Pioggia di ritiri a Doha: Wozniacki abbandona il Qatar e anche la top 10

Flash

Pioggia di ritiri a Doha: Wozniacki abbandona il Qatar e anche la top 10

Preoccupano le condizioni della danese, che proverà però a giocare a Dubai. Papà Piotr conferma che al momento non ci sono certezze. Caroline esce dalla top 10 per fare posto a Serena Williams

Pubblicato

il

(foto Roberto Dell’Olivo)


Il 2019 di Caroline Wozniacki ha preso una brutta piega. Dopo l’uscita di scena prematura all’Australian Open, dove difendeva il titolo, per mano di Maria Sharapova, l’ex numero numero uno del mondo si è ritirata dal WTA Premier di Doha a causa di un’infezione virale. L’annuncio è arrivato qualche ora prima del match contro Karolina Muchova, che ora sfiderà un’altra ex campionessa Slam, Samantha Stosur, sostituta di Wozniacki nel tabellone. Ora il forfait avrà importanti ripercussioni sulla classifica WTA. La danese scivola infatti fuori dalla top 10 per la prima volta dal maggio 2017 e favorisce il rientro nelle prime dieci del mondo di Serena Williams dal prossimo lunedì. La 23 volte campionessa Slam mancava in top 10 dal luglio 2017.

La mancata partecipazione al torneo alimenta l’apprensione per le condizioni di salute di Caroline. La diagnosi di artrite reumatoide resa nota qualche mese fa non lascia spazio all’ottimismo per il futuro della tennista danese, come ha confermato il padre (e allenatore) Piotr in una recente intervista, nella quale ha commentato la rinuncia di Woz alla sfida di Fed Cup con Polonia e Russia. Piotr ha aggiunto ulteriori informazioni dal Qatar: “Caroline consulterà uno specialista a New York” ha detto preoccupato ai danesi di Ekstra Bladet. “Ora è lontana dalla sua forma ottimale, si è ritirata a causa di un virus, ma la visita negli Stati Uniti riguarda ovviamente la sua malattia reumatica. Non posso garantire che giocherà a Dubai, proveremo a riprendere gli allenamenti lì tra qualche giorno, il tempo è migliore rispetto a Doha. Non voglio forzarla, la sua situazione va valutata costantemente”.

 

In mattinata è arrivato anche un altro ritiro eccellente, il quarto in totale, quello di Caroline Garcia. La francese è stata costretta alla rinuncia da un infortunio alla gamba, una conseguenza delle fatiche di Fed Cup. Garcia ha portato la Francia alla vittoria sul Belgio (3-1) sconfiggendo Elise Mertens e Alison Van Uytvanck, ma appena arrivata a Doha ha sentito un dolore alla coscia che non le permette di competere. Verrà sostituita da Lara Arruabarrena, avversaria di Lesia Tsurenko.

Il tabellone aggiornato di Doha

Continua a leggere
Commenti

Flash

Federer continua ad allenarsi a Dubai con Dominic Stricker

Il giovane connazionale, compagno di allenamento di Roger per tre settimane, ha pubblicato uno scatto su Instagram assieme al campione di Basilea

Pubblicato

il

Dominic Stricker e Roger Federer (foto via Instagram @domistricker)

Lontano dalle problematiche che affliggono organizzatori e giocatori in Australia, Roger Federer prosegue il suo percorso di riavvicinamento al Tour ATP. Lo svizzero si sta allenando sui campi di Dubai, come sempre fa durante il periodo di pre-season. Una nuova foto di Roger è spuntata giovedì 15 gennaio sui social, pubblicata dal suo compagno di allenamento (nelle ultime tre settimane). Si tratta del giovane svizzero Dominic Stricker, che (a 18 anni) milita nel circuito juniores.

“Tre grandi settimane” ha commentato Sticker su Instagram. “Mi sono goduto ogni singolo minuto a Dubai. Che gran modo di iniziare la stagione! Grazie a Roger Federer e al suo team per questi allenamenti”. Il venti volte campione Slam ha deciso di saltare tutta la lunghissima trasferta australiana, sia per non stare così tanto tempo lontano dalla famiglia, sia per non affrettare troppo il rientro in campo dopo l’infortunio al ginocchio. È possibile che lo rivedremo in campo a Dubai o a Rotterdam nelle settimane successive all’Australian Open. Gli obiettivi principali, ha dichiarato, sono però Wimbledon, le Olimpiadi e lo US Open.

 

Continua a leggere

Flash

L’annuncio di un doppista: “Il 10 per cento di quello che guadagno in beneficenza”

Questa la promessa del neozelandese Marcus Daniell, n.45 della classifica mondiale. “Non ho bisogno di macchine o orologi costosi. Voglio migliorare la vita delle persone”

Pubblicato

il

Marcus Daniell (sulla sinistra) e Dominic Inglot (via Twitter, @the_LTA)

Abbiamo visto negli anni tante lodevoli iniziative di beneficenza da parte dei tennisti. Ma quella di Marcus Daniell forse le batte tutte. Un po’ perché, dalla sua posizione n.45 della classifica di doppio, il neozelandese non è certo un paperone del tennis. Un po’ per la promessa lanciata dal 31enne Daniell: donare il 10 per cento del proprio prize money annuale per il resto della propria carriera. 

“Mi fa molto piacere sapere che ogni successo che ho nel mio lavoro sarà utile per salvare e migliorare le vite”, ha dichiarato al sito della ATP il tennista Kiwi, che nella scorsa stagione ha vinto il titolo di doppio al Sardinia Open insieme all’austriaco Philipp Oswald. “Non ho bisogno di macchine lussuose o orologi costosi per essere felice. Donare il 10 per cento dei miei guadagni non diminuirà la mia felicità. Ma farà quella di migliaia di persone che miglioreranno le loro condizioni di vita”. 

Inoltre, Daniell si è assicurato che le sue donazioni non vadano sprecate. Infatti lo scorso novembre ha lanciato “High Impact Athletes”, un’organizzazione che si pone lo scopo di far arrivare le donazioni degli atleti alle associazioni di beneficenza che riescono ad avere un impatto maggiore, soprattutto nei campi della lotta alla povertà e della tutela dell’ambiente. La lista delle associazioni ritenute più meritevoli da Daniell include anche la “Against Malaria Foundation”, un ente che cerca di combattere la diffusione della Malaria in Africa.

 

L’anno scorso, il doppista neozelandese ha guadagnato poco più di 74mila dollari di montepremi sul tour. Per quanto il suo gesto sia davvero apprezzabile, difficilmente può fare realmente la differenza. Daniell ne è ben consapevole e per questo ha coinvolto nella sua iniziativa “High Impact Athletes”, due tennisti ben più importanti e ricchi di lui, Stefanos Tsitsipas e Jan-Lennard Struff, che nel 2020 si sono intascati rispettivamente 2 milioni e 700mila dollari in montepremi. L’obiettivo è raccogliere almeno un milione di euro in donazioni tra i tennisti da destinare alle associazioni individuate da Daniell, un tennista che definire generoso è dire poco. 

Continua a leggere

Flash

Fokina positivo al Covid, Australian Open a forte rischio

Il giovane tennista spagnolo e il suo allenatore sono risultati positivi. Molto probabilmente dovrà saltare il primo Slam stagionale

Pubblicato

il

Alejandro Davidovich Fokina - Bercy 2020 (via Twitter, @RolexPMasters)

Alejandro Davidovich Fokina si aggiunge alla lunga lista di giocatori ad essere contagiati al Covid in questi giorni. Prossimi ormai alla partenza per l’Australia, lui e il suo allenatore, Jorge Aguirre, sono risultati positivi al test. Il 21enne tennista spagnolo ha richiesto dei nuovi test per tentare di atterrare a Melbourne in tempo e giocare gli Australian Open. Quella di Fokina è però una corsa contro il tempo visto che gli organizzatori del torneo hanno richiesto ai giocatori di arrivare entro la fine di questa settimana per iniziare la quarantena in hotel. Per non rischiare di dover rimanere lontano dalle competizioni fino a fine febbraio, il n.53 del ranking ATP si è iscritto al Challenger di Quimper, in Francia, che si svolgerà dal 1 al 7 febbraio.

In una situazione simile si trova Andy Murray. Il due volte campione di Wimbledon è risultato positivo al Covid e non si hanno ancora notizie di un suo approdo in Australia. Per la stessa ragione, nel torneo femminile, sono praticamente ufficiali le rinunce al primo Slam stagionale di Madison Keys e Amanda Anisimova, rispettivamente n.16 e n.30 della classifica mondiale. C’è poi lo strano caso di Tennys Sandgren, il quale, nonostante sia risultato positivo all’ultimo tampone effettuato, ha comunque ricevuto il permesso per poter raggiungere Melbourne dagli organizzatori e dalle autorità australiane.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement