La vecchia Davis va in archivio con i suoi record definitivi

Focus

La vecchia Davis va in archivio con i suoi record definitivi

Dall’anno prossimo niente più match al meglio dei cinque set e tie su tre partite: i record cristallizzati in centodiciotto anni di storia resteranno eternamente imbattuti

Pubblicato

il

I manager dei tennisti hanno ucciso la Davis più di Haggerty (Scanagatta)

Il lob vincente con cui Marin Cilic ha convertito il match point per il tre a uno Croazia nella finale della Davis 2018 ha chiuso un’era geologica iniziata nel 1900 e chiusasi tra le braccia alzate dei ragazzi a scacchi bianchi e rossi e le lacrime di Lucas Pouille, ultimo sconfitto dell’ormai pensionato campionato a squadre per nazioni vecchia maniera. Quel che avverrà è certo solo sulla carta, dove sono stati vergati i rivoluzionari ammodernamenti che faranno scomparire i cinque set e sintetizzeranno in mini-tie da tre partite il nuovo super concentrato tennistico da sorbire in una settimana senza repliche. Il lob di Marin, scostatosi finalmente dal ricordo collettivo del dramma andato in scena nella finale del 2016 a Zagabria, entrerà a suo modo nella storia e vi entrerà insieme a tanti numeri rilevanti; numeri che sono record e record che rimarranno imbattuti nei secoli dei secoli. Così sia.

21 ore e 37 minuti – La durata del più lungo tie di Coppa Davis della storia. Il barrage tra Romania ed Ecuador nel 2003 a Quito, vinto per 3-2 dai romeni in trasferta grazie alle erculee imprese di Florin Mergea e Horia Tecau; del mitico Victor Hanescu e di Razvan Sabau. Sia detto che per la determinazione di questo record si considerano le edizioni disputate a partire dall’introduzione del tie break nei primi quattro set, ossia dal 1989.

 

327 – Il maggior numero di giochi in un singolo tie di Davis. India-Australia nella finale del gruppo zonale asiatico 1974, interminabile scontro tra due grandi tradizioni tennistiche. Bob Gilitinan, John Alexander, Colin Dibley, Jasjit Dingh e i fratelli Vijay e Anand Amritraj se le diedero di santa ragione. Senza riportare la sequenza degli incontri, lasciamo il palcoscenico a quella dei giochi: 11-9, 9-11, 12-10, 8-6, 14-12, 17-15, 6-8, 6-2, 17-15, 6-8, 6-3, 16-18, 6-4, 8-6, 6-4, 6-3, 6-1, 5-7, 6-4, 6-4. Estenuante anche solo a leggerla.

93 – Maggior numero di presenze. A vantare il record è il sammarinese Domenico Vicini, insegnate di tennis nato nel 1971 a Finale Ligure e noto, tra gli altri motivi, per essere diventato il primo giocatore del piccolo stato ad avere un ranking ATP. Le porte gli vennero aperte dalla finale al Challenger di Genova conquistata nel torneo di doppio insieme a Stefano Galvani. Considerando solo i più alti livelli della competizione, l’alloro va a Nicola Pietrangeli, il quale vanta sessantasei rispettabilissime apparizioni.

6 ore e 43 minuti – L’incontro di singolare più lungo della storia. Quello tra Leonardo Mayer e Joao Souza in un caldissimo Argentina-Brasile nel 2015 a Buenos Aires, che Leo condusse in porto convertendo l’undicesimo match point a disposizione e di conseguenza abbattendo lo storico, precedente record fino ad allora appartenuto a John McEnroe e Mats Wilander, protagonisti di una mitica sfida andata in scena nel 1982 e durata ventuno minuti in meno.

120 – Il maggior numero di punti portati da un giocatore alla propria nazionale. Ritorna a fare capolino Nicola Pietrangeli, che con settantotto successi in singolare e quarantadue in doppio ha foraggiato la causa patria come nessun altro. Pietrangeli è seguito in classifica da Ilie Nastase, capace di infilare 109 successi complessivi tra il 1966 e il 1985.

25 – Numero record (e massimo) di set in un tie di Davis. Curiosamente in centodiciotto anni di storia solo due volte tutti e cinque i match in programma si sono conclusi in cinque set. La circostanza si è verificata in un Francia-Jugoslavia del 1946 e nel già citato Ecuador Romania del 2003.

13 – Maggior numero di match vinti al quinto set. Il maratoneta più vincente della storia è Nicolas Lapentti, capace di conquistare ben tredici incontri sulla lunghissima distanza. Lo segue il moschettiere Henri Jean Cochet a una sola lunghezza di ritardo.

7 ore e un minuto – La durata dei doppi più lunghi. Altro fatto piuttosto curioso, benché sia spaccato al minuto, il record è condiviso dalle battaglie tra gli argentini Nalbandian-Arnold e i russi Safin-Kafelnikov nel 2002 e tra i cechi Berdych-Rosol e gli svizzeri Wawrinka-Chiudinelli nel 2013.

8 – Il record di doppi vinti al quinto set. A svettare qui è Ivan Ljubicic, croato al pari degli ultimi vincitori della Davis come ce la ricorderemo, se ce la ricorderemo, tra molto molto tempo. Il cerchio si chiude dunque, nella speranza che il futuro ci conceda altre imprese iperboliche degne di essere annotate nel Guinness dei nuovi primati.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Kudermetova è la regina di Charleston e sale al n.5 della Race to Shenzhen

Veronika Kudermetova si aggiudica il Volvo Car Open di Charleston senza perdere un set. Per lei debutto nelle Top 30

Pubblicato

il

Veronika Kudermetova - Charleston 2021 (foto Volvo Car Open/Chris Smith)

[15] V. Kudermetova b. D. Kovinic 6-4 6-2

È stata Veronika Kudermetova (testa di serie n. 15) a conquistare il suo primo titolo in carriera aggiudicandosi la finale del Volvo Car Open di Charleston, nella Carolina del Sud. Senza storia la finale con Danka Kovinic (n. 91 WTA), terminata in 1 ora e 36 minuti e che è stata incerta solamente per la prima mezz’ora.

Sul 3-2 Kovicic nel primo set, Kudermetova ha giocato un turno di battuta in cui ha messo in campo solamente 5 prime di servizio su 12 (49% per lei la statistica finale) ed ha avuto bisogno di ben quattro palle game per chiudere il game. Una volta ottenuto il break nel gioco seguente, il match ha iniziato inesorabilmente a prendere la strada della giovane russa che ha conquistato il primo torneo senza perdere un set e cedendo solamente 33 giochi in sei incontri.

 

Non pensavo che avrei vinto questo torneo, a Miami le cose non erano andate bene, ma mi sono detta semplicemente di lavorare e andare avanti con il mio tennis e le cose hanno iniziato a migliorare – ha commentato Kudermetova una volta arrivata davanti alla stampa con il trofeo in mano –  Non ho dormito bene durante queste ultime notti, ero molto nervosa per la possibilità di vincere il mio primo titolo  Ma in campo è sono riuscita rimanere concentrata sulla partita e a focalizzarmi solamente sul tennis, senza pensare a titoli, trofei o l’auto che c’era in palio”.

Credo di aver servito abbastanza bene nel complesso del torneo, anche se in alcuni match non è stato straordinario. Inoltre ora posso tenere scambi lunghi, 10-12 scambi, e tenere la palla in campo, e questo mi dà grande fiducia”.

Danka Kovinic – Charleston 2021 (foto Volvo Car Open/Chris Smith)

Oggi ha servito molto bene, era molto difficile breakkarla – ha spiegato Kovinic – ha avuto maggiore regolarità dal fondo, continuando il grande tennis che ha espresso per tutta la settimana. Durante questo torneo ho capito di essere in grado di rimanere calma nei momenti importanti e questo è molto importante per il prosieguo della stagione e della mia carriera.

Con questa vittoria Kudermetova sale al n. 29 della classifica WTA, suo miglior ranking personale, e si porta addirittura al n. 5 della Porsche Race to Shenzhen. “Il mio obiettivo per questa stagione è di arrivare nelle prime 15. Ora so che se rimango concentrata e ho fiducia nelle mie possibilità, posso farcela”.  Bel salto in classifica anche per Danka Kovicic, che guadagna 26 posizioni e arriva fino al n. 65, che però è ancora lontano dal suo record personale di n. 48 ottenuto nel febbraio 2016.

Continua a leggere

ATP

ATP Marbella: Carreño Busta batte Munar e ritorna al successo dopo più di un anno

Il numero 15 del mondo regola in tre set il giovane connazionale e festeggia il quinto titolo in carriera.

Pubblicato

il

[1] P. Carreno Busta b. J. Munar 6-1 2-6 6-4

La duecentesima vittoria a livello ATP regala il quinto titolo del circuito maggiore per lo spagnolo Pablo Carreño Busta e il primo successo per la Spagna il questo 2021. Il 29enne asturiano impiega 2ore e 20 minuti per avere la meglio del giovane connazionale Jaume Munar 6-1 2-6 6-4.

Primo confronto tra i due atleti che si presentavano a questa finale con prospettiva diverse. Lo spagnolo, numero 15 al mondo ed accreditato della prima testa di serie, al primo torneo sulla terra battuta, ha raggiunto l’ultimo atto grazie a una combattuta vittoria nella semifinale contro Albert Ramos Vinolas. Per Carreno si trattava dell’ottava finale in carriera, la prima dal titolo vinto a Chengdu nel 2019. Per Munar, numero 95 del ranking, invece, si trattava della prima finale a livello ATP, raggiunta eliminando la testa di serie numero 2 Fognini al secondo turno ed il giovane talentuoso Carlos Alcaraz in semifinale.

 

PRIMO SET – La differenza di esperienza tra i due giocatori a questi livelli è lampante sin dall’inizio del match, Carreno inizia subito in controllo degli scambi mentre Munar gioca due metri lontano dalla linea di fondo sempre in recupero e già nel secondo game riesce a complicarsi la vita da solo, quando da 40-15 si trova a dover fronteggiare tre palle break, con una seconda di servizio facilmente attaccabile, ma un Carreno poco preciso non riesce a convertirle. Ma il break non tarda ad arrivare poco dopo nel quarto game, con Carreno che comanda lo scambio, entra con i piedi dentro al campo e chiude con un dritto in contropiede. Il servizio continua a non assistere Munar, che sulle seconde continua ad essere attaccato con facilità dal numero 15 al mondo che con un dritto che bacia la riga converte l’ennesima palla break offerta da Munar. Il 23enne di Santanyì dopo 34 minuti è sotto 6-1.

SECONDO SET – Nel secondo set il più giovane dei due spagnoli comincia ad alzare le percentuali di prime, scrollandosi la tensione di dosso che lo ha accompagnato in tutto il primo set e riuscendo finalmente ad avanzare e mettere i piedi dentro al campo. Il match scorre fino al sesto game dove si verifica il passaggio a vuoto di Pablo Carreno che concede ben tre palle break consecutive ad un Munar molto più dinamico. L’asturiano riesce ad annullare la prima, ma non la seconda dopo un lungo scambio dove Carreno tenta il dropshot, ma Munar recupera e piazza la palla sulla riga sorprendendo l’avversario che recupera come può, concedendo però a Munar di chiudere facile a rete a campo aperto.

Munar è in fiducia e mette a segno il primo ace del match e dopo aver tenuto agevolmente il servizio, mette ancora in difficoltà un Carreno, ora molto nervoso, che non riesce a chiudere il game con Munar che alla prima occasione converte il suo set point. 79 minuti e 1 set pari

TERZO SET – Inizio difficile per Munar, che apre il terzo set con un doppio fallo e dopo pochi secondi e già e costretto a fronteggiare due palle break, più una ulteriore qualche secondo dopo ma il servizio e una maggiore cattiveria gli permettono di salvare la situazione. Situazione che sfugge dal suo controllo nel quinto game, dove Munar non riesce a mettere nemmeno una prima in campo offrendo il fianco ad un Carreno che con un mix di dropshot e attacchi potenti da dentro il campo ottiene il break. Neanche il tempo di gioirne che il 29 enne asturiano disfà il tutto, con quattro errori che offrono il contro break a Munar. Il match raggiunge il suo momento di maggior tensione nel nono game dove dopo 15 minuti di battaglia e alla settima occasione, Carreno ottiene il break che decide il match.

Per Carreno si tratta del quinto successo in carriera, il secondo su terra dopo Estoril 2017 e il primo sul suolo natio. Con questo successo l’asturiano si riavvicina alla top 10, risalendo al numero 12 del mondo. La sua attenzione adesso si sposta a Montecarlo dove ad attenderlo al primo turno c’è il nostro Stefano Travaglia, proveniente dalle qualificazioni. Per Munar continua lo strano rapporto con Marbella, dove in 6 mesi perde la terza finale tra ATP e Challenger ma guadagna 14 posizioni che gli permettono di attestarsi al numero 81.

Giuseppe Di Paola

Continua a leggere

ATP

ATP Cagliari 250, splendido Sonego: rimonta ancora e vince il secondo titolo in carriera

Sonego batte Djere al termine dell’ennesima partita dura della settimana e bissa il titolo di Antalya 2019. Da lunedì sarà numero 28 del mondo

Pubblicato

il

[3] Sonego b. Djere 2-6 7-6(4) 6-4

L’ennesima rimonta corona la splendida settimana di Lorenzo Sonego, che dopo essersi trovato in svantaggio di un set e di un mini-break trionfa su Laszlo Djere nella finale di Cagliari e conquista il secondo titolo in carriera. Il tennista di Torino, con questa vittoria, entrerà in top 30 da lunedì. Precisamente occuperà la posizione 28, aumentando la pattuglia italiana in top 30 a ben quattro tennisti. Una settimana di soddisfazione doppie per Sonego, in tutti i sensi, perché assieme ad Andrea Vavassori ha anche vinto il torneo di doppio.

Era la terza sfida in carriera tra i due. L’unico precedente sul rosso (Marrakech 2019) sorrideva al tennista italiano, meno bene era andata l’ultima volta a Doha nel 2020, con vittoria di Djere in tre set. Battere Djere in Italia non sembra un’impresa semplice, come dicono i numeri: il tennista serbo aveva vinto prima di oggi dieci partite su undici in territorio italiano, incluso il titolo dell’anno scorso a Pula conquistato contro Cecchinato.

 

IL MATCH

Parte in salita anche questo match per Sonego, che complici vari errori di dritto cede subito la battuta alla terza palla break del primo game. Il tennista italiano si rifà sotto nel game successivo, conquistando due palle break, ma il serbo gioca con attenzione e si porta a palla game. Djere rimette tutto in discussione con due doppi falli consecutivi, opportunità non sfruttata dal tennista italiano che soprattutto sulla quarta palla break ha molto da recriminare su un dritto inside-out che lo espone troppo al passante di rovescio di Djere. Il prosieguo del set non sorride al torinese, che trova solo due punti in risposta nei tre game di battuta del tennista serbo. Djere si concede anche il lusso di breakkare ancora una volta il suo avversario e chiude per 6-2 un primo set in cui è stato abbondantemente il miglior tennista in campo.

Non comincia meglio il secondo set. Sonego si trova subito a dover annullare una palla break e ci riesce con un dritto splendido. Il nuovo rischio suona la sveglia per Sonego, che comincia a sfruttare qualche incertezza di Djere e trova la prima occasione per passare in vantaggio nel game successivo. Il tennista serbo la annulla, ma l’appuntamento con il break è solo rimandato; nel terzo game Djere sbaglia la misura del dritto e Sonego passa avanti per la prima volta nella partita. Il periodo negativo del campione di Pula 2020 dura poco e già nel settimo game torna il muro da fondo del primo set. Le prime due palle break vengono annullate con caparbietà da Sonego, ma sulla terza un dritto di molto lungo rimette in equilibrio la situazione.

Il tennista italiano ora è anche meno brillante e rischia grosso nell’undicesimo game, in cui deve rimontare un 15-40. Una palla corta di pregio e un ace salvano la situazione. Il dritto continua a dare problemi e Sonego deve fronteggiare ancora una palla break, annullata questa volta con una bella volée. Djere risponde con un game perfetto al servizio e serve il tie-break per spezzare l’equilibrio. Sonego parte male, complice un errore di dritto, ma Djere restituisce il favore con un rovescio lungolinea che termine oltre la riga. Un altro raro errore di lunghezza del serbo spedisce Sonego a servire per il secondo set e il torinese chiude la pratica con una comoda volée, dopo un bel dritto lungolinea ad aprirsi il campo.

Il terzo set inizia senza particolari scossoni al servizio di entrambi, ma come nel secondo set è Sonego il primo a spezzare l’equilibrio. Il tennista torinese sfrutta un momento pessimo del rovescio di Djere, di cui per ora sta reggendo molto bene la diagonale, e va avanti 3-2 nel set decisivo. Il tennista serbo non ci sta e trova una palla break costringendo Sonego all’errore con una grande risposta di dritto. Con l’aiuto di una prima di servizio tornata dominante il torinese ricaccia indietro il tentativo di Djere e conferma il break.

La partenza di Sonego nel game decisivo non è senza incertezze, ma un nastro fortunato su un passante di dritto di Djere grazia il tennista italiano e gli regala il match point. Il punto successivo è senza problemi, un’ottima prima di Sonego costringe Djere all’errore e Lorenzo si laurea campione dell’ATP 250 di Cagliari, il primo tennista italiano a vincere in Italia da quando ci riuscì Filippo Volandri a Palermo nel 2006.

Come spesso accade ai grandi giocatori, e Sonego ormai può dire di appartenere a questa categoria, ci sarà poco tempo per riposare. Già tra due giorni dovrebbe scendere in campo contro Marton Fucsovics al primo turno di Montecarlo. Comunque vada ci sarà da festeggiare, per il secondo successo ATP – ora gli manca solo il cemento per eguagliare Seppi, unico italiano a vincere su tutte e tre le superfici – e anche per la classifica, perché l’exploit di questa settimana compensa ampiamente i punti in uscita a Montecarlo, dove Sonego difende (a metà) i quarti di finale raggiunti nel 2019.

Il tabellone completo di Cagliari

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement