Adria Tour: Djokovic fa sul serio, ma anche Rublev non scherza

Focus

Adria Tour: Djokovic fa sul serio, ma anche Rublev non scherza

Rublev e Djokovic mattatori del day 1 della tappa di Zara dell’Adria Tour. Il n. 1 del mondo supera un buon Coric, mentre il russo si impone su Cilic e la sorpresa Petrovic. Deludono Cilic e Dimitrov, che si ritira. Donna Vekic è perplessa sulle regole dello US Open (“Irreale”)

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Adria Tour (Foto: Mario Cuzic/HTS)

Dal nostro inviato a Zara

Prima giornata della seconda tappa dell’Adria Tour, che questo weekend fa tappa in Croazia, a Zara. È stata una giornata lunghissima, baciata dal sole e dal caldo già quasi estivo della Dalmazia, iniziata a mezzogiorno con l’esibizione tra Donna Vekic e Olga Danilovic e conclusasi ben oltre mezzanotte, con l’ultimo punto del tie-break decisivo del match tra Alexander Zverev su Marin Cilic. Protagonista in campo e fuori Novak Djokovic, che prima ha incontrato il premier croato e poi ha infilato due vittorie – convincente soprattutto la seconda, su un buon Borna Coric – che lo portano ad un passo dalla finale di domenica sera.

Nell’altro girone il mattatore è stato invece Andrej Rublev, che si è imposto con autorità in tre set su Marin Cilic e poi in due sulla grande sorpresa della giornata, Danilo Petrovic, vittorioso in precedenza su un fallosissimo Alexander Zverev. Il tedesco si è poi parzialmente ritrovato imponendosi in tre set su Marin Cilic. Quest’ultimo (due sconfitte al terzo set) e Grigor Dimitrov, battuto nettamente da Coric e poi costretto a dare forfait, sono state invece le delusioni di questo sabato.

 

LADIES FIRST – L’esibizione tutta al femminile – anche il giudice di sedia, la croata Antonia Drazic – di inizio giornata è stato un match giocato davanti a pochi intimi (l’orario indubbiamente non ha aiutato)  e vinto dalla giocatrice di casa, Donna Vekic, che ha rifilato due “cappotti” nel primo e nel terzo parziale alla sua giovanissima avversaria, con Olga Danilovic che era riuscita a strappare con le unghie il secondo set, annullando persino un paio di match point sul servizio Vekic nel sesto game e poi un altro nel tie-break. Poche le indicazioni che si possono trarre da un match giocato in totale relax (anche se Olga è riuscita a fare un doppio fallo quando ha servito per il set sul 6-5 nel tie-break), come confermato da una soddisfatta Donna Vekic in conferenza stampa. “Ho giocato veramente bene, servizio, palle corte, oggi funzionava tutto… del resto mi sentivo bene, ero rilassata. Con Olga poi abbiamo un bel rapporto” – un affiatamento dimostrato anche al termine del match, quando hanno cantato assieme una hit di un noto cantautore pop croato – “e ci siamo allenate tanto insieme in questi giorni”.

Per quando riguarda la ripresa della stagione, dopo aver comunicato l’intenzione di giocare il torneo di Palermo, la n. 24 del mondo ha espresso le sua perplessità sulle regole per la partecipazione allo US Open, legate alla pandemia COVID-19. Non è mai stato un problema per me passare dalla terra al cemento, piuttosto bisogna capire quali saranno le regole. Da quanto mi ha detto ieri Nole, pare confermata al momento la quarantena anche per i giocatori. Ma non è possibile allenarsi, poi arrivare lì, stare fermi due settimane in albergo e poi giocare gli US Open. È irreale.

Un momento del match tra Donna Vekic e Olga Danilovic (foto: Mario Cuzic/HTS)

LE PARTITE DEL POMERIGGIO – Alle 14 l’inizio ufficiale della tappa zaratina dell’Adria Tour, con la sfida tra Dimitrov ed il beniamino di casa Borna Coric (Borna è zagabrese, ma il papà è di Zara), inseriti nel girone A, quello di Djokovic. Il 23enne croato non ha deluso il suo pubblico, che nel frattempo aveva leggermente riempito (non molto, a dire il vero, ma l’orario e il caldo continuavano a non invogliare le persone a lasciare la diretta TV) le tribune del campo centrale del Centro Sportivo Visnjik, giocando un ottimo match e superando agevolmente con un doppio 4-1 in poco più di mezz’ora, il n. 19 del mondo, mai entrato realmente in partita.

A seguire il primo match del girone B, quello tra Zverev e il serbo Danilo Petrovic, il vincitore del torneo di qualificazione giocato nei giorni scorsi. Il n. 157 del mondo ieri in conferenza stampa aveva detto di essere già contento di essere qui, ma in realtà una volta sceso in campo ha fatto capire di non voler fare il vaso di coccio tra i vasi di ferro. C’è riuscito benissimo, tanto da imporsi a sorpresa, con un doppio 4-3, sul n. 7 del mondo. Probabilmente grazie al fatto di essere più “caldo” agonisticamente, ma anche perché Zverev ci ha messo del suo. Basta vedere il dato dei doppi falli – dodici – per capire infatti che oggi pomeriggio è scesa in campo una delle versioni iper-fallose del tedesco viste (purtroppo) molto spesso nel corso della scorsa stagione.

Il terzo match in programma, il derby serbo tra Djokovic e l’altro qualificato Pedja Krstin, era iniziato proseguendo sull’onda della sorpresa del match precedente, con il n. 246 ATP che si è ritrovato sul 3-2 40-15 e servizio, prima che Nole con un parziale di 10-4 rimettesse le cose a posto e si imponesse al tie-break. Il 25 tennista di Kikinda probabilmente era già contento di aver impegnato per un set il primo giocatore del mondo e così nel secondo parziale opponeva ben poca resistenza al suo più titolato connazionale, che si imponeva agevolmente per 4-1. Prima dell’incontro Novak Djokovic aveva incontrato il primo ministro croato Andrej Plenkovic, che poi ha assistito al match del fuoriclasse serbo.

L’incontro (senza stretta di mano) tra Djokovic ed il premier croato Plenkovic (foto: Mario Cuzic\HTS)

Saliva la qualità del tennis in campo con l’ultimo match della sessione diurna, quello tra Andrey Rublev e Marin Cilic, sebbene sia risultato evidente come entrambi siano lontani dalla loro forma migliore. Oltre al fatto che Rublev tiene il broncio e si arrabbia anche quando sbaglia in un’esibizione… Sul tennista russo aggiungiamo un’ulteriore osservazione – diciamo così – “tecnica”. Chi scrive lo aveva visto l’ultima volta lo scorso anno ad Umago, e qui a Zara sembra che il 22enne moscovita abbia sfruttato la pausa forzata per mettere quei kg di muscoli (non troppi, sia chiaro) che gli mancavano. A giudicare da quanto visto oggi – seppur, ripetiamo, si tratta di un’esibizione giocata dopo un periodo di inattività – la favolosa velocità di braccio non ne ha risentito, ma Andrey pare proprio aver guadagnato in pesantezza dei colpi.

Il match è stato l’unico della sessione pomeridiana a concludersi al terzo set (e a superare l’ora di gioco). Rublev si era imposto al fotofinish (7-5 nel tie-break) nel primo set, mentre Cilic aveva pareggiato le sorti dell’incontro imponendosi per 4-2 nel secondo parziale. Il break iniziale di Cilic nel set decisivo entusiasmava il pubblico zaratino (tribune ancora semivuote, comunque), ma era l’ultima fiammata del tennista di Medjugorje (“Bella partita, soprattutto nei primi due set, poi sono calato un po’ mentalmente, cosa che ci sta considerando il lungo stop” ha detto il croato, comunque soddisfatto, alla fine della partita). Rublev infilava un parziale di 4 giochi a zero, aggiudicandosi il set decisivo e agganciando così Petrovic in testa al girone B.

SABATO SERA SENZA GRIGOR – Mentre il sole scaldava ancora per bene (alle 19 c’erano 26 gradi) il campo centrale del complesso sportivo zaratino, tutto era pronto per l’inizio della sessione serale, con la sfida tra i due fanalini di coda del girone A. A sorpresa però – ma neanche tanto, visto la pessima prestazione del bulgaro nel pomeriggio – Dimitrov veniva sostituito dal croato Nino Serdarusic (n. 299 ATP), prima riserva in quanto semifinalista nel torneo di qualificazione.  Il 23enne tennista zagabrese coglieva l’attimo e si imponeva in due set, entrambi vinti al tie-break, su Pedja Krstin, che si ritrovava così ad essere il primo giocatore matematicamente sicuro di non disputare la finale di domenica sera.

La seconda partita serale vedeva invece lo scontro al vertice del girone B tra Andrey Rublev e il sorprendente Danilo Petrovic. Il tennista russo aveva dimostrato di essere decisamente più in palla del suo amico Zverev e lo confermava, tornato in campo dopo poco più di un’ora e mezza dalla fine del match contro Cilic, superando agevolmente in due set il 28enne belgradese. Petrovic ci ha provato, sopratutto all’inizio, ma poi ha dovuto inchinarsi di fronte all’evidente differenza di “cilindrata” del tennis del n. 14 del mondo, che finiva così la prima giornata in testa al girone B.

BIG MATCH – A seguire la sfida più attesa della giornata, quella tra Novak Djokovic e Borna Coric, che per come si erano messe le cose – compreso il ritiro di Dimitrov – era diventata anche quella decisiva per la vittoria nel girone A e la qualificazione alla finale.Sarà stato questo, sarà stato il fatto di giocare davanti al suo pubblico contro il n. 1 del mondo, sta di fatto che il tennista croato è entrato in campo molto contratto, al contrario di Djokovic che giocando in assoluta scioltezza – a parte qualche palla corta di troppo, probabilmente fatta per evitare scambi troppo lunghi – conquistava rapidamente il primo set (“Mi ha dominato nel primo” ammetterà poi Coric). Sospinto dal pubblico (gli spalti, ora erano pieni per circa la metà della capienza, il massimo previsto), il tennista di Zagabria nel secondo set reagiva d’orgoglio e la partita diventava emozionante e divertente, con alcuni colpi di ottima fattura da entrambe le parti. Sul due pari Borna recuperava da 0-40 e poi arrivava a due punti dal set (0-30) nel game successivo. Ma qui Djokovic faceva capire che non è un’opzione per lui non arrivare in finale a Zara, dopo aver mancato l’ultimo atto nella tappa d’esordio di Belgrado.

Il fuoriclasse belgradese infilava un altro parziale simile a quello nel primo set con Krstin e vincendo undici degli ultimi dodici punti si imponeva per 7-1 nel tie-break (“Ho giocato un buon match, forse non come con Dimitrov, ma un buon match. Ma poi alla fine lui ha alzato il livello, e non c’è stata storia” dirà Borna) e si portava solitario in testa al gruppo A. Con il solo Nino Serdarusic tra lui e la finale di domenica sera. “Mi hanno detto che mi basta vincere un set per arrivare in finale, ma non farò calcoli. Scendo in campo sempre per vincere. Sono contento di come ho giocato contro Borna, che era in ottima forma. Si è trattato indubbiamente del mio miglior match da quando abbiamo ripreso a giocare” ha detto Djokovic, che nonostante l’ora tarda (erano le 23.30) è venuto a parlare con i giornalisti dopo il match (non c’è alcun obbligo in questo senso per i giocatori all’Adria Tour) e si è concesso con grandissima disponibilità ai selfie con praticamente tutta la sala stampa.

Chiudeva il lungo sabato tennistico di Zara il match tra Zverev e Cilic, con il n. 7 del mondo che si riscattava dalla clamorosa sconfitta contro Petrovic e si imponeva in tre set, in un match caratterizzato da molti alti e (soprattutto) bassi da parte di entrambi. E che ha rischiato persino la sospensione, considerato che proprio poco dopo la conclusione si è scatenato un improvviso e violentissimo temporale. Il tedesco si giocherà ora le residue speranze di approdare in finale nel secondo match della seconda giornata, contro Andrey Rublev: deve vincere (possibilmente in due set) e sperare che Petrovic non faccia un altro miracolo contro Cilic.

Zverev durante il match serale contro Cilic (foto: Mario Cuzic\HTS)

RISULTATI
Esibizione
Vekic b. Danilovic 4-0 3-4(7) 4-0

Sessione diurna
B. Coric b. G. Dimitrov 4-1 4-1
A. Zverev b. D. Petrovic 4-3(2) 4-3(1)
N. Djokovic b. P. Krstin 4-3(3) 4-1
A. Rublev vs M. Cilic 4-3(5) 2-4 4-1

Sessione serale
N. Serdarusic b. P. Krstin 4-3(5) 4-3(1)
A. Rublev b. D. Petrovic 4-2 4-1
N. Djokovic b. B. Coric 4-1 4-3(1)
A. Zverev b. M. Cilic 4-3(1) 0-4 4-3(1)

CLASSIFICHE
GIRONE A – Djokovic 2/0,  Coric 1/1 , Serdarusic-Dimitrov 1/1, Krstin 0/2
GIRONE B – Rublev 2/0, Petrovic 1/1, Zverev 1/1, Cilic 0/2

IL PROGRAMMA DI DOMENICA 21 GIUGNO

Sessione diurna (dalle 14)
B. Coric vs P. Krstin
A. Zverev vs A. Rublev
N. Djokovic vs N. Serdarusic
M. Cilic vs D. Petrovic

Finale (ore 20)

Continua a leggere
Commenti

Italiani

WTA Palermo: imprese di Cocciaretto ed Errani, male Paolini

Giornata piena di gioia per i colori italiani a Palermo, Cocciaretto ed Errani volano ai quarti di finale

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto al Palermo Ladies Open 2020 (foto Twitter @LadiesOpenPA)

PAOLINI KO – È Jasmine Paolini la prima italiana a scendere in campo a Palermo, contro la numero 116 del mondo Aliaksandra Sasnovich. Nonostante la differenza di classifica Sasnovich si presentava alla partita dopo la grandissima vittoria contro Mertens e non si può dire che la partita non abbia rispettato le aspettative. Paolini viene dominata completamente nel primo set, dove vince solo 6 punti su 19 al servizio e subisce un pesante 6-0 senza appello. Non migliora molto la situazione nel secondo set, dove subisce subito il break e ha un sussulto solamente nel sesto game, dove non sfrutta 5 palle break per tornare dentro la partita. Sasnovich scampa il pericolo e chiude comodamente con 6-2.

Molto lucida Paolini nella sua analisi post-partita Paolini: “In queste situazioni è molto difficile. Ho provato a incitarmi, a rimanere vicina nel punteggio ma quando parti male e l’altra parte molto bene è difficile. L’atteggiamento però è quello giusto, oggi purtroppo non è andata: lei mi è salita subito sopra“. Sasnovich sfiderà la vincente tra la numero 1 del seeding Petra Martic e Samsonova per un posto in semifinale.

ERRANI IN RIMONTA – Sfida inedita quella tra Sara Errani e Krystina Pliskova ed è la tennista italiana a volare nei quarti del Palermo Ladies Open. La tennista ceca, reduce da una grandissima vittoria contro Maria Sakkari, non rispetta le previsioni della vigilia e cede ad una Sara Errani che parte male ma che carbura col passare dei game.

 

L’inizio non è appunto dei migliori. La Pliskova vince ben 13 punti di fila ad inizio partita portandosi abbastanza comodamente sul 3-0. Sembra una partita dall’esito scontato, sulla falsariga di quella di Jasmine Paolini, ma Errani ha il merito di rimanere dentro la partita. Paradossalmente Errani non sembra soffrire tanto al servizio quanto in risposta, dove non riesce mai a mettersi in posizione di comando nello scambio e subisce perennemente l’iniziativa di Pliskova.

Nonostante la situazione pesante di punteggio sembra essere scattato qualcosa in Sara, che dopo il quarto game salvato aumenta i giri del motore in risposta e rende sempre la vita difficile a Pliskova sin dal primo colpo dopo il servizio. E il break arriva per l’italiana, dopo aver salvato tre set point. Ma bastano due seconde attaccabili di Errani per portarsi a due palle break e un rovescio affondato a rete vale il set per la ceca.

Lo spartito del match cambia completamente nel secondo set. Errani non sbaglia praticamente niente da fondocampo e Pliskova non riesce più a dominare lo scambio con il suo dritto. In un attimo la tennista ceca si ritrova sotto 0-2 e rischia anche il doppio break, ma una bellissima demi-volée di dritto la tiene a galla. Una riga profonda salva Pliskova da un pericoloso set point ma non basta, Errani va a servire per il set sul 5-4 e chiude con autorità un secondo set pienamente meritato. Un set in cui Sarita non ha mai perso il servizio.

Il momentum della tennista bolognese continua nel terzo set, con Errani che continua a dominare da fondocampo e a tenere medie accettabili al servizio. Chiuderà la partita con il 78% di prime in campo e il 59% di punti vinti con la prima. L’italiana trova il break nel quinto game e non si guarda più indietro. Tiene la concentrazione nonostante il rain delay sul 5-3 e chiude il match con l’ennesimo break. Troverà una Fiona Ferro in grandissima forma nei quarti, ma visto il livello tenuto in questo inizio di torneo tutto è possibile. “Ho cercato di rimanere concentrata durante la pausa per la pioggia – ha detto Errani a fine match -. Sono più tranquilla rispetto allo scorso anno, sono sempre dentro la partita. Ferro prossima avversaria? Questa mattina ci siamo allenate insieme. È giovane e molto potente”.

SORPRESA COCCIARETTO – Elisabetta Cocciaretto si conferma il nostro miglior prospetto femminile e sconfessa i pronostici della vigilia battendo Donna Vekic dopo un’ora e mezzo di battaglia. È la prima vittoria contro una top30 e la seconda contro una top100 nell’arco di due giorni. La tennista italiana ha fatto valere la sua maggiore solidità da fondocampo e soprattutto al servizio, dove nonostante non abbia brillato particolarmente per potenza è stata molto più costante dell’avversaria.

La partita è dura sin da subito. Cocciaretto deve salvare due palle break in un game di dieci minuti e la stessa Vekic soffre parecchio al servizio in altri due game interminabili. È Cocciaretto però a spuntarla grazie al suo dritto. L’italiana si porta a palla break con un bellissimo dritto in corsa e si prende il 4-2 grazie ad un errore non forzato della croata. Vekic non trova mai il ritmo da fondocampo e soprattutto ha un servizio troppo poco incisivo per creare problemi a Cocciaretto. L’italiana è estremamente aggressiva sulle seconde della numero 24 del mondo e non ha problemi a sfruttare il servizio timoroso della Vekic, portandosi a casa break e set per il 6-2.

Le distrazioni della tennista croata non si fermano nel secondo set, dove viene breakkata subito e mostra un linguaggio del corpo che non lascia presagire niente di buono. Nonostante ciò ha un sussulto e tanto basta per riaprire il set, approfittando di un passaggio a vuoto di Cocciaretto al servizio. L’italiana non si perde d’animo e tiene senza problemi i suoi turni di battuta, per poi trovare il break decisivo nel decimo game e lanciare la racchetta al cielo per quella che è la più grande vittoria della sua carriera finora. Saranno i primi quarti a livello WTA per Elisabetta Cocciaretto, che troverà la vincente tra Kontaveit e Siegemund.

Risultati:

[Q] A. Sasnovich b. J. Paolini 6-0 6-2
[WC] S. Errani b. Kr. Pliskova 3-6 6-4 6-3
[WC] E. Cocciaretto b. [6] D. Vekic 6-2 6-4
F. Ferro b. [8] E. Alexandrova 7-5 6-2

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere

Italiani

WTA Palermo: Camila Giorgi completa il poker azzurro

Convincente esordio per Camila Giorgi a Palermo contro Rebecca Peterson. Prossimo impegno contro Juvan. Fuori la n. 2 Vondrousova

Pubblicato

il

Camila Giorgi - Palermo 2020 (via Twitter, @LadiesOpenPA)

Ritorno vincente per la n.1 italiana Camila Giorgi (n. 89 del ranking) che ha fatto il suo rientro sul circuito WTA aggiudicandosi il suo in contro di primo turno al Palermo Ladies Open contro la svedese Rebecca Peterson (n. 44 WTA) con il punteggio di 7-5 6-4. Nel suo primo match sulla terra battuta da più di due anni a questa parte, la marchigiana ha fatto un po’ fatica all’inizio del match a trovare il ritmo partita e ha dovuto recuperare da 1-3 e servire per rimanere nel set sul 4-5. Da lì però ha infilato ben sette giochi consecutivi che hanno segnato il destino del match. “Mi sono allenata qualche settimana sulla terra, mi sono trovata molto bene – ha spiegato Giorgi -. I primi punti sono stati un po’ difficili per il ritmo, poi ho iniziato a muovermi meglio. Il pubblico è stato fantastico”.

La vittoria di Camila completa l’en-plein azzurro al primo turno della competizione palermitana, raggiungendo Errani, Cocciaretto e Paolini che avevano superato il loro primo impegno nella giornata di lunedì. Il prossimo turno per Giorgi sarà contro la slovena qualificata Kaja Juvan (n. 121 WTA) che nel primo incontro della giornata sul campo centrale aveva eliminato la testa di serie n.2 Marketa Vondrousova (n. 18 WTA), finalista lo scorso anno al Roland Garros.

Negli altri incontri di martedì da segnalare il facile ingresso del torneo della testa di serie n.1 Petra Martic, che ha lasciato solamente tre giochi alla belga Van Uytvanck, e l’affermazione di altre tre giocatrici provenienti dalle qualificazioni: la russa Samsonova, che ha superato Flipkens, la bielorussa Sasnovic che ha eliminato la n. 5 del seeding Elise Mertens e la lucky loser Dodin che ha avuto la meglio di Zidansek.

 

I risultati:

[1] P. Martic b. A. Van Uytvanck 6-0 6-3
[Q] L. Samsonova b. K. Flipkens 6-4 6-2
[Q] A. Sasnovich b. [5] E. Mertens 6-4 6-1
F. Ferro b. [Q] N. Podoroska 6-2 6-1
[LL] O. Dodin b. T. Zidansek 2-6 6-4 6-4
C. Giorgi b. R. Peterson 7-5 6-4
[Q] K Juvan b. [2] M. Vondrousova 1-6 7-5 6-4

Il tabellone aggiornato

Il programma di mercoledì 5 agosto

Campo centraleore 16
[8] E. Alexandrova vs F. Ferro
J. Paolini vs [Q] A. Sasnovich
[WC] S. Errani vs Kr. Pliskova
[WC] E. Cocciaretto vs [6] D. Vekic

Continua a leggere

Italiani

Il lunedì azzurro di Palermo: avanti anche Paolini

La toscana rimonta Kasatkina e attende la vincente di Sasnovich-Mertens. Sakkari unica testa di serie ko, avanti Alexandrova e Yastremska. Martedì l’esordio di Camila Giorgi

Pubblicato

il

Jasmine Paolini - Palermo 2020 (via Twitter, @LadiesOpenPA)

A Palermo torna il tennis: gioia Errani e Cocciaretto

Il percorso netto delle azzurre nella prima giornata del WTA International di Palermo lo completa Jasmine Paolini. Dopo i successi di Errani e Cocciaretto, anche la toscana si mette al collo il pass per il secondo turno dove troverà la vincente tra la quinta testa di serie Elise Mertens e la qualificata Aliaksandra Sasnovich (con la bielorussa avanti 2-1 nei precedenti). Il successo della campionessa degli Assoluti su Daria Kasatkina è maturato oltre la mezzanotte dopo tre ore di battaglia, con la legittima soddisfazione per aver superato in rimonta una ex top ten (oggi 66 del mondo). Ed essersi presa la rivincita, dopo il ko nelle qualificazioni dell’ultimo Roland Garros.

Sapevo che sarebbe stata una partita molto dura – ha commentato a caldo la numero 95 WTA – conosco bene la mia avversaria, so che non molla mai e che contro di lei bisogna dare il massimo su ogni punto. Francamente non mi aspettavo di giocare così tanto. Avevo un affaticamento alla coscia, per questo ho servito più piano. Nel terzo set il servizio non ha aiutato nessuna delle due. Ho risposto meglio e penso che questo mi abbia aiutato a fare i break“.

ASPETTANDO CAMILA – C’è da dire che se Jasmine ha tramutato in punto appena il 51% delle prime di servizio, la russa è stata capace di fare peggio (45%) senza sfruttare le debolezze dell’avversaria (concretizzate appena 10 palle break su 34). Sul campo centrale, a beneficio del pubblico rigorosamente distanziato, il programma si è concluso a notte fonda – erano le due – con la sconfitta di Maria Sakkari (3 del seeding, 20 WTA), superata con un doppio 6-4 da Krstyna Pliskova.

La greca è stata l’unica testa di serie a cedere il passo nel day 1: avanti Ekaterina Alexandrova (8) che ha ribaltato il buon primo set di Kiki Mladenovic lasciando alla francese solo un game nel secondo e nel terzo parziale. Senza particolari affanni Dayana Yastremska (7) che ci ha messo un’ora e tre quarti per liberarsi in due set della spagnola Sara Sorribes Tormo. L’ucraina è lì nello spicchio basso di tabellone di Camila Giorgi, attesa oggi (terzo match sul centrale) all’esordio contro Rebecca Peterson (1-1 i precedenti nel 2019, entrambi sul veloce, ma a Wuhan l’azzurra si ritirò dopo un set). Il poker azzurro agli ottavi è l’obiettivo di giornata.

 

Risultati primo turno:

[6] D. Vekic b. A. Rus 6-1 6-2
L. Siegemund b. I. Begu 6-3 6-4
[WC] S. Errani b. S. Cirstea 7-5 1-6 6-4
[WC] E. Cocciaretto b. P. Hercog 7-6(1) 6-3
[8] E. Alexandrova b. K. Mladenovic 5-7 6-0 6-1
J. Paolini b. D. Kasatkina 5-7 6-4 6-4
[7] D. Yastremska b. S. Sorribes Tormo 6-3 6-4
Kr. Pliskova b. [3] M. Sakkari 6-4 6-4

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement