ultimo è un tennista senza curriculum in specialità: attuale 108, pur avendo disputato 14 competizioni da gennaio, in 36 tornei tornei giocati in carriera non ha mai raggiunto una finale e quest’anno ha raggiunto una sola semi (in coppia con Fritz al Queens).


IL MATCH – Parte subito bene il doppio azzurro, che vince il sorteggio e sceglie di ricevere: nel primo game, con Tommy Paul alla battuta, guadagna due palle break, ma il 25enne tennista del New Jersey -preferito al freschissimo vincitore delle Finals di specialità e 3 del mondo in doppio, Rajeev Ram- si salva prima con un ace e poi con un servizio vincente. Dalla tribuna stampa, molto vicina al campo, si nota subito il giusto approccio al match di Fognini, che parte sereno, molto centrato e abile nell’incoraggiare sempre Bolelli. I turni di servizio scorrono molto veloci sino al 4-4: si va ai vantaggi solo nel corso del quarto gioco, quando a servire è il tennista ligure. Nel corso del nono game, quando per la terza volta va alla battuta Paul e la partita è iniziata da trenta minuti, arriva il momento di svolta del parziale: ci sono altre due palle break, ma Sock è bravo a rete su entrambe e salva la sua coppia. Ne arrivano altre due: Paul annulla con un servizio vincente la terza del nono gioco, ma sulla quarta Sock pasticcia a rete, mandando sul 5-4 e servizio la squadra azzurra. Nel corso del decimo game è Bolelli a dover servire e la sua mano non trema: quando sono trascorsi 39 minuti dall’inizio del match il bolognese con un servizio vincente regala all’Italia il primo set. Un parziale caratterizzato dalla solidità e dall’efficienza dei vincitori dell’Australian Open 2015, ma anche dallo scarso rendimento di Paul, che quando è stato alla battuta ha perso 11 punti nei suoi tre turni di servizio, a differenza delle briciole lasciate dagli altri tre tennisti in campo.

Il secondo set parte con un brivido per i tennisti italiani che nel secondo gioco, con Fognini al servizio, si trovano a dover fronteggiare la loro prima palla break dell’incontro: li aiuta con generosità Sock, che sulla seconda del ligure sbaglia nettamente la risposta. Non succede più nulla di significativo sino al settimo game, quando al servizio è proprio Sock. Il vincitore di 17 titoli di specialità (e campione olimpico in misto con Mattek Sands a Rio nel 2016) vive un secondo set da incubo e dovendo fronteggiare palla break, si fa infilare da un grande rovescio in risposta di Bolelli, che manda l’Italia sul 4-3 e servizio. Ormai la partita è segnata e pochi minuti dopo Fognini e Bolelli possono esultare: l’Italia attende in semifinale la vincente del quarto tra Canada e Germania.

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, Musetti: “Ho giocato bene, ma Fritz ha meritato di vincere”

Musetti: “Comunque una buona prestazione, peccato il risultato”

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Coppa Davis 2022 (foto Roberto dell'Olivo)

dal nostro inviato a Malaga

A fine match, dopo la sconfitta contro Fritz, è arrivato anche il turno di Musetti di presentarsi in sala stampa; di seguito le parole del carrarino.

Domanda Ubitennis: Quando ti è sfuggita la partita? Nel tie break sul 5-4 che non ti è entrata la prima? O nel secondo sullo 0-40? Sul primo dei tre break point sei stato anche sfortunato.

 

Musetti: “Peccato davvero perché in quel game del secondo set è stata l’unica volta in cui ho avuto un po’ di spazio. Lui ha servito benissimo. In quel punto che dicevi avevo tirato uno sventaglio di dritto a chiudere, forse ero un filo in ritardo ma se entrava era un colpo quasi di chiusura; sul break subito invece ho avuto un po’ di sfortuna, Taylor ha preso diverse righe e anche un nastro. Sono cose che capitano e bisogna accettarle. In generale lui ha tenuto molto bene al servizio e non ho avuto chance di rientrare. La partita è girata tanto nel primo set. Da lì in poi l’americano ha acquisito parecchia fiducia e ha servito forse ancora meglio nel secondo parziale. Nel set point che ho sbagliato potevo essere forse più deciso, certo quando uno rischia ci sta anche di poter sbagliare. Si può discutere se fosse la scelta tattica giusta palla corta e pallonetto, però se entrava nessuno avrebbe avuto niente da dire. Forse in alcune occasioni non sono stato particolarmente concreto”.

Domanda Ubitennis: Fritz si è molto lamentato delle condizioni di gioco che ha definito orribili; qual’è il tuo punto di vista?

Musetti: “Lui in questo condizioni indoor è favorito. Credo che nel team italiano tutti eravamo d’accordo che le condizioni fossero abbastanza veloci. Se Taylor avesse giocato a Bologna allora si sarebbe strappato i capelli probabilmente (sorridendo). Scherzi a parte non ho riscontrato delle condizioni orribili e se dovessimo andare avanti adesso ho un’idea più chiara del campo e delle palline. Però ora l’importante è tifare i ragazzi in campo per il doppio“.

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Lorenzo Musetti al microscopio

Domanda Ubitennis: come giudichi i tuoi progressi sul veloce? E rispetto ai tuoi obiettivi come valuti il tuo processo di crescita?

“Nell’ultimo anno credo di essermi migliorato tanto, per continuare nel processo di crescita, mi servono tantissimo questo partite contro giocatori di livello assoluto. Per fare un ulteriore step e avvicinarsi il più possibile alla top ten sono queste le partite che mi serve giocare. Infine parlando in generale il mio obiettivo per il prossimo anno è quello di riuscire a mantenere una continuità di risultato e non avere troppi alti e bassi durante la stagione. Solo in questo modo potrò mantenermi in alto nel ranking e magari avvicinarmi anche alla top ten”

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement