Berrettini: "Mi sento un Top 10, non ho mai dubitato del mio livello"

Flash

Berrettini: “Mi sento un Top 10, non ho mai dubitato del mio livello”

L’azzurro commenta la vittoria di Belgrado: “Ho avuto più occasioni di Karatsev, direi che è stato il mio miglior tie-break di sempre!”

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - ATP Belgrado 2021 (via Twitter, @atptour)

“Dopo una sconfitta torno sempre più forte”. Questo è stato il leit motif della conferenza stampa di Matteo Berrettini a seguito della vittoria di ieri contro Aslan Karatsev nella finale del torneo di Belgrado. Il tennista romano si è soffermato più volte sulle difficoltà di questi ultimi mesi e sul significato di questa vittoria: “Mi dà molta fiducia, non che l’avessi persa ma venivo da un infortunio patito in un momento in cui stavo giocando benissimo in Australia. Strapparsi l’addome non è un infortunio semplice quando poi devi andare a servire di nuovo. Comunque sono contento perché ho visto che non mi servono troppe settimane o troppi match per tornare ai miei migliori livelli“.

L’INFORTUNIO, MONTECARLO E LA RIVALSA

“Venivo da un periodo difficile, sia per l’infortunio che dal punto di vista mentale, perché una cosa è stare bene e l’altra è essere pronti al 100 percento a giocare il proprio miglior tennis”, ha detto. La sconfitta di Montecarlo [con Davidovich Fokina, ndr] è stata molto dolorosa, ma con il mio team ci siamo detti che è una cosa positiva, perché significa che ci tengo molto. Dal giorno successivo ho iniziato ad allenarmi molto duramente per essere nella miglior forma possibile, e questi sono i risultati”.

Tornando sulla sconfitta al secondo turno del Principato, ha continuato: “Sono stato triste per un paio di giorni, mi allenavo con fatica, e Vincenzo [Santopadre] è stato tosto perché non mi ha permesso di sottrarmi alle difficoltà; dal giorno successivo gli ho detto, ‘voglio giocare come se fossimo in partita’, perché ritenevo che a Montecarlo mi fosse mancata soprattutto quell’attenzione, in termini di gioco non mi ero sentito male. Il tennis è prima di tutto uno sport mentale, quindi se l’attenzione vacilla anche il gioco ne risente. Ho lavorato con il mio mental coach per capire cosa mi stesse dando più fastidio e ci abbiamo lavorato giorno dopo giorno, attraversando anche i giorni in cui volevo uscire dal campo perché non ce la facevo più, ma è così che si costruisce un giocatore”.

 

LA FINALE: IL LIVELLO DI KARATSEV E IL PRIMO TITOLO DAVANTI AI GENITORI

Dei suoi quattro titoli, questo è il terzo conquistato sulla terra battuta. Per qualcuno questa potrebbe essere una sorpresa se si considera il precipuo ruolo del servizio nel suo gioco, ma lui non la vede così: “Sono cresciuto sulla terra [la superficie, non il pianeta, quello sarebbe pleonastico, ndr], ce l’ho nel sangue e nelle vene, quindi non sono stupito di aver vinto il mio terzo torneo su questa superficie. La cosa importante è che mi sento a mio agio su tutte”.

Parlando dei match del weekend, i residui dubbi sulla consistenza di Aslan Karatsev ad altissimi livelli sono stati sciolti dalla sua vittoria di ieri contro il numero uno al mondo Novak Djokovic in oltre tre ore di grande tennis. Non è un mistero che per molti addetti ai lavori (forse quelli un po’ meno attenti) il russo sia stato la grande scoperta di inizio 2021, ma Berrettini, come molti colleghi, è sempre stato consapevole del suo valore: “Sono molto oggettivo, e ho riconosciuto che quello di ieri è stato un match pazzesco, anche perché loro due si incastrano bene. Lo rispettavo anche da prima del match con Djokovic, mi ero allenato con lui una volta, e so che gioca benissimo. Alla fine, però, lui meritava di essere in finale, ma lo meritavo anch’io. In una finale conta chi vuole vincere di più, non contano le classifiche, conta chi è più pronto, e oggi immagino di essere stato migliore di lui. Quando le mie armi funzionano tutti devono stare attenti, e anche se lui sabato ha giocato bene ero convinto di vincere“.

Dopo aver dominato il primo set, Berrettini si è trovato in lotta nel terzo, non riuscendo a sfruttare un break di vantaggio e un match point sul 6-5. Alla fine, però, ha sempre saputo di avere qualcosa in più: “Come ho detto al mio team, ho un cuore molto grande, so combattere e digerire situazioni complicate. Mi sono buttato nella mischia senza paura, ed è una cosa positiva, perché credo di essere un buon giocatore ma credo anche di essere ancora più forte come persona. Oggi ho avuto più chance di lui su cui non sono riuscito a capitalizzare, perché questo è il tennis, ma arrivato al tie-break sono riuscito a giocare il mio miglior tennis”.

La partita si è risolta con anti-climax, perché il N.10 ATP ha vinto tutti e sette i punti: “Nel tie-break mi sono solo detto che avrei cercato di fare del mio meglio fino all’ultimo punto. Sapevo di aver sprecato un match point, ma sapevo anche che l’unico modo di vincere era fare quello che ho fatto, sfruttando l’energia che era montata durante l’incontro. Servizio e dritto hanno funzionato bene, credo di essere stato bravo a riprendere come se nulla fosse dopo aver sprecato delle chance. Credo di aver giocato bene anche in difesa, sì, dai, possiamo dire che sia stato il mio miglior tie-break di sempre!Ha poi aggiunto: “Ricordo che una volta ho vinto 7-6 al terzo un torneo Under-16 in Germania una volta, ed è incredibile perché le sensazioni sono le stesse di allora”.

Belgrado 2021, infine, sarà sempre un titolo speciale per Matteo, perché l’ha conquistato davanti ai suoi genitori, cosa mai successa prima: “Mio padre era venuto a vedermi solo per una finale, a Monaco, quando ho giocato due match in un giorno, vincendo la semi ma perdendo la finale con Garin; mia madre invece non era mai venuta a vedermi giocare una finale. Allora mi sono detto, ‘questo è il momento giusto per vincere di fronte a loro’; credo che ci ricorderemo questa finale per sempre, mi sostengono da quando sono nato e sono sempre con me, anche se non fisicamente”.

IL SUO LIVELLO, IL CONFRONTO CON SINNER, E ROMA

In questi ultimi mesi, i riflettori del tennis italiano avevano un po’ abbandonato Berrettini, visti i suoi problemi fisici e soprattutto un’abbondanza di talento giovane a cui il movimento nazionale non era abituati (ben lungi); come ha sottolineato spesso anche Sonego, però, ai giocatori l’interesse mediatico tange relativamente: “Io mi sento un Top 10, non ho mai dubitato del mio livello, tutto ciò che ho fatto l’ho conquistato col sudore senza che mi venisse regalato tutto; comunque non è una rivincita di nessun tipo, è solo un modo per dire a me stesso che sono forte dentro, perché ci sono momenti difficili”.

Ora Jannik Sinner è il numero due italiano, mentre Lorenzo Musetti è il più giovane membro della Top 100, tutte cose che lo motivano: Tutte le volte che vedo Jannik e Lorenzo faccio loro i complimenti, non mi dà fastidio l’attenzione che ricevono. Anzi, con Jannik ci siamo allenati per tre giorni di fila a Montecarlo ed entrambi i nostri coach erano molto contenti di come abbiamo giocato; allenarmi con un ragazzo giovane che sta salendo in classifica è una cosa che mi stimola, quindi credo che lo faremo sempre più spesso”.

Per finire, Berrettini ha speso due parole anche sulla capitale serba: “Non sono riuscito a vedere Belgrado perché siamo in una bolla, ma i tifosi sono stati con me dall’inizio. Spero di poter tornare in condizioni normali”. La capitale che gli interessa di più è però sempre un’altra, e non è difficile immaginare quale: “Roma è una tappa speciale. Tutti i grandi tornei sono degli obiettivi, e uno Slam è uno Slam, chiaramente, ma anche vincere Roma andrebbe bene!

Continua a leggere
Commenti

Flash

Bianca Andreescu salterà l’Australian Open: “Devo riprendermi dopo un periodo difficile”

La tennista canadese spiega così la sua scelta: “Ho bisogno di tempo per lavorare su me stessa e fare volontariato”

Pubblicato

il

Bianca Andreescu - US Open 2021 (photo Adam Glanzman/USTA)

Con un post su Twitter, Bianca Andreescu annuncia che la sua stagione non inizierà in Australia. La campionessa dello US Open 2019 e straordinaria rivelazione di quella stagione spiega i motivi per cui ha deciso di prendersi del tempo per riflettere oltre che per allenarsi. Motivi che non hanno direttamente a che fare con il tennis, ma legati sia a episodi personali, sia ai tempi difficili che stiamo attraversando e che sembrano avere un effetto molto pesante su di lei. Dopo Naomi Osaka e Iga Swiatek, anche l’ex n. 4 del mondo parla apertamente di problemi attinenti alla sfera emotiva. Ecco cosa scrive Bianca, che non dà indicazioni riguardo alla possibile data del ritorno alle competizioni:

“Ciao a tutti. Come sapete, gli ultimi due anni sono stati molto impegnativi per me per una serie di ragioni. Soprattutto quest’anno, ho trascorso diverse settimane in isolamento e ciò ha avuto un forte impatto su di me – dal punto di vista sia mentale, sia fisico. Inoltre, mia nonna ha trascorso diverse settimane in terapia intensiva a causa dell’infezione da Covid, qualcosa che mi ha toccata gravemente. Per molti giorni, non mi sentivo me stessa, specialmente in allenamento o durante gli incontri. Sentivo come se dovessi portare il peso del mondo sulle mie spalle. Non riuscivo a staccarmi da ciò che succedeva fuori del campo; provavo la tristezza collettiva e il tumulto tutto intorno e ha avuto un impatto su di me. Voglio concedermi del tempo per rimettermi, riprendermi, far sì che ciò mi renda più forte (per quanto suoni come un cliché) e continuare a fare volontariato, restituire e lavorare su me stessa perché so che facendo questo tornerò più forte che mai. Pertanto, non comincerò la mia stagione in Australia quest’anno, ma mi prenderò altro tempo per riflettere, allenarmi ed essere pronta per l’imminente stagione 2022.”

Dopo gli infortuni e un 2020 passato senza partecipare ad alcun torneo, per l’attuale n. 46 WTA quella appena terminata è stata una stagione interlocutoria, che ha anche visto la fine della collaborazione con il coach Sylvain Bruneau e la rinuncia alle Olimpiadi per timori legati alla pandemia. Prima ancora c’erano state la positività al Covid-19 a Madrid e il successivo, confuso forfait agli Internazionali.

Continua a leggere

Flash

Il calendario ufficiale WTA 2022 fino a Wimbledon: si riparte da Adelaide il 3 gennaio

I primi sei mesi dell’edizione numero 49 del circuito professionistico femminile vedranno Indian Wells tornare alla tradizionale collocazione

Pubblicato

il

Ashleigh Barty
Ashleigh Barty - Wimbledon 2021. Credit: AELTC/Jed Leicester

Cinque tornei WTA 1000, otto eventi WTA 500 e almeno quindici tappe WTA 250, oltre ovviamente alle prove del Grand Slam. La WTA ha ufficializzato oggi il calendario dei primi sei mesi del 2022: nessuno stravolgimento rispetto alle attese per i mesi da gennaio a giugno dell’edizione numero 49 del circuito professionistico femminile. Sarà una stagione che vedrà la numero uno italiana Camila Giorgi (34 WTA) tentare di rendere più continui i notevoli picchi di rendimento toccati nel 2021, mentre la numero due Jasmine Paolini (che ha chiuso l’anno sulla poltrona numero 53) cercherà ulteriori step di crescita. L’Italia spera di vedere arricchirsi la truppa delle azzurre in Top 100, tra una Sara Errani (oggi 120 WTA) che cercherà una difficile risalita e le giovani Lucia Bronzetti (148) ed Elisabetta Cocciaretto (155) desiderose di arrivare ad alti livelli.

Dopo il finale di stagione a Guadalajara, che ha visto il trionfo della spagnola Garbine Muguruza, il 2022 partirà dal 3 di gennaio: il menu del mese inizia con il WTA 500 di Adelaide e i due 250 di Melbourne. Nella settimana seguente si rimarrà ovviamente in Australia, tra il WTA 500 di Sydney e il WTA 250 di Adelaide. Le prime due settimane porteranno all’Australian Open 2022 (17-30 gennaio). La struttura tradizionale è poi confermata: nel mese interlocutorio di febbraio i tornei WTA 1000 di Doha e WTA 500 di Dubai si mischieranno agli eventi in Europa (San Pietroburgo e Lione) e a quelli in Sudamerica (Guadalajara e Monterrey). Marzo sarà dedicato ai due combined 1000 di Indian Wells (che torna a giocarsi ad inizio primavera dopo la parentesi autunnale del 2021) e Miami. Ad aprile, dopo l’appuntamento americano di Charleston e il turno eliminatorio della Billie Jean King Cup, spazio alla terra rossa europea con due 1000 (Roma e Madrid), un 500 (Stoccarda) e quattro eventi 250 (Istanbul, Colonia, Rabat, Strasburgo) prima del Roland Garros (23 maggio – 5 giugno). La stagione su erba prevede due WTA 500 (Berlino ed Eastbourne) e quattro WTA 250 (Nottingham, s’Hertogenbosch, Birmingham e Bad Homburg) prima di Wimbledon. Il programma post Championships sarà ufficializzato in un momento successivo: ovviamente la seconda fase della stagione dovrebbe portare in dote diverse novità se verrà confermata la decisione di sospendere tutti i tornei in Cina a seguito del caso Peng Shuai che è stata annunciata giorni fa dal numero uno WTA Steve Simon. Come noto, infatti, tradizionalmente i tornei in quel paese sono collocati dopo lo US Open, tra settembre e ottobre (dal 2013 al 2020 si è giocato a Shenzen la prima settimana dell’anno, ma l’assenza di questo torneo è da attribuirsi anzitutto alla questione legata alle politiche australiane in tema Covid).

Il calendario WTA 2022 tornerà a proporre una serie di eventi prestigiosi nei quali competeranno le migliori tenniste del mondo – ha detto Simon, presidente e amministratore delegato della WTA. – Siamo emozionati al pensiero di iniziare una nuova stagione nella quale potremo accrescere la popolarità e il seguito dei nostri tornei, mentre vedremo le nostre stelle e i talenti emergenti mostrare le proprie abilità a più di 850 milioni di tifosi in tutto il mondo”. Ora è il momento di qualche settimana di riposo, poi ripartirà la caccia al trono della numero uno del mondo Ashleigh Barty.

 

Continua a leggere

Flash

La IMG acquista il Mutua Madrid Open

La società di management con sede a New York annuncia l’accordo trovato con la Super Slam Ltd di Ion Tiriac

Pubblicato

il

Ash Barty - WTA Madrid 2021 (Photo by Mateo Villalba)
Ash Barty - WTA Madrid 2021 (Photo by Mateo Villalba)

La IMG, società di management e marketing del gruppo Endeavor che opera nel mondo dello sport, della moda e dell’intrattenimento, annuncia di aver raggiunto un accordo con la Super Slam Ltd di Ion Tiriac e le sue affiliate per acquisire il Mutua Madrid Open, evento Masters 1000 ATP e WTA 1000. Nel comunicato di lunedì 6 dicembre, viene inoltre menzionato l’acquisto del torneo di golf Acciona Open de España. L’accordo, soggetto anche all’approvazione di ATP e WTA, dovrebbe essere perfezionato nel primo trimestre del 2022. La IMG aggiungerà quindi un altro importante torneo a quelli che già possiede, primo fra tutti il Miami Open.

Sam Zussman della IMG ha dichiarato che “il Mutua Madrid Open sarà un’importante aggiunta al nostro portafoglio di eventi globali e all’attività nel mondo del tennis che ora vanta due dei tre tornei combined obbligatori dei due Tour”. L’altro evento è naturalmente il BNP Paribas Open di Indian Wells. “Aspettiamo con impazienza la possibilità di sfruttare la più ampia rete di Endeavor per migliorare ulteriormente l’esperienza dei fan e aggiungere valore attraverso produzione, media, collaborazioni con i marchi, vendita al dettaglio e ospitalità, proprio come abbiamo fatto con il Miami Open” ha aggiunto Zussman.

La ventesima edizione del Mutua Madrid Open – evento principale della stagione sulla terra battuta insieme agli Internazionali d’Italia prima del Roland Garros – si terrà dal 26 aprile all’8 maggio 2022 alla Caja Mágica di Madrid. Aryna Sabalenka e Alexander Zverev sono i campioni in carica.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement