Santopadre: "Berrettini non poteva fare di più. Djokovic avrebbe potuto continuare a quel livello per giorni..."

Flash

Santopadre: “Berrettini non poteva fare di più. Djokovic avrebbe potuto continuare a quel livello per giorni…”

NEW YORK – L’allenatore di Matteo Berrettini, Vincenzo Santopadre, a mente fredda dopo la sconfitta allo US Open con Novak Djokovic: “Ogni torneo è funzionale alla crescita di Matteo”

Pubblicato

il

Novak Djokovic e Matteo Berrettini - 2021 US Open (Jed Jacobsohn/USTA)

dal nostro inviato a New York

Raggiungiamo Vincenzo Santopadre all’aeroporto JFK di New York mentre sta per imbarcarsi sul volo di ritorno per Roma, dopo una notte molto lunga e una giornata di preparativi per il rientro. La sera prima Matteo Berrettini ha giocato il suo quarto di finale a Flushing Meadows contro Novak Djokovic e ne è uscito sconfitto, come era già successo a Parigi e a Wimbledon.

Come pensi che abbia giocato Matteo nel complesso? Secondo te poteva giocare meglio?

 

Secondo me ha fatto tanto. Sicuramente si può sempre fare meglio, noi vogliamo sempre fare meglio, però forse quel meglio ieri non sarebbe bastato. Credo comunque che abbia giocato al meglio di come poteva giocare nella giornata, certamente la migliore partita del torneo, e naturalmente ha giocato meglio anche di quanto ha fatto a Cincinnati, dove sappiamo che era andato ritornando dall’infortunio.

Penso abbia giocato il miglior tennis che era in grado di esprimere ieri, che è un ottimo tennis, ed è molto vicino alla sua massima potenzialità odierna. Lui si sentiva bene, colpiva bene con il diritto, tenendo anche presente che dall’altra parte della rete c’era uno che ti toglie tutte le sicurezze. E tenendo presente anche la superficie, perché se dovessi scegliere dove giocare questa partita sceglierei la terra.

Infatti la partita di Parigi forse poteva andare diversamente se non avessero fatto uscire il pubblico.

Sì, anche Matteo sente che la partita che sarebbe potuta andare diversamente di quelle giocate con Djokovic era quella di Parigi, più di Wimbledon, anche se lì, così come qui, aveva vinto il primo set. Però quella del Roland Garros è quella che lui sente essere andato più vicino a portarla a casa. Poi tanto dipende anche dalle esperienze che deve fare, Matteo è “l’ultimo arrivato”: oggi leggevo che Djokovic ha giocato 12 quarti di finale qui, e non ne ha perso nemmeno uno.

Probabilmente perché i giocatori molto forti quando arrivano ai quarti di finale vuol dire che sono in forma quindi perdono raramente. O perdono prima, oppure una volta arrivati qui tendono a giocare al loro livello. Ma tornando alla partita: Matteo ha detto di essere stato molto contento di aver disputato questo match perché ha ottenuto molte informazioni. Ma queste informazioni che cosa dicono sulle zone del gioco su cui bisogna ancora lavorare per migliorare ulteriormente?

Quello che è importante è continuare a fare questo tipo di esperienze, che aiutano più di ogni altra cosa a crescere. Confrontarsi con i migliori, sia in allenamento sia in gara, e capire le difficoltà che emergono. Per esempio nella partita con Djokovic è stato abbastanza evidente che l’altro non veniva scalfito da niente e nessuno e avrebbe potuto mantenere quell’intensità di gioco per 5, 6, 7 giorni consecutivi, non lo so, mentre per Matteo si percepiva che lo sforzo del primo set, a livello psicofisico e di attenzione, era stato per lui uno sforzo grosso. Io credo che ci voglia tanto equilibrio: bisogna ambire ad essere migliori, ma anche riconoscere che il suo avversario quel giorno era un marziano.

Con questo quarto di finale, a meno di cataclismi, la qualificazione di Matteo per le Nitto ATP Finals di Torino dovrebbe essere pressoché garantita. Era un obiettivo che ci si prefissava a inizio anno, e se sì, quanto importante era questo obiettivo?

La prima volta è stato un sogno, soprattutto per come si è concretizzato, perché lui a metà stagione era ancora piuttosto indietro. Un po’ come quando arriva un figlio, che due anni prima che nasca non è nemmeno nei progetti e poi quando arriva è meraviglioso. Poi, da quando è successo la prima volta, diventa un obiettivo possibile, anche se molto difficile da raggiungere, perché bisogna essere continui con dei picchi alti. Credo che lui stia facendo qualcosa di grandioso: se lui riesce a qualificarsi per le Finals per la seconda volta in tre anni, e la terza volta è andato come riserva, vuol dire che nonostante lui sia il più “fresco”, l’ultimo arrivato, stia dimostrando di avere una solidità straordinaria.

Matteo tornerà in Italia dopo lo US Open?

No, Matteo rimane qui negli Stati Uniti perché deve giocare la Laver Cup [a Boston]. Poi da lì andrà a Indian Wells, dove lo raggiungerò io dopo essere tornato a Roma per un po’.

Questa trasferta negli Stati Uniti, quindi, iniziata a Cincinnati e che andrà fino a Indian Wells, sarà piuttosto lunga. E anche dopo il ritorno dalla California il calendario è piuttosto pieno fino alla fine della stagione con le Finals e la Coppa Davis finirà il 5 dicembre. Matteo è un giocatore che fatica a giocare tanto, anche perché può rischiare di infortunarsi. È stata prevista una pausa in questo periodo per far riposare il suo corpo?

Sulla carta è tutta una tirata fino a dicembre, ma tante volte abbiamo dovuto cambiare i programmi in corsa. Dobbiamo rimanere vigili e vedere quello che succede. Nella nostra programmazione c’è Indian Wells, Vienna e Parigi [Bercy], più ovviamente le Finals e la Coppa Davis; poi se dovesse succedere qualcosa di diverso e dovesse essere necessario saltare un torneo, lo saltiamo. Ci piace pensare che adesso Matteo ha raggiunto uno status per cui debba prepararsi bene per i tornei cui partecipa, non può andare a giocare solo per giocare. Ogni partecipazione deve essere utile, come per esempio è stato fatto per Cincinnati: ovviamente non era al massimo della condizione tennistica, ma stava bene fisicamente, c’era bisogno di giocare partite, per cui aveva senso andare a quel torneo. Tutti gli eventi da giocare devono essere funzionali alla sua crescita.

Continua a leggere
Commenti

Flash

ATP e vaccini in vista dell’Australian Open: tolleranza zero per chi bara

Durissime sanzioni per chi presenta falsi certificati secondo un documento visionato dall’Équipe

Pubblicato

il

Salvo sorprese dell’ultimo momento e sperando che l’auspicio di Sascha Zverev sull’esenzione dalle regole per Novak Djokovic fosse dettata più dall’euforia della vittoria che da uno scambio di reciproche indulgenze o da un pensiero razionale, all’Australian Open potranno partecipare solo giocatori vaccinati. L’obbligo del vaccino è una scorciatoia linguistica poiché in realtà si tratta di presentare un certificato che ne provi l’avvenuta somministrazione – un po’ come per entrare in pizzeria bisogna mostrare il proprio green pass, per quanto, in pratica, sia sufficiente un green pass. L’analogia serve per arrivare al problema dei certificati “falsi”, virgolettato perché spesso si tratta di certificati autentici che medici compiacenti rilasciano senza aver davvero somministrato il vaccino, come dimostrano alcuni arresti per questo motivo riportati nelle cronache certamente non solo italiane. Una possibilità che, per giocatori che fossero disposti a coglierla, sposterebbe il dilemma dal farselo o meno iniettare al valutare l’impatto sulla propria immagine della “dichiarata” vaccinazione (implicita nella partecipazione all’Happy Slam) agli occhi dei più feroci sostenitori no-vax.

A proposito del delicato argomento, sembra proprio che l’ATP non sia nata ieri né abbia intenzione di (fingere di) ignorare questa possibilità, almeno a giudicare da quanto scrive l’Équipe che ha avuto modo di visionare un documento inviato dall’associazione ai propri giocatori. Come già chiarito da Andrea Gaudenzi, l’ATP continua a raccomandare fortemente ai propri iscritti di vaccinarsi e per questo motivo, secondo il documento in questione, ammette che nei Paesi in cui è richiesta i tornei possano indicare la vaccinazione come requisito per poter partecipare. Da qui il riconoscimento dell’obbligatorietà del vaccino per disputare l’Australian Open.

Soprattutto, però, comunica che non ci sarà alcuna tolleranza per coloro che tenteranno di presentare una certificazione falsificata. Se scoperti, i tennisti verranno ritenuti responsabili ai sensi del Codice (capitolo XIII del Regolamento, lettera A) per comportamento contrario all’integrità del gioco. La sanzione consisterà in una multa fino a 100.000 dollari e/o in una sospensione dai tornei ATP e Challenger per un periodo fino a tre anni.

 

Continua a leggere

Flash

Svelato il calendario dei tornei in Australia: nove eventi in programma più la ATP Cup

Tennis Australia ha inviato il calendario dei tornei pre-Australian Open ai giocatori che potrebbero partecipare

Pubblicato

il

La stagione 2021 tennistica non è ancora finita, ma gli occhi di tutti sono già puntati verso l’Australian Open 2022, che con il suo obbligo vaccinale sta già facendo discutere tutto il mondo del tennis. La seconda tappa a livello ufficiale è il calendario dei tornei previsti prima dello Slam australiano, inviato oggi tramite un memorandum a tutti i tennisti uomini e donne che potrebbero recarsi in Australia grazie alla loro classifica. Adelaide parte ospitando due tornei in contemporanea con l’ATP Cup, una partenza col botto per il circuito femminile che esordirà con un torneo di categoria 500 in programma dal 2 al 9 gennaio.

Il WTA 500 di Adelaide prenderà il posto in calendario del WTA 500 di Abu Dhabi, vinto lo scorso anno da Aryna Sabalenka. Non è da meno l’inizio del calendario ATP, che dal 1 al 9 gennaio vedrà sfidarsi sedici squadre nazionali da tutto il mondo nella Ken Rosewall Arena di Sydney per l’ATP Cup, ormai appuntamento fisso di prestigio dell’inizio di stagione. Ad Adelaide anche un torneo ATP 250, nello slot di calendario l’anno scorso occupato dall’Antalya Open e da Delray Beach. Calendario ricco anche a Melbourne, che dal 4 al 9 gennaio ospiterà ben due tornei WTA di categoria 250 e un ATP 250.

Spazio anche a tornei di categoria minore tra il 3 e il 9 gennaio, con l’ATP80 e ITF60k di Bendigo e Traralgon, entrambi a Victoria. A chiudere la prima settimana di tornei ci sarà il Victoria Wheelchair Open, dedicato al circuito del tennis wheelchair. Sydney sarà impegnata nella seconda settimana, con un altro WTA500 dal 10 al 15 gennaio al Sydney Olympic Park Centre. Nella stessa sede ci sarà un altro ATP250, erede insieme all’altro ATP250 sempre in programma dal 10 al 15 gennaio ad Adelaide dei due tornei vinti lo scorso anno da Jannik Sinner e Daniel Evans.

 

Il Memorial Drive di Adelaide vedrà in scena anche un altro WTA250, a completare quindi il programma pre-Australian Open con ben cinque tornei riservati alle donne. Victoria ospiterà gli ultimi due tornei del programma, il Melbourne Wheelchair Open allo Hume Tennis Center di Victoria e un torneo Juniors di categoria J1 a Traralgon, entrambi dal 15 al 19 gennaio. Nessuna sorpresa invece per la terza e quarta settimana dello swing australiano, con l’Australian Open maschile e femminile in calendario dal 17 al 30 gennaio. Definite anche le date dell’Australian Open Junior, dal 19 al 29 gennaio, e dell’AO Wheelchair Championship, dal 23 al 27 gennaio.

Continua a leggere

Flash

Tsonga: “Spero in un invito per gli Australian Open”

Sceso alla posizione 257, il francese sta lavorando sodo: “Una cosa è certa, mi vedrete nel 2022”

Pubblicato

il

Jo-Wilfried Tsonga - Bercy 2019 (foto via Twitter, @RolexPMasters)

Il periodo caotico iniziato con la pandemia ha mischiato le carte su classifiche e calendario, ha fatto sorgere nuove questioni e sta spingendo il tour verso nuove modifiche; in tutto ciò ci sono anche temi o personaggi che sono passati in secondo piano e tra questi un tennista di cui si è sentito poco parlare negli ultimi tempi è Jo-Wilfried Tsonga. Il 36enne francese ha disputato il suo ultimo match al primo turno di Wimbledon perdendo al quinto set da Ymer, mentre in totale nell’anno 2021 ha incassato otto sconfitte e un solo successo arrivato a marzo nel torneo di Marsiglia. I problemi fisici che lo hanno colpito in estate hanno messo fine anzitempo alla stagione ma il suo spirito non è stato smorzato, e intervenendo a Radio Monte Carlo ci ha subito tenuto a specificare: “Una cosa è certa: mi vedrete nel 2022.

Attualmente 257° nel ranking mondiale ATP, Tsonga spera di poter essere presente al primo grande appuntamento del 2022: il suo obiettivo è lo Slam australiano in programma dal 17 al 30 gennaio il ché implica, visto l’obbligo vaccinale, che lui abbia già tutte le carte in regola. Il francese è stato eliminato al primo turno degli Australian Open 2020 mentre non ha preso parte all’ultima edizione 2021 vinta da Novak Djokovic. Il suo ultimo risultato significativo in uno Slam risale al 2017 quando ha raggiunto i quarti di finale proprio a Melbourne perdendo con Stan Wawrinka.

Come detto però la classifica non potrà permettergli un ingresso nel tabellone principale quindi dovrà aggrapparsi alla benevolenza degli organizzatori dell’evento, evento nel quale raggiunse anche una finale nel 2008. “Da metà estate è andata molto meglio” ha spiegato Tsogna a RMC. “A fine agosto sono andato agli US Open, mi sono fatto male al polpaccio (ha subìto uno strappo muscolare poco prima della suo match, ndr) e alla fine ho deciso di annullare il mio finale di stagione perché non era troppo interessante. Mi sto preparando a tornare a gennaio, e spero di avere la possibilità di avere un invito all’Australian Open. Nel frattempo sto lavorando sodo e cerco di fare il mio lavoro nel miglior modo possibile”.

Al momento però le uniche wild card spese per il prossimo major sono quelle relative all’accordo tra le due federazioni, australiana e americana, dunque per Tsonga ci sarà da aspettare un po’ prima di vedere esaudito il suo desiderio. Mentre molti suoi tifosi forse saranno già felici di sapere di un suo ritorno in campo.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement