Sharapova e Sinner: un duetto inaspettato

Flash

Sharapova e Sinner: un duetto inaspettato

In attesa degli impegni agonistici, Maria e Jannik danzano e cantano in stile natalizio

Pubblicato

il

Arriva un inatteso regalo natalizio con protagonisti Maria Sharapova e Jannik Sinner: i due pupilli di Riccardo Piatti si esibiscono in un balletto cantando “Rockin’ around the Christmas tree”.

Che Maria sia perfettamente a proprio agio in qualsiasi occasione, dentro e fuori dal campo, è cosa risaputa; ci sorprende invece Jannik, tutt’altro che imbarazzato nell’esibirsi di fronte alla videocamera al fianco della stella russa. Anche se il talento tennistico del campione Next Gen sembra inevitabilmente superiore a quello, diciamo così, artistico, questa performance ci offre alcuni secondi spassosi per affrontare al meglio le feste ormai incombenti.

You will get a sentimental feeling When you hear voices singing “Let’s be jolly; Deck the halls with boughs of holly…” ♫

Continua a leggere
Commenti

Flash

L’incertezza di Halep: “Non so ancora se giocherò gli US Open”

La n.2 del mondo non ha ancora deciso la sua programmazione: andare negli USA o rimanere in Europa? Questa settimana intanto primo torneo post-lockdown a Praga. “Siamo tutte nella stessa situazione. Vedremo chi la gestirà meglio”

Pubblicato

il

Simona Halep - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Dopo il forfait last minute per il WTA di Palermo, che ha lasciato l’amaro in bocca al direttore del torneo siciliano Oliviero Palma, Simona Halep si è presentata a Praga, dove effettivamente disputerà il suo primo torneo ufficiale dopo l’interruzione del circuito WTA per via del Covid-19. Nel torneo ceco, Halep è la prima favorita del seeding ma è attesa da un esordio insidioso contro la 29enne slovena Polona Hercog, n. 46 del ranking WTA. A preoccuparla più dell’avversaria però è il suo stesso gioco, come è normale che sia dopo molti mesi senza competizioni. 

“Sinceramente non so bene come gestire il ritorno in campo. La cosa positiva è che siamo tutte nella stessa situazione. Vedremo chi saprà uscirne meglio e chi peggio”, ha dichiarato in conferenza stampa la campionessa rumena. “Sento di avere l’esperienza per affrontare questo problema e penso che se rimango rilassata e do il massimo in ogni partita ritroverò presto la mia forma migliore. Ma sono anche sicura che l’inizio non sarà facilissimo per me perché ho bisogno di partite per trovare il ritmo”.

Halep ha inoltre raccontato come lei ha vissuto l’esplosione della pandemia nel mondo e il conseguente lockdown. “È stato scioccante per me vedere che tutto era bloccato. Sono abituata ad essere sempre in viaggio e improvvisamente dovevo stare a casa ogni giorno e vivere una vita normale. Non capivo e non volevo accettarlo all’inizio”, ha affermato. Alla frustrazione iniziale ha lasciato posto la preoccupazione per la propria incolumità e quella dei propri affetti. 

 

Ero preoccupata lo ammetto. Ho chiesto a delle persone come comportarmi e mi hanno detto che se prendevo le giuste precauzioni né io né chi mi sta attorno si sarebbero ammalate. Così ho fatto e così sto ancora facendo, ha proseguito la 28enne di Costanza. “Ora sono più tranquilla. Ma è ancora difficile la situazione nel mondo. Le ripercussioni sull’economia saranno molto gravi e molte persone saranno in difficoltà. Bisogna avere pazienza e speranza”.

A infonderle tranquillità è stato anche sicuramente il suo coach Darren Cahill. Il celebre coach australiano ben sapendo quanto sia difficile allenarsi in un clima così teso e senza certezza di quando si tornerà a disputare degli incontri, non le ha messo alcuna pressione. “Darren mi ha detto che se ero concentrata, riuscire ad allenarsi come se avessi un torneo la settimana successiva sarebbe stato fantastico. Ma se non lo ero, se un giorno andavo in campo e non avevo voglia di lavorare, mi sarei potuta prendere il giorno libero”, ha spiegato. “Quindi non ero preoccupata di dover giocare ogni giorno. Quando non mi andava non giocavo. Quando mi andava, lavoravo duramente”.

Come tanti altri tennisti e tenniste di vertice europei, anche Halep ha forti dubbi riguardo alla sua presenza ai prossimi US Open. Le condizioni di sicurezza all’interno della bolla newyorkese così come l’assenza di una pausa prima dell’inizio di questa mini-tournée sulla terra rossa, superficie a lei particolarmente congeniale, potrebbero spingerla a rimanere nel vecchio continente. Così come farà Nadal. Ma rinunciare ad uno Slam è sempre difficile. “Non ho ancora preso una decisione riguardo agli US Open. Farò una scelta dopo il torneo di Praga. La situazione è complicata e non sono ancora certa al 100 per cento di quello che farò”, ha sottolineato la rumena. Staremo a vedere se gli US Open perderanno un’altra sicura protagonista del torneo quindi.

Continua a leggere

Flash

US Open: forfait Popyrin, la wild card non serve più a Murray

Grazie al ritiro dell’australiano, l’ex n.1 al mondo entra di diritto nel tabellone principale. La wild card passa allo statunitense Mitchell Krueger. Gaio ora è il primo degli esclusi

Pubblicato

il

Alexei Popyrin - Wimbledon 2019, qualificazioni (foto via Twitter, @Wimbledon)

Continuano ad aumentare le defezioni in vista dei prossimi US Open. Anche se l’ultimo forfait in ordine di tempo ha un peso specifico ben diverso da quelle di Federer, Nadal e Fognini. Si tratta infatti del 21enne talento australiano Alexei Popyrin, n.103 del ranking ATP. L’allievo dell’accademia di Patrick Mouratoglou, protagonista in entrambe le edizioni del Ultimate Tennis Showdown, ha infatti deciso di saltare lo Slam statunitense. Solo qualche settimana fa, in un’intervista esclusiva per Ubitennis, Popyrin aveva rivelato la sua intenzione di saltare la trasferta negli Stati Uniti. Il giovane Aussie era sembrato particolarmente preoccupato dalle condizioni di sicurezza in cui si disputerà il torneo. 

In ogni caso il suo forfait lascia libero un posto nel tabellone principale. Ad approfittarne, in quanto primo nome nella lista degli alternates, è niente di meno che il due volte vincitore di Wimbledon Andy Murray. Il campione scozzese non dovrà così utilizzare la wild card grazie alla quale sarebbe comunque sceso in campo a New York. Gli organizzatori degli US Open hanno dirottato l’invito verso il 26enne texano Mitchell Krueger, n.195 della classifica mondiale, il quale solo una volta in carriera è riuscito a qualificarsi per il tabellone principale, nell’edizione 2018. Così tutte le wild card nel tabellone maschile sono in mano a giocatori statunitensi. Con l’entrata di Murray in tabellone, il primo escluso dalla lista dei partecipanti nel main draw diventa l’azzurro Federico Gaio. Ma è altamente probabile che altri giocatori prendano la stessa decisione di Popyrin nei prossimi giorni. L’attesa di Gaio potrebbe durare molto poco. 

LE ENTRY LIST AGGIORNATE DELLO US OPEN

 

Continua a leggere

Flash

Uno contro tutti: le 9 settimane di Marat Safin, le 43 di Guga Kuerten

Dal novembre 2000 al novembre 2001, si avvicendano in vetta al ranking ATP due tra i tennisti più amati dal pubblico: Kuerten e Safin, che sarà (numeri alla mano) il peggior numero uno della storia per partite vinte

Pubblicato

il

Marat Safin - US Open 2000

Utopia, come il nome originale del galattico impianto edificato sulle rive del Tago, con il ponte Vasco de Gama alle spalle che fa tanto Brooklyn. Utopia, come sembrava essere la sua, prima di iniziare la Masters Cup 2000 nella capitale del Portogallo. Quando inizia il torneo dei maestri a Lisbona, Marat Safin è numero 1 del mondo da una settimana. Ha strappato la corona a Pete Sampras, giunto (come abbiamo ricordato nella puntata precedente) il 19 novembre alla fine del suo lungo e glorioso regno. Al termine di una stagione a dir poco equilibrata (quattro campioni diversi negli slam, otto nei nove Masters 1000), il russo Safin ha fatto valere i risultati ottenuti da agosto in poi e il settimo titolo, quello di Parigi Bercy, l’ha messo sul trono anche se, inevitabilmente, il colpo grosso l’ha messo a segno a Flushing Meadows, aggiudicandosi gli US Open.

Marat è il principale indiziato per chiudere l’anno in testa al ranking, anche perché Pete Sampras ha troppi punti da difendere, e l’unico che può insidiarlo è Gustavo Kuerten. Ma il brasiliano, pur giocando davanti a un pubblico che parla la sua stessa lingua, non è certo uno specialista dei tornei indoor e, comunque, ha la schiena a pezzi e parte con una sconfitta (contro Agassi) che lo mette già con le spalle al muro. Quando inizia il secondo turno del round robin, Guga ha una sola possibilità per diventare leader: vincere il torneo senza perdere più incontri e senza incontrare in finale Safin.

Utopia? Forse, ma non per Kuerten che, in un crescendo entusiasmante, infila quattro vittorie consecutive, batte uno dietro l’altro Kafelnikov, Sampras e lo stesso Agassi e si può inginocchiare sul campo del Pavilhao Atlantico con la bandiera del suo paese sulle spalle. Guga è il 19° numero uno nella storia dell’ATP e si porta in dote la carica nel 2001 ma a Melbourne, nel primo Slam stagionale, la sconfitta al secondo turno per mano di Greg Rusedski gli costa lo scettro, che Safin gli strappa pur non facendo molto meglio (battuto negli ottavi di finale dall’ammazzanumeriuno Dominik Hrbaty) di lui. Nelle successive quattro settimane, il russo gioca due tornei e un weekend di Davis ma i risultati sono piuttosto negativi: perde al terzo turno a Milano (con Rusedski) e al primo a Rotterdam (Mirnyi) così come a Bratislava contro gli slovacchi Hrbaty (ancora lui) e Kucera.

 

Nel frattempo, Kuerten ha scelto la terra americana e la vittoria a Buenos Aires lo rimette in vetta mentre il bis messicano ad Acapulco gli regala il primo titolo da re. Il divario con Safin, tuttavia, è minimo e nel Sunshine Double sono gli scarti a stabilire il nuovo sorpasso: Guga perde al terzo turno a Indian Wells con il quadrumane statunitense Jan-Michael Gambill e al secondo a Miami dove a fermarlo è lo svedese Thomas Johansson, che invece in California ha eliminato Safin al debutto. A questo punto poco importa se Marat esce all’esordio anche in Florida (per mano di Balcells) perché Kuerten lascia sul terreno a Crandon Park la finale del 2000 e non può far nulla per evitare di abdicare. Dal 2 al 22 aprile, Safin colleziona le ultime tre settimane del suo breve regno e perde malamente l’unico match giocato, a Monte Carlo con il bronzo olimpico Arnaud Di Pasquale. Nelle sue nove settimane di regno, Marat Safin fa registrare un primato assai poco invidiabile, ovvero quello di essere il peggior numero uno della storia in quanto a percentuale di incontri vinti: appena il 36% (4 su 11).

Marat Safin – US Open 2000

Con la terra rossa sotto le suole, Kuerten riprende a volare. Vinto Monte Carlo da numero 2, Guga perde in finale a Roma con lo spagnolo Juan Carlos Ferrero e al primo turno ad Amburgo con Max Mirnyi. Non ancora dedito esclusivamente al doppio (specialità nella quale vincerà 10 slam nonché l’oro olimpico sull’erba di Londra in coppia con Vika Azarenka), il bielorusso gioca un tennis offensivo di estrema qualità e dimostra di sapersela cavare bene anche sulla terra, sia pur quella rapida del Super 9 tedesco. Il KO di misura (6-3 3-6 7-6) rimediato ad Amburgo non demoralizza Kuerten che al Roland Garros conquista il suo terzo titolo parigino dopo quelli del 1997 e del 2000. Nell’Era Open, il brasiliano è tuttora l’unico tennista (tra quelli che ne hanno disputate almeno tre) ad aver vinto tutte le finali slam giocate.

Prima di spostarsi negli Stati Uniti, per preparare la seconda parte di stagione sul duro, Kuerten mette in saccoccia un altro titolo sulla terra (Stoccarda) ma anche cambiando superficie i suoi risultati sono in linea con le aspettative. A Los Angeles perde in semifinale con Agassi e a Montreal esce al terzo turno per mano di un ragazzino non ancora diciannovenne con la dinamite nel servizio, un certo Andy Roddick. A Cincinnati, il numero 1 fa suo il quinto e ultimo Masters 1000 in carriera (unico sul duro) battendo Rafter, contro il quale si ritira nel primo set della finale di Indianapolis la settimana successiva. Kuerten sta giocando troppo e il fisico si lamenta ma allo US Open il ragazzo di Florianopolis trova la maniera di risalire la china di due set e battere Mirnyi 6-7 5-7 7-6 7-6 6-2 al termine di una sfida meravigliosa; nei quarti, però, la fatica accumulata nelle settimane precedenti si fa sentire tutta in una volta e con Kafelnikov rimedia appena sette giochi. Per Kuerten è l’inizio della fine.

Curiosamente, sarà proprio Kafelnikov a chiuderne la carriera da n°1 dopo che Guga ha collezionato una sequela di nove sconfitte quasi consecutive, interrotte solo dalla vittoria su Ulihrach a Bercy. In mezzo: Saretta a Costa do Sauipe, Ljubicic a Lione, Mirnyi a Stoccarda, Boutter a Basilea, Schalken a Bercy e la coppia Ivanisevic e Ferrero a Sydney, dove si svolge la Masters Cup che il brasiliano difende nel peggiore dei modi. Un anno dopo il clamoroso exploit di Lisbona, Kuerten conclude la sua esperienza sul trono con numeri “sporcati” in parte dal rendimento nelle ultime partite: 43 settimane in vetta, 63 incontri (46-17) in 19 tornei, di cui 4 vinti. I continui infortuni – soprattutto all’anca – limiteranno l’attività di Guga dal 2002 in poi e, salvo qualche sporadico buon risultato, gli impediranno di tornare a lottare per il vertice.

Vertice che, dalla Masters Cup di Sydney, è occupato dal più giovane n°1 della storia: Lleyton Hewitt. Ed è proprio di lui che parleremo la prossima settimana. 

ANNONUMERO 1AVVERSARIOSCORETORNEOSUP.
2000SAFIN, MARATSAMPRAS, PETE36 26MASTERS H
2000SAFIN, MARATAGASSI, ANDRE36 36MASTERS H
2001KUERTEN, GUSTAVORUSEDSKI, GREG64 46 36 62 79AUSTRALIAN OPENH
2001SAFIN, MARATRUSEDSKI, GREG06 67MILANOS
2001SAFIN, MARATKUCERA, KAROL63 64 36 57 26DAVIS CUPH
2001SAFIN, MARATHRBATY, DOMINIK36 16 46DAVIS CUPH
2001SAFIN, MARATMIRNYI, MAX76 46 36ROTTERDAMH
2001KUERTEN, GUSTAVOGAMBILL, JAN-MICHAEL67 46INDIAN WELLSH
2001KUERTEN, GUSTAVOJOHANSSON, THOMAS36 64 46MIAMIH
2001SAFIN, MARATDI PASQUALE, ARNAUD36 16MONTE CARLOC
2001KUERTEN, GUSTAVOFERRERO, JUAN CARLOS63 16 62 46 26ROMAC
2001KUERTEN, GUSTAVOMIRNYI, MAX36 63 67AMBURGOC
2001KUERTEN, GUSTAVOAGASSI, ANDRE76 36 36LOS ANGELESH
2001KUERTEN, GUSTAVORODDICK, ANDY76 46 26CANADA OPENH
2001KUERTEN, GUSTAVORAFTER, PATRICK24 RIT.INDIANAPOLISH
2001KUERTEN, GUSTAVOKAFELNIKOV, YEVGENY46 06 36US OPENH
2001KUERTEN, GUSTAVOSARETTA, FLAVIO64 26 46COSTA DO SAUIPEH
2001KUERTEN, GUSTAVOLJUBICIC, IVAN67 26LIONES
2001KUERTEN, GUSTAVOMIRNYI, MAX64 67 46STOCCARDA INDOORH
2001KUERTEN, GUSTAVOBOUTTER, JULIEN67 26BASILEAS
2001KUERTEN, GUSTAVOSCHALKEN, SJENG64 46 46PARIGI BERCYS
2001KUERTEN, GUSTAVOIVANISEVIC, GORAN26 76 46MASTERS H
2001KUERTEN, GUSTAVOFERRERO, JUAN CARLOS67 26MASTERS H
2001KUERTEN, GUSTAVOKAFELNIKOV, YEVGENY26 64 36MASTERS H

  1. Nastase e Newcombe
  2. Connors
  3. Borg e ancora Connors
  4. Bjorn Borg
  5. Da Borg a McEnroe
  6. Ivan Lendl
  7. McEnroe e il duello per la vetta con Lendl
  8. Le 157 settimane in vetta di Ivan Lendl
  9. Mats Wilander
  10. Lendl al tramonto e l’ultima semifinale a Wimbledon
  11. La prima volta in vetta di Edberg, Becker e Courier
  12. Sale sul trono Jim Courier
  13. Il biennio 1993-1994, da Jim Courier a Pete Sampras
  14. Agassi e Muster interrompono il dominio di Sampras
  15. La seconda parte del regno di Sampras, Rios re senza corona
  16. Moya, Rafter, Kafelnikov e Agassi nell’ultima fase del regno di Sampras

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement