Quote giovedì 18/2, Australian Open: per i bookmakers Osaka favorita nella finale anticipata con Serena

Senza categoria

Quote giovedì 18/2, Australian Open: per i bookmakers Osaka favorita nella finale anticipata con Serena

Paga 9 volte la posta l’impresa di Karatsev contro Nole. Muchova sulle ali dell’entusiasmo?

Pubblicato

il

Più o meno una settimana fa avremmo definito un eventuale match fra Novak Djokovic e Aslan Karatsev poco più di un allenamento: fortunatamente il tennis, come lo sport in generale, non è una scienza esatta ed ora ce lo ritroviamo come semifinale di un major, grazie alla storica cavalcata del ventisettenne russo che ha inanellato una serie di record, tra cui quello di essere il primo giocatore della storia a raggiungere una semifinale alla prima partecipazione in assoluto ad uno slam. Fatta questa doverosa premessa, il divario tra i due resta abissale e le quote lo confermano (1,07 e 9 su Bet365, addirittura paga 2,37 il fatto che il serbo perda un set), ma le partite vanno sempre giocate e vinte, soprattutto con un Djokovic in uno stato di forma difficile da intrerpretare e che ha dimostrato qualche problemino di troppo al servizio contro Zverev; ne potrebbe approfittare Karatsev, sempre molto aggressivo in risposta durante il torneo e che ha saputo brillantemente approfittare di un tabellone fortunato, avendo eliminato nell’ordine il nostro Mager, Gerasimov, uno spento Schwartzman, Auger-Aliassime (il vero capolavoro del russo, che ha vinto in rimonta al quinto set) e un acciaccato Dimitrov. Dal canto suo Nole è all’ottava semifinale in un Australian Open, con un discreto bilancio di otto vittorie, che per la cronaca è lo stesso che ha nelle finali. Spaventoso.

Le due semifinali femminili sono Osaka-Williams e Muchova-Brady, evidentemente due match con un appeal differente. Per Serena Williams ritrovarsi davanti Naomi Osaka riporta alla mente dei brutti ricordi, legati a quella finale persa allo US Open 2018 e a quella clamorosa crisi di nervi, scaturita da un coaching da lei ritenuto ingiusto e culminata  con lei che da del ‘ladro’ all’arbitro Ramos; la giapponese, algida in quell’occasione nel non farsi distrarre e a portare a casa il primo titolo in carriera, è avanti due a uno dei precedenti, in quanto aveva già battuto Serena qualche mese prima a Miami, mentre è stata sconfitta a Toronto l’anno successivo. Sembra a tutti gli effetti una finale anticipata, con Osaka favorita per Snai a quota 1,63, anche considerando che la nipponica ha sempre vinto il torneo nelle tre occasioni in cui ha raggiunto le semifinali di un major; dal canto suo la trentanovenne Williams, che ha brillantemente eliminato Sabalenka e Halep negli ultimi due incontri, ha davanti una ghiottissima occasione per andarsi a giocare, da favorita, la finale che potrebbe darle finalmente il tanto agognato titolo slam numero 24.

Sarà, comunque vada, una prima volta in una finale slam per chi avrà la meglio fra Jennifer Brady e Karolina Muchova, arrivate con pieno merito al traguardo della semifinale, la seconda consecutiva per l’americana dopo quella di Flushing Meadows, la prima in assoluto per la ceca. La Brady ha appena perso, contro la connazionale Pegula, il primo set di un convincente torneo, che al momento l’ha già portata al top ranking in carriera (numero 15 WTA), e a giudizio dei bookmakers veste i panni della favorita, mediamente a quota 1,53; Karolina Muchova sembrava spacciata dopo il primo set nel quarto di finale contro Ashleigh Barty, perso malamente 6-1, ma ha saputo incredibilmente ribaltare il match, ribadendo una forza mentale già ampiamente dimostrata nelle vittorie su Mertens e Pliskova: per l’ennesima volta proverà a ribaltare il pronostico (vale 2,40), anche guardando all’unico precedente con la statunitense, vinto al terzo set nel torneo casalingo di Praga 2018.

 

Tempo di semifinali anche al Philip Island Trophy: quote in equilibrio fra Danielle Collins e Daria Kasatkina, con l’americana leggermente in vantaggio in lavagna ma che ha perso l’unico precedente  contro la russa, mentre sembra più sbilanciato l’incontro fra Bianca Andreescu e Marie Bouzkova, che vede la canadese favorita e pagata mediamente 1,53.

Luca Chito

***Le quote sono aggiornate alle 17 di mercoledì 17 febbraio e sono soggette a variazione

Continua a leggere
Commenti

Senza categoria

ATP Vienna, il programma di lunedì 25 ottobre: subito in campo Berrettini, alle 19 circa esordio contro Popyrin

Due teste di serie all’esordio nella prima giornata. Hurkacz affronta Murray, Berrettini chiude il programma contro Popyrin

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Vienna 2021 - (Foto Felice Calabro’)

Prima giornata dell’Erste Bank Open di Vienna, l’ultimo ATP 500 della stagione che con la cancellazione prevista da tempo del Swiss Basel Open di Basilea vede un campo di partecipazione straordinario ai nastri di partenza.

Alla Stadthalle di Vienna si comincerà a giocare alle 14 con il finalista di Indian Wells Nikoloz Basilashvili che affronterà Pablo Carreno Busta, seguito da un match tutto da gustare tra Daniel Evans e il giovane spagnolo Carlos Alcaraz. La sessione serale inizierà alle 17.30 con Hubert Hurkacz che dovrà vedersela con l’ex n. 1 del mondo Andy Murray, per poi finire con Matteo Berrettini che da testa di serie n. 3 esordirà contro il qualificato australiano Alexei Popyrin.

Questo il programma completo (cliccare sull’icona nell’angolo in alto a destra per ingrandire)

 

Continua a leggere

Senza categoria

Anversa, le quote della finale: Sinner parte nettamente avanti a 1,40

Occhio però a Schwartzman, molto positivo anche contro Brooksby in semifinale

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Anversa 2021 - BELGA PHOTO LAURIE DIEFFEMBACQ

Alle 16:30 oggi andrà in scena la finale dell’ATP 250 di Anversa con in campo le prime due teste di serie del torneo Jannik Sinner e Diego Schwartzman, entrambi giunti all’epilogo senza concedere set.

Primo confronto diretto in assoluto fra i due, con l’italiano dato favorito dai bookmakers in media a 1,40, mentre un successo dell’argentino pagherebbe circa 2,80. Il risultato più probabile è un 2-0 per Sinner, dato a 2,20, mentre vale 2,35 che il match vada al terzo.

Ci si augura di rivedere la versione deluxe di Jannik ammirata contro Lloyd Harris, letteralmente travolto da un Sinner quasi perfetto, uno dei migliori visti nella sua breve carriera. Il ragazzo di Sesto Pusteria sembra, finalmente, divertirsi in campo, provando anche nuove soluzioni, probabilmente facilitato da quella che è, a suo dire, la sua superficie preferita. Quinta finale stagionale per lui, con un bilancio di tre successi (Melbourne, Washington e Sofia) e una sconfitta (quella del 1000 di Miami patita contro Hubi Hurkacz). In caso di vittoria diventerebbe il primo italiano nella storia ad alzare quattro trofei in una sola stagione, peraltro ancora in corso.

 

Seconda finale dell’anno, dopo quella vinta sulla terra di casa di Buenos Aires a marzo, per Schwartzman, che sul cemento belga ha viaggiato a vele spiegate, battendo, nell’ordine, Andy Murray (sconfitto dopo un inizio di primo set complicato), Brandon Nakashima e Jenson Brooksby. Il piccolo sudamericano, ex numero 8 al mondo, è parso finalmente in ripresa dopo un anno con più bassi che alti, e venderà sicuramente cara la pelle. Bilancio negativo però nelle finali per lui: quattro vittorie su undici, perdendone quattro delle ultime cinque giocate.

***Le quote  sono aggiornate alle 9 di domenica 24 ottobre e sono soggette a variazione

Continua a leggere

Senza categoria

Sinner e Giorgi favoriti per i bookies, nelle semifinali e come vincenti torneo

Più complicata per l’altoatesino ad Anversa: Harris è un osso duro sul veloce, dove in stagione ha già battuto Thiem e Nadal. A Tenerife ostacolo Osorio Serrano per Camila, impressionante negli ultimi due match

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Anversa 2021 (foto Twitter @eurppeanopen)

Sarà un sabato da passare in poltrona per i tifosi azzurri del tennis, con due nostri portacolori impegnati nelle rispettive semifinali. Nel nord del Belgio Jannik Sinner cerca la quinta finale stagionale (la terza in un 250 dopo quelle vinte a Melbourne e Sofia), mentre al caldo delle Canarie Camila Giorgi mette nel mirino la seconda finale di questo 2021, dopo la stupenda cavalcata vincente di Montreal ad agosto.

Quello visto contro Arthur Rinderknech è stato un Sinner di altissimo livello, ai limiti della perfezione soprattutto con il dritto, a conferma, dopo il successo nel bel derby con Lorenzo Musetti, che la debacle contro Taylor Fritz di Indian Wells è definitivamente messa alle spalle. Avversario di turno ora il sudafricano Lloyd Harris, letteralmente esploso quest’anno, nel quale ha trovato la prima finale in carriera a Dubai e i primi quarti di finale Slam a New York; per il gigante di Città del Capo, dopo l’affermazione al debutto su Zizou Bergs, due bei successi in due set su Jan Lennard Struff e Marton Fucsovics.

Per i quotisti di Bet365 una vittoria di Sinner, prima testa di serie del torneo, è data a 1,50, mentre una sorpresa di Harris, già capace in stagione di portare a casa gli scalpi di Dominic Thiem e Rafa Nadal (rispettivamente a Dubai e Washington), pagherebbe 2,62; il risultato più probabile è una vittoria per 2-0 di Jannik, data a 2,20. Primo scontro in assoluto fra i due, con l’altoatesino a caccia di preziosi punti nella Race verso Torino, approfittando della settimana di pausa dei “rivali” Cameron Norrie, Hubi Hurkacz e Casper Ruud.

Eventualmente in finale ci sarebbe uno fra Diego Schwartzman e Jenson Brooksby, con il Next Gen americano leggermente avanti nei pronostici a 1,66. Primo scontro diretto in assoluto, con il piccolo argentino che ha regolato Brandon Nakashima dopo la bella vittoria su Andy Murray, mentre il talentuoso ventenne Brooksby è arrivato fin qui partendo dalle qualificazioni senza concedere set, eliminando, fra gli altri, Reilly Opelka e Alejandro Davidovich Fokina.

Nella bellissima cornice di Tenerife Camila Giorgi, dopo il complicato e nervosissimo primo turno, portato a casa al terzo nonostante ben due penalty games contro Aliona Bolsova, è stata un vero e proprio rullo compressore, lasciando un totale di cinque giochi alle malcapitate Danka Kovinic e Arantxa Rus. Evidentemente la marchigiana doveva solo scrollarsi di dosso la negatività dovuta alle quattro sconfitte consecutive al primo turno, ottenute in terra statunitense dopo l’exploit del WTA 1000 di Montreal. Occasione ghiotta per Camila, quarta testa di serie di un torneo che ha perso subito le prime tre, fra le quali la favoritissima Elina Svitolina.

Dall’altro lato della rete troverà la diciannovenne colombiana Maria Camila Osorio Serrano, ex numero uno al mondo junior e vincitrice in stagione del primo torneo in carriera, quello casalingo di Bogotà. Primo incrocio fra le due, che vede nettamente favorita l’azzurra (1,32) per Snai, con 2-0 che paga solamente 1,77, mentre un altro upset della sudamericana, dopo quello al debutto su Svitolina, è a 3,35. Nell’altra semifinale si affrontano Alize Cornet e Ann Li, al terzo scontro dell’anno, con una vittoria per parte: successo in due set della statunitense all’Australian Open, mentre due mesi fa la transalpina ha avuto la meglio in tre set a Chicago (torneo nel quale ha raggiunto l’unica finale stagionale). Per i bookmaker parte di poco avanti Cornet (1,70), reduce da due combattuti set con Irina Camelia Begu, mentre vale 2,10 un successo della ventunenne Li, già in semifinale quest’anno a Monterrey.

Entrambi gli italiani sono i favoriti dei rispettivi tornei: il trionfo di Sinner ad Anversa è dato a 2,25 da Goldbet (alle sue spalle, nell’ordine, Brooksby, Harris e Schwartzman), mentre il trofeo di Tenerife per Giorgi è pagato a 2, seguita da Cornet, Li e Osorio.

***Le quote sono aggiornate alle 9 di sabato 23 ottobre e sono soggette a variazione

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement