La nuova Davis al via, tutti i convocati: ci sono Zverev, Thiem e Khachanov

Flash

La nuova Davis al via, tutti i convocati: ci sono Zverev, Thiem e Khachanov

Il 1° e il 2 febbraio 24 nazioni (e 116 giocatori) scenderanno in campo per giocarsi l’accesso alle Finali di Madrid di novembre

Pubblicato

il

È ormai prossimo il debutto del nuovo formato della Coppa Davis: venerdì 1 e sabato 2 febbraio, dodici sfide decideranno le altrettante squadre che accederanno alla fase finale di novembre a Madrid, aggiungendosi alle sei nazioni già ammesse in virtù dei risultati del 2018 (le semifinaliste Francia, Spagna, Croazia e Stati Uniti) o delle wild card concesse (Argentina e Gran Bretagna).

Tutte le sfide del 1-2 febbraio 2019

  • Brasile vs [1] Belgio
  • Uzbekistan vs [2] Serbia
  • [3] Australia vs Bosnia ed Erzegovina
  • India vs [4] ITALIA
  • [5] Germania vs Ungheria
  • [6] Svizzera vs Russia
  • [7] Kazakistan vs Portogallo
  • [8] Repubblica Ceca vs Olanda
  • Colombia vs [9] Svezia
  • [10] Austria vs Cile
  • [11] Canada vs Slovacchia
  • Cina vs [12] Giappone

Oltre all’Italia, pronta per la trasferta indiana, arrivano le convocazioni delle altre nazioni impegnate nei tie in cui si disputeranno quattro singolari e un doppio, tutti al meglio dei tre set. Cominciamo senza indugio con gli australiani che non smettono di sfornare perle – siano esse di talento o di altro tipo.

 

[3] Australia vs Bosnia ed Erzegovina

Australia – Se la scelta è teoricamente ampia, i caratteri e le prestazioni altalenanti (per usare un eufemismo) di alcuni aussie la restringono parecchio, ancor più alla luce degli ultimi sviluppi poco sportivi. Ecco allora che, per la sfida con la Bosnia, il capitano Lleyton Hewitt non sorprende e lascia fuori Nick Kyrgios e Bernard Tomic, decidendo per Alex De Minaur, John Millman, Jordan Thompson, John Peers e Alexei Popyrin, classe 1999 di Sydney come Alex, arrivato a sorpresa al terzo turno dell’Australian Open.

Bosnia ed Erzegovina – Per la trasferta di Adelaide, gli slavi fanno affidamento su Damir Dzumhur, Mirza Basic Tomislav Brkic e Nerman Fatic.

Brasile vs [1] Belgio

Brasile – Thiago Monteiro, Rogerio Dutra Silva, Thiago Seyboth Wild e i doppisti Marcelo Melo e Bruno Soares cercheranno di contrastare i belgi – con buone possibilità di successo – sulla terra battuta indoor di Uberlândia.

Belgio – Non voleranno in Brasile né David Goffin, appena rimasto senza coach, né Ruben Bemelmans, quindi toccherà ad Arthur De Greef (n. 199 ATP) e a Kimmer Coppejans (214) cercare punti in singolare; completano la squadra Sander Gille e Joran Vliegen, doppisti attorno all’ottantesima posizione.

Uzbekistan vs [2] Serbia

Uzbekistan – Il capitano Farrukh Dustov non può opporre alla squadra serba alcun top 100, con il solo e solito Denis Istomin che può tentare di rendere difficile il compito agli ospiti. Al fianco del veterano nativo di Orenburg (48 vittorie e 28 sconfitte per lui), ci saranno Khumoyun Sultanov, Sergey Fomin, Sanjar Fayziev e Jurabek Karimov.

Serbia – Senza Djokovic, saranno Dusan Lajovic, Laslo Djere, Filip Krajinovic, Nikola Milojevic e Viktor Troicki a dare l’assalto al Saxovat Sport Servis Sport Complex di Tashkent in Uzbekistan. Il capitano è Nenad Zimonjic che da giocatore ha disputato in Davis 73 incontri fra singolare e doppio.

[5] Germania vs Ungheria

Germania – Squadra tedesca al gran completo con Alexander Zverev, Philipp Kohlschreiber, Jan-Lennard Struff, Peter Gojowczyk e il doppista Tim Puetz agli ordini di Michael Kohlmann sul duro indoor di Francoforte per affrontare un’Ungheria che, Marton Fucsovics a parte e soprattutto assente, non vanta rappresentanti nei primi 250 del ranking.

Ungheria – Con un nome che fa più paura della classifica, Attila Balazs tenterà, presumibilmente invano, di opporre qualche resistenza ai tedeschi, supportato da Zsombor Piros, Gabor Borsos, Pter Nagy e David Szintai.

[6] Svizzera vs Russia

Svizzera – Privi di Federer e Wawrinka, la missione impossibile di difendere la Swiss Tennis Arena di Biel dall’armata russa spetterà a Henri Laaksonen, Marc-Andrea Huesler, Sandro Ehrat e Jakub Paul. In panchina c’è posto anche per il quindicenne Jerome Kym.

Russia – Ancor prima di conoscere che squadra presenterà Severin Luthi, i russi hanno subito chiarito la loro intenzione di non correre rischi presentando i top 20 Karen Khachanov e Daniil Medvedev, insieme ad Andrey Rublev, Evgeny Donskoy e Konstantin Zhzhenov (il giocatore più giovane tra i vari convocati), recente vincitore del Masters under 14 organizzato da Tennis Europe. La Russia è la nazione con l’età media più bassa tra quelle che prenderanno parte agli incontri di qualificazione: 22 anni e 26 giorni.

[7] Kazakistan vs Portogallo

Kazakistan – Il solito duro indoor di Astana farà da teatro per la sfida contro il Portogallo. Mikhail Kukushkin è l’uomo di casa più pericoloso; al suo fianco, il ventunenne Alexander Bublik, la vecchia conoscenza Aleksandr Nedovyesov, Denis Yevseyev e Timur Khabibulin.

Portogallo – Joao Sousa, Pedro Sousa, Joao Domingues e Gastao Elias seguiranno le indicazioni del capitano Nuno Marques nel tie contro i kazaki.

[8] Repubblica Ceca vs Olanda

Cechia – Non ci sarà Tomas Berdych a Ostrava contro l’Olanda, così Jaroslav Navratil schiera il n. 90 ATP Jiri Vesely e Lukas Rosol. Completano la squadra Adam Pavlasek e i giovani senza ranking Tomas Machac e Jiri Lehecka.

Olanda – Senza amore e a malincuore, a Ostrava ci saranno Robin Haase insieme al compagno di doppio Matwe Middelkoop, i fratelli Tallon e Scott Griekspoor e Jean-Julien Rojer (il giocatore con più tie all’attivo tra i vari convocati: 41). Il capitano è l’ex n. 18 Paul Haarhuis.

Colombia vs [9] Svezia

Colombia – Senza singolisti fra i primi 200 del ranking, i sudamericani attendono la Svezia con Daniel Elahi Galan, Santiago Giraldo, Alejandro Gonzalez e la quinta coppia del mondo Juan-Sebastian Cabal e Robert Farah, peraltro eliminata all’esordio dell’Australian Open da Jack Sock e un suo amico d’infanzia.

Svezia – I fratelli Elias e Mikael Ymer guidano la trasferta in Colombia. Con loro, Markus Eriksson, Jonathan Mhrida e Robert Lindstedt, quarantunenne top 50 in doppio (il giocatore più ‘vecchio’ tra i vari convocati: 41 anni, 10 mesi e 21 giorni).

[10] Austria vs Cile

Austria – Torna in campo Dominic Thiem dopo il ritiro a Melbourne. Con lui, a difendere i colori austriaci dall’attacco cileno sulla terra di Salisburgo, Dennis Novak, Jurgen Melzer, il forte doppista Oliver Marach e Phillip Oswald. L’Austria è la nazione con l’età media più alta tra quelle che prenderanno parte agli incontri di qualificazione: 31 anni, 11 mesi e 29 giorni.

Cile – Nicolas Jarry è il singolarista numero uno e potrebbe dar vita a un interessante match contro Thiem. Al suo fianco, sotto la giuda dell’ex top ten Nicolas Massu, ci saranno Christian Garin, Marcelo Tomas Barrios Vera e i doppisti Julio Peralta e Hans Podlipnik-Castillo.

[11] Canada vs Slovacchia

Canada – Il capitano e giocatore Frank Dancevic porta in Slovacchia Denis Shapovalov, Felix Auger-Aliassime e Peter Polansky. Niente trasferta per Milos Raonic, in attesa di scendere in campo per i quarti di finale Slam al momento in cui è stata comunicata la composizione della squadra canadese.

Slovacchia – Martin Klizan è l’uomo da battere sulla terra indoor di Bratislava e si preannuncia infuocato lo scontro mancino con Shapovalov. Filip Horansky, Norbert Gombos, Igor Zelenay e Filip Polasek completano la formazione.

Cina vs [12] Giappone

Cina – A Guangzhou contro il Giappone privo di Nishikori, i cinesi schierano i loro migliori classificati, tutti però oltre il numero 200: Ze Zhang, Zhe Li, Yibing Wu, Di Wu e Mao-Xin Gong

Giappone – Per la sfida dell’estremo oriente, saranno presenti Yoshihito Nishioka, Taro Daniel, Yasutaka Uchiyama, Yosuke Watanuki e Ben McLachlan.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Simona Halep positiva al Coronavirus

La N.2 WTA ha lievi sintomi e si sta auto-isolando nella sua abitazione

Pubblicato

il

Simona Halep - Praga 2020 (via Twitter, @WTA), 16 Agosto

Nel primo pomeriggio di oggi, Simona Halep ha fatto sapere su Twitter di essere risultata positiva al tampone per il coronavirus.

Ciao a tutti, volevo informarvi che sono risultata positiva al tampone per il Covid-19“, ha scritto. “Mi sto auto-isolando a casa e ho lievi sintomi, ma mi sto rimettendo. Mi sento bene… supereremo questa situazione insieme“. La tennista rumena si trova presumibilmente in patria in questo momento: il 19 ottobre ha postato un video in cui si allenava allo Stejarii Country Club di Bucarest, e il 23 un paio di foto dal Biutiful by the Lake, un ristorante sempre della capitale.

 

Dopo il Roland Garros la stagione femminile è sostanzialmente finita (oltre al torneo di Ostrava della scorsa settimana, si giocherà a Linz dal 9 novembre, mentre il torneo di Seoul risulta ancora in programma ancorché non calendarizzato), e quindi la positività non influenza una programmazione che nel suo caso si era già conclusa. Ricordiamo che Halep, campionessa per la prima volta in carriera a Roma, ha giocato il suo ultimo match a Parigi perdendo negli ottavi contro la futura vincitrice Iga Swiatek,

Continua a leggere

Flash

ATP Nur-Sultan, Mannarino batte Ruusuvuori e raggiunge Millman in finale

I due veterani prevalgono: fuori Tiafoe e il finlandese, allenato dall’italiano Federico Ricci e alla prima semifinale ATP

Pubblicato

il

Adrian Mannarino - US Open 2020 (via Twitter, @usopen)

Si sono concluse da poco le semifinali dell’Astana Open di Nur-Sultan (Astana era il nome della città fino a marzo 2019), uno dei tornei ATP introdotti per rimpolpare un calendario martoriato dalla pandemia, nonché il secondo motivo per cui il Kazakistan si è messo sulla mappa in queste settimane (Mr. Sagdyiev ha probabilmente destato un po’ più di scalpore nella psiche collettiva). Questo il resoconto delle partite.

NIENTE DA FARE PER EMIL – Adrian Mannarino ha raggiunto la finale del torneo spegnendo le speranze del finlandese Emil Ruusuvuori per 7-5 6-2 in 100 minuti. Il francese, tds N.3, non ha ancora perso un set in tre incontri, ma oggi ha dovuto dare il meglio di sé nel primo parziale contro un avversario partito dalle qualificazioni ma in grande crescita grazie anche al lavoro dell’allenatore italiano Federico Ricci.

Il francese ha iniziato rispondendo quasi sempre in campo, ed è salito a palla break vincendo uno scambio lungo chiuso con un errore di dritto di Ruusuvuori; non ha sfruttato quella chance sbagliando un rovescio, ma è passato poco dopo salendo nuovamente all’advantage con tre dritti aggressivi seguiti da un errore di rovescio di Emil al termine di un altro momento di attrito da fondo, una costante della partita. Il finlandese ha iniziato a centrare meglio la pallina, ed è salito 15-40 nel quarto gioco manovrando con il dritto liftato: Mannarino ha vinto un’altra maratona e tirato una buona prima vincente al corpo, ma un dritto in rete ha dato un’altra chance al finnico, e stavolta Mannarino si è incartato clamorosamente, mettendo lungo un rovescio sotto rete dopo aver costruito alla perfezione il punto con il classico schema mancino slice esterno/dritto lungolinea.

 

La grande difficoltà nell’affrontare il francese (specialmente indoor) è la bassa percentuale di colpi che sarà possibile eseguire all’altezza della vita a causa del rimbalzo basso di entrambi i suoi piatti fondamentali da fondo. Ruusuvuori ha mostrato la solidità del suo rovescio, e la coordinazione oculo-manuale fuori dalla norma gli ha consentito di rubare spesso il tempo all’avversario, specialmente sulla diagonale di sinistra. Tuttavia, Mannarino si è tenuto a galla servendo meglio la seconda (53 percento a 33) e variando le direzioni dei colpi, sfruttando i propri backswing accorciati per dare poco tempo all’avversario di intuirle, e con il passare dei minuti il rumore dissonante dei colpi sempre più sporchi del giovane finlandese si è fatto di nuovo frequente.

Nell’undicesimo gioco, il francese ha giocato un grande game in risposta, impelagando Emil in scambi dove l‘impazienza e il poco agio di quest’ultimo nello spingere con giudizio su palle piatte e basse sono nuovamente emersi. Una risposta fra i piedi ha incitato un errore di dritto, tripla palla break: ha salvato la prima con uno schiaffo al volo, ma Mannarino è stato davvero generoso nello scambio successivo, recuperando su tutte le accelerazioni e guadagnandosi la possibilità di servire per il set quando il nastro ha portato fuori il dritto di Ruusuvuori. Uno scambio un po’ fortunoso (servizio al corpo e dritto che hanno scheggiato la riga) ha portato il terzo favorito del seeding a set point, sfruttato dopo 59 minuti con un’altra ottima prima esterna.

Il passaggio a vuoto si è prolungato a inizio secondo set, quando le fatiche di sei match giocati dal classe ’99 contro i tre del francese hanno iniziato a farsi sentire: tre seconde con risposta vincente di rovescio e 0-40 Mannarino, subito scappato su un unforced di dritto del finlandese. Nel quarto gioco Mannarino ha concesso il 40-40 con un paio di rovesci bassi scentrati, ma ha tenuto vincendo un punto da ben 48 colpi che ha lasciato entrambi esanimi. Chiusosi quel piccolo spiraglio, Ruusuvuori si è sentito come Sisifo ma senza il supporto di una condanna divina, e ha alzato definitivamente bandiera bianca: un rovescio in rete ha dato due palle break al francese, e un doppio fallo ha di fatto chiuso la partita – materialmente finita con un servizio vincente poco più tardi.

Sono stato più bravo nei momenti importanti, mi sono allenato con lui durante l’anno e credo che salirà molto in fretta in classifica, ha un grande timing“, ha detto dopo il match Mannarino. “Il mio obiettivo era solo di fare bene, ma sono contento di essere arrivato in finale, ho giocato dei match duri anche se non ho ancora perso set, spero di recuperare bene per domani. Mi piace molto giocare qui, ma settimana prossima giocherò a casa mia, a Bercy, quindi non posso che essere contento anche di tornare in Francia“. Per Mannarino questa sarà la decima finale ATP, con una sola vittoria sull’erba di Rosmalen 2019 – domani spererà di raddoppiare il conto. Ruusuvuori invece dovrà “accontentarsi” del nuovo best ranking di N.83 – difficilmente non lo migliorerà.

MILLMAN VINCE L’ALTRA SEMI – Vittoria più sudata per l’australiano John Millman, che subito prima ha battuto Frances Tiafoe per 3-6 6-4 6-4 in due ore e sei minuti. Domani cercherà il primo titolo della carriera alla terza finale. L’australiano aveva rimontato un americano anche nella giornata di ieri, risalendo dallo 0-5 nel tie-break del terzo contro Tommy Paul, e si è ripetuto oggi contro un avversario in ripresa dal post-lockdown.

Nel primo set Millman ha faticato al servizio e pagato le opportunità sprecate, finendo per perdere col punteggio di 6-3. Da lì in avanti, però, è stato quasi inattaccabile alla battuta (ha chiuso con il 73% di punti con la prima e con il 57 sulla seconda). Nel secondo parziale ha perso solo quattro punti al servizio, procurandosi le prime due palle break del set nel quarto gioco quando Tiafoe ha palesato i suoi soliti problemi a colpire il dritto in corsa dettati da quella presa per così dire casereccia (nel senso che ricorda uno… scolapasta). Lo statunitense ha tenuto quel turno con una combo servizio-dritto e con una splendida smorzata, ma ha capitolato nel nono game, quando ha concesso altre due opportunità sbagliando un dritto a campo spalancato, e stavolta l’australiano ha preso l’iniziativa, andando a servire per il set con un rovescio lungolinea perfetto e chiudendo senza troppi patemi (per lui gli scambi lunghi sono ordinari) con un altro vincente bimane e forzando un errore di dritto.

Nel terzo set Tiafoe è scappato rapidamente 2-0 e poi 3-1, ma l’australiano è tornato a servire brillantemente e vincendo uno splendido duello a rete (anche con l’aiuto del nastro) nel quinto gioco si è riportato in parità. Come nel set precedente, la rottura definitiva è arrivata nel nono gioco, quando un rovescio lungo di Tiafoe ha regalato tre palle break; l’americano ha servito benissimo, ma ne ha poi concessa un’altra con un errore di dritto al termine di uno scambio di 29 colpi poco coraggioso in termini di angoli, e si è dovuto arrendere sul vincente di dritto inside-in di Millman, che non ha avuto problemi a chiudere.

Ero un po’ stanco dopo il match di ieri, ma Frances è un grande giocatore e sapevo che avrei dovuto giocare un altro incontro lungo“, ha dichiarato. “A Colonia ho giocato un match di tre set contro Zverev, quindi avevo fiducia, e mi sono trovato molto bene qui grazie all’organizzazione del torneo, quindi ho trovato le condizioni perfette per raggiungere la finale“. La terza nella sua carriera, ed è ancora in attesa del primo successo: assieme a Auger-Aliassime, Krajinovic, Evans, Struff e Sinner compone la lista dei top 50 che non hanno ancora sollevato un trofeo.

Il tabellone completo

Continua a leggere

Flash

Djokovic: “Aver centrato il N.1 di fine anno ha pesato, ero a Vienna per quello. Ma Sonego ha meritato”

La performance di Nole non è stata all’altezza. Colpa dell’appagamento per il n.1 e della tristezza per la morte di una figura di spicco della chiesa ortodossa. Ma il serbo passa oltre: “Sto bene e voglio chiudere alla grande a Londra”

Pubblicato

il

Ha raccolto appena tre giochi in due set. La peggior sconfitta della carriera di Djokovic nei match giocati due su tre, la peggiore dal 2005 (6-0 6-2 6-1 da Safin all’Australian Open) se consideriamo anche gli Slam e gli altri incontri al meglio dei cinque: questo è il verdetto del campo di Vienna, dove a fare la voce del leone è stato Lorenzo Sonego. Una prestazione incolore da ogni punto di vista quella del n.1 del mondo, non all’altezza delle aspettative. Contro un avversario che ha giocato la cosiddetta “partita della vita”. Questa è stata la sintesi del match in conferenza stampa data dallo stesso Djokovic. Da una parte, i meriti dell’avversario che l’ha messo costantemente sotto pressione. Dall’altra i suoi demeriti nell’incapacità di alzare il livello ai suoi soliti standard.

Mi ha spazzato via dal campo. Questo è tutto”
, ha sintetizzato in maniera molto sportiva il fenomeno serbo. “È stato migliore di me in ogni aspetto del gioco. Io non ho avuto una buona giornata, lui ne ha avuto una fantastica. Ha sicuramente meritato questa vittoria”.

Nole, d’altro canto, non sembra dare troppa importanza alla sconfitta e anzi riconosce di non essere entrato in campo concentrato al 100%. “Il fatto di aver centrato l’obiettivo del numero 1 di fine anno (dopo la vittoria con Coric agli ottavi, ndr) ha pesato su di me oggi. Ho fatto quello per cui ero venuto qui e mi va benissimo il risultato di oggi. Sto bene e non vedo l’ora di chiudere alla grande la stagione a Londra“. Certo, non è difficile immaginare che Djokovic avesse la testa altrove, e il livello di tennis espresso è lì a testimoniarlo, ma sono parole che fanno comunque effetto quando pronunciate dal numero uno del mondo, un cannibale che ci ha abituato a non lasciare per strada neanche le briciole. 

Un’altra ragione di distrazione per Djokovic potrebbe essere stata la morte del 82enne Risto “Amifilohije” Radovic, metropolita del Montenegro, una figura di spicco e influenza all’interno della chiesa ortodossa serba. “Sono stato fortunato abbastanza da conoscerlo, passare del tempo con lui e sentire la grande energia che lui emanava. Dovremmo ricordarlo con un sorriso ed essere grati per tutto quello che ha fatto. È stato un esempio di come preservare la nostra cultura e la nostra tradizione”, ha affermato Djokovic, che è molto devoto. Sinceramente questa notizia mi ha un po’ segnato. Mi sentivo un po’ giù di morale. Ma non darei la colpa a questo”.

VERSO LONDRA – Il serbo aveva rinunciato con largo anticipo al Masters 1000 di Parigi-Bercy, dove da campione in carica non avrebbe potuto guadagnare né perdere alcun punto ATP, poiché il ranking è ancora “congelato”. Le due vittorie contro Krajinovic e Coric in Austria gli permettono invece di chiudere l’anno al N.1 con qualche settimana di anticipo e di sfruttare la settimana del torneo parigino per prepararsi al meglio in vista delle Finals, dove invece avrà l’opportunità di incamerare nuovi punti. “È stata solo una brutta partita. Passerò un po’ di tempo con la mia famiglia in Serbia. Farò una buona preparazione per chiudere nella miglior maniera possibile la stagione”, ha detto Nole. Insomma, solo un incidente di percorso. Un sassolino nella strada che lo tiene in vetta al mondo del tennis. Per una volta, fortunatamente, il sassolino era tricolore.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement