Australian Open: Sinner è un mini-Lendl, non un Mini Federer. Vagnozzi-Cahill hanno vinto la scommessa. 26 breakpoint a Tsitsipas è roba da Djokovic

Australian Open

Australian Open: Sinner è un mini-Lendl, non un Mini Federer. Vagnozzi-Cahill hanno vinto la scommessa. 26 breakpoint a Tsitsipas è roba da Djokovic

I progressi ci sono stati: fisico, servizio, mano, risposte, smorzate. Novak, Nadal, Murray erano più solidi mentalmente, ma anche Lendl era fragile di testa fino a 23/24 anni

Pubblicato

il

 

 

Jannik Sinner ha perso ancora una volta da Tsitispas e da un top-5, ma i suoi progressi rispetto a un anno fa sono stati innegabili, anche se il lavoro da fare è ancora tanto. Tuttavia lui e il suo team Vagnozzi-Cahill possono dire di aver (quasi) già vinto la loro difficile scommessa.

Non amo sparare sentenze, ma questo è un verdetto indiscutibile. Il Sinner visto oggi non è quello visto un anno fa. E già lo si avrebbe dovuto capire a New York, quando ebbe il macthpoint con Alcaraz.

Tuttavia…- giusto per essere obiettivi – dov’è che Riccardo Piatti potrebbe avere le sue ragioni? Beh, sul fatto, sempre sostenuto dal tecnico comacino, che Jannik avrebbe potuto esprimere il suo pieno potenziale soltanto dopo almeno un altro paio di anni di lavoro duro. Non è quindi detto che anche restando con Piatti Sinner non avrebbe potuto fare progressi consistenti.

Ma in questo caso manca la controprova. Mentre con il duo Vagnozzi-Cahill il risultato è certo, ben visibile. E, come ho accennato, già dal settembre scorso.

L’Australian Open ha portato altre certezze. E cioè che il lavoro atletico sta dando i suoi frutti, Jannik regge anche la distanza, le quattro ore di gioco. Se lui ha battuto al quinto dopo 3 ore e mezzo Fucsovics e perso con Tsitsipas al quinto e dopo 4 ore, non è stato per un calo fisico. Ha messo tre chili in più di muscoli –come ha spiegato Vagnozzi – e anche questo lo si è potuto constatare anche solo guardandolo, sebbene certo Jannik non abbia davvero le spalle di Tsitsipas.

Il servizio è decisamente migliorato, checchè se ne dica, anche se al momento non è paragonabile con quello di Tsitsipas. E’ migliorato sia come velocità di punta, tanto nella prima che nella seconda (con la quale spesso tocca o supera i 175 km orari), sia come percentuale di prime: lo ha messo dentro 3 volte su 4, il 75% dei punti giocati. Un anno fa era rarissimo che superasse il 60%. E quasi tutte le sue sconfitte erano conseguenti a percentuali molto basse delle sue prima, non di rado poco superiori al 50%.

Deve però migliorarlo come profondità e soprattutto  varietà di angoli, altrimenti non avrebbe vinto soltanto il 59% di quei punti con la prima.

Ma quando un giocatore diventa consistente come percentuale di prime pur tirando forte, molto forte, il più è (quasi) fatto. Significa che il lancio di palla e la spinta dei piedi sono corretti. Vi ricordate quando Jannik decise di cambiare quei due aspetti?

Ma non basta. Adesso, anche se chi ben comincia è a metà dell’opera, occorre abituarsi a pensare agli angoli e a centrarli. Non è banale, non è facilissimo, ma diventa impresa ogni giorno di più possibile.

Negli anni io ho visto migliorare moltissimo nel servizio giocatori come Novak Djokovic, Rafa Nadal, Andy Murray, giusto per accennare a fenomeni indiscussi che da ragazzini e anche da adulti avevano nel servizio, soprattutto la seconda, un punto abbastanza debole. Se  perfino loro hanno saputo migliorare quell’aspetto dai 25/27 anni in poi, non vedo perché sul conto di Jannik che di anni ne ha solo 21, si debba essere pessimisti pregiudizialmente.

Ciò voglio dire almeno per quanto riguarda il servizio, che ancora oggi viene indicato -dalla maggior parte di chi commenta le sue partite –come la differenza più ragguardevole, sostanziale fra lui e i top 5, o anche i top 10.

Per restare ai confronti scomodi fra i 3 fenomeni citati e chi ancora fenomeno non è e non si può neppure giurare che lo possa diventare (o possa anche avvicinarvisi…ma quanti ci sono riusciti, scusate?), Djokovic, Nadal e Murray rispetto a Jannik avevano fin da giovanissimi una forza “mentale” oggettivamente più spiccata e solida.

I punti importanti li giocavano sempre benissimo, sopperendo a quelle carenze tecniche che ancora avevano. Non li giocava sempre altrettanto bene l’altro fenomeno, Federer, che però tecnicamente surclassava tutti quanti e lo si era percepito, individuato, anche nei primissimi anni quando ancora perdeva partite che con il suo talento non ti saresti mai aspettato che perdesse.

Jannik non ha certo il talento di Federer e non ha certo la solidità mentale degli altri tre. Non è tutta colpa sua se Tsitsipas gli ha cancellato 22 pallebreak su 26, subendo due soli break per set nei primi 4 set. Il greco stamani ha servito quasi sempre benissimo in quei frangenti. E quando serve bene, diverse volte ben sopra i 200 km orari, altre volte variando sensibilmente angoli e spin come ha fatto ancor prima del quinto set quando ha servito il 92% di prime palle, non dico che tutte le risposte fossero ingiocabili e non consentissero mai di prendere l’iniziativa dello scambio, ma in una gran parte di esse invece proprio sì.

I numeri vanno sì letti, ma anche interpretati correttamente. Ho preso tanti appunti sul mio blocnotes, ma recuperare tutto in mezzo ai miei geroglifici non è affar semplicissimo. Anche perché tutto non si riesce a segnare: velocità, angoli, effetti impressi, palle nuove, palle meno nuove. Sono tante le variabili da prendere in considerazione. Occorrerebbe riguardare tutte quelle 22 pallebreak annullate e contare le vere opportunità mancate da Jannik, per esprimere un giudizio corretto. Io non ho ancora avuto il tempo di farlo, ma appena mi sarà possibile lo farò.

Per ora quindi le mie, come immagino le vostre, sono impressioni, più o meno fondate. E stando alle impressioni viene fatto di dire che – appunto come sopra accennavo – gli ancor giovani Djokovic, Nadal e Murray, avrebbero risposto e giocato meglio di Jannik in alcune di quelle occasioni che a lui sono capitate. Magari non tante, ma sarebbero bastate anche una in più a set per o pareggiare il conto dei break nei primi due set e ritrovarsi quantomeno al tiebreak (invece di subire due 6-4, dovuto ai due break patiti da Jannik contro il solo break ceduto da Stefanos), oppure per vincere terzo e/o quarto set con due break di vantaggio anziché uno solo.

E tutto ciò non sarebbe stato poco. Avrebbe dato maggiore fiducia a Jannik e creato maggior nervosismo in Stefanos. Questi sarebbe arrivato al quinto set, se quinto set ci fosse ugualmente stato, in diverse condizioni di spirito.

Interrompo ogni tanto la scrittura di questo editoriale per dare un’occhiata anche ai vostri primi commenti. E, fra i tanti che trovo spesso un po’ prevenuti, sia pro Sinner sia contro Sinner, ho trovato particolarmente meritevoli di approfondimento due post: 1)“La partita è tutta…in tre numeri: Sinner ha avuto 26 pallebreak in 11 diversi turni di servizio del greco. Ma ha brekkato solo 4. Tsitsipas ha avuto 11 pallebreak ma ha brekkato 5. …Tsitsipas ha giocato molti più dritti che rovesci nei set che ha vinto, il contrario di quelli che ha perso.

A queste annotazioni mi viene da replicare: a) riuscire a conquistare 26 palle break, una o più, in ben 11 games di servizio di uno che batte come Tsitsipas è indiscutibile sinonimo di grandissime, straordinarie qualità di ribattitore26 palle break sono un’enormità che non può essere trascurata. Mentre qui sembra che tutti preferiscnao soffermarsi sulle 22 non trasformate. Con 26 palle break siamo sui livelli dei tre fenomeni, Djokovic, Nadal e Murray. b) è chiaro che Tsitsipas vince più facilmente un set quando gli entrano più servizi e riesce a comandare di più; e lo fa grazie all’accoppiata servizio-dritto. Per Sinner è più difficile trovargli il rovescio se si ritrova sempre, o spesso, a subire. Una cosa tira l’altra.

Il secondo post è lungo. Lo riprendo manipolandolo un pochino, ma ringraziando l’acuto lettore. Concerne Ivan Lendl. Anche Lendl a inizio carriera, al di là di quattro finali Slam perse prima di vincere la quinta a 24 anni su McEnroe a Parigi con una straordinaria rimonta (per la quale McEnroe ancora oggi ogni tanto si sveglia in preda agli incubi), finì sconfitto più d’una volta al quinto set da chi poi vinse il torneo: Noah, McEnroe, Wilander.

Jannik, a causa di una classifica che non gli rende merito per via di troppi infortuni, non è una testa di serie così alta come avrebbe potuto essere se avesse potuto giocare più dei 17 tornei cui ha partecipato nel 2022.

Così gli è capitato, oggi e in passato, di incontrare già a metà strada (in turni precedenti a una semifinale o a una finale) i tennisti più forti, Nadal, Djokovic, Alcaraz, Tsitsipas. Invece a Lendl che arrivò prima più in alto nel ranking, questo non accadde.

Ma anche Lendl diventò fortissimo dai 24 anni in poi. 8 Slam vinti in carriera, 8 finali consecutive all’US Open dai 22 anni e mezzo in poi.

Prima dei suoi 23/24 anni Lendl veniva unanimente considerato un sicuro campione in prospettiva, anche se tanti sottolineavano il fatto che non aveva la metà del talento di McEnroe, come del resto Sinner non ha la metà del talento di Federer. Ma di Lend si parlava e scriveva ai suoi albori come di un tennista …fragile. Così fragile da fare addirittura calcoli astuti ma pusillanimi per …farsi battere volutamente da Connors che gli dette del “chicken” (vigliacco!) nel Masters 1980 al Madison Square Garden, pur di evitare di affrontare Borg in semifinale. Però Lendl grande campione lo sarebbe diventato.

Oggi, alla luce dei 22 breakpoint non trasformati sento solo sottolineare la fragilità di Sinner. Fragilità che prima era fisica e ora mentale.

Tempo al tempo ragazzi! Intanto qualcuno si è reso conto che Sinner oggi ha giocato una decina di smorzate vincenti di dritto? Fino all’anno scorso quando le provava i risultati erano imbarazzanti. Mezzi lob! Come lo sono ancora oggi quando le prova con il rovescio. Ma non potrà imparare anche queste? Ora non si può più sostenere che non abbia mano, non abbia sensibilità. Ha 21 anni e mezzo. E’ uno che lavora serio. Che ha perso con il matchpoint daln.1 del mondo Alcaraz, che ha vinto i primi due set all’altro n.1 del mondo Djokovic e su una superficie sulla quale era quasi un esordiente e a giudizio di molti pareva quasi negato.

E su come Jannik gioca gran parte delle volee rispetto a un anno vogliamo parlare? E’ un altro giocatore. Non si può non essersene resi conto.

E allora mentre tutti si affannano a sottolineare il suo record negativo con i top-5 – e la sua sola vittoria – a me sembra che non ci si renda conto che Jannik è più simile oggi a un mini-Lendl oggi che non a un mini Federer o un mini McEnroe i quali a 19/20 anni erano già capaci di exploit straordinari ai danni dei migliori tennisti del mondo (per Roger Sampras nel 2001 a Wimbledon…) ma poi fino a qualche anno più tardi non riuscivano a essere continui.

Fino al 2003 anche il grande Roger penò a fare quei risultati che 2 anni prima venivano dati per scontati.

Sinner non ha il talento oggi per battere un top-5 dopo l’altro, ma è una formichina paziente. Lavorerà, lavorerà, e poco alla volta migliorerà in tutti gli aspetti nei quali oggi appare carente. E fra uno o due anni, a 22 anni anni e mezzo, a 23,  ne riparliamo. Se avete fretta…il problema è vostro, non suo.

Continua a leggere
Commenti

ATP

Numeri: il dominio di Djokovic nel tennis maschile dal 2011 ad oggi

Dalle settimane trascorse al numero uno al confronto contro gli altri grandi: Ferruccio Roberti raccoglie alcuni dati che testimoniano chi sia stato il più grande di quest’era tennistica

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Australian Open 2023 (foto: twitter @AustralianOpen)

62 – Il numero percentuale delle settimane trascorse come 1 ATP da Novak Djokovic dal 4 luglio 2011 -giorno successivo alla prima vittoria di Wimbledon che lo proiettò sulla cima del ranking – a oggi. Una cifra di per sé impressionante che probabilmente sarebbe potuta essere ancora più significativa se il serbo non avesse saltato la seconda parte del 2017 e se l’anno scorso non avesse scelto di mettersi nelle condizioni di non poter partecipare a due Slam e quattro Masters 1000 (e a Wimbledon i punti fossero stati assegnati).

Altri numeri aiutano a comprendere meglio quanto fatto dal serbo dalla seconda metà del 2011 ad oggi: dal luglio di dodici anni fa ha vinto 19 dei 42 Slam (il 45,2%) e 29 dei 75 (38,6%) Masters 1000 a cui ha preso parte. In questo stesso periodo ha vinto 190 dei 245 (77.6%) match disputati contro colleghi nella top ten e, più in generale, si è imposto in 670 dei 768 incontri disputati (l’87,2%, una percentuale che sale al 89.3 considerando solo le partite non giocate sulla terra rossa). Della prima top 20 che lo vide al numero 1 sono rimasti sul circuito Nadal, Murray, Monfils, Gasquet e Wawrinka, mentre in quella attuale solo l’immenso campione maiorchino e Carreno Busta erano già tennisti professionisti nel momento in cui Djokovic salì per la prima volta al numero 1 del mondo. 

Non per fare inutili paragoni tra campioni che hanno avuto ciascuno la loro fantastica parabola, ma per comprendere meglio questo approfondimento sul periodo che parte da quando Nole è diventato numero 1, si può osservare come solo Nadal, di un anno più grande di Djokovic, ha avuto numeri in qualche modo paragonabili al serbo. In questo lasso temporale Rafa ha comunque vinto dodici Slam e diciassette Masters 1000, occupando la prima posizione del ranking ATP per 107 settimane, ma perdendo 18 dei 31 scontri diretti giocati con Novak  e sconfiggendolo solo 2 delle 14 volte in cui lo ha affrontato lontano dalla terra battuta. Ancora più pesante lo score con l’altro leggendario “big three”, Roger Federer: nato quasi sei anni prima di Djokovic, compiva di lì a un mese 30 anni la prima volta che Nole diventava numero 1 e ha inevitabilmente pagato la differenza d’età. Ad ogni modo, l’immenso campione svizzero nel periodo che stiamo analizzando ha vinto 4 Slam e 11 Masters 1000, è stato numero 1 ATP per 25 settimane complessive e contro Nole ha vinto 9 delle 27 volte in cui si sono confrontati. 

 

Quando domenica scorsa ha sconfitto in finale degli Australian Open Stefanos Tsitsipas il serbo aveva 35 anni 8 mesi e 6 giorni, ma non è un record: sei volte è accaduto che tennisti più anziani del serbo vincessero uno Slam (il primato assoluto è di Ken Rosewall, che vinse gli Australian Open del 1972 avendo compiuto da poco più di un mese i 37 anni). Così come non è un record di longevità il ritorno al numero 1 del ranking ATP da parte di Djokovic: Roger Federer nel giugno 2018 lo è stato a meno di due mesi dal compiere 37 anni. Quel che impressiona di Nole è piuttosto come a quasi 36 anni riesca ad avere non solo elevatissimi picchi di rendimento -non impossibili ai campioni come lui- ma anche di continuità, una caratteristica molto più rara per gli over 35 negli sport professionistici. A tal riguardo basti pensare che sconfiggendo Tsitsipas pochi giorni fa il serbo ha vinto 38 degli ultimi 40 incontri giocati (e tutti gli 11 match nei quali ha sfidato colleghi nella top 10).

 ParTit.Fin.Part. Gioc.Part. Vin.Part. Per.% Vitt.  % set vinti% game vinti% t.b. vinti
Australian Open18109789891.882.962.363.8
Roland Garros182 4101851684.277.160.255.9
Wimbledon17 7 196861089.678.758.667.2
US Open16 394811386.276.060.061.4
Indian Wells145950984.776.359.769.6
Miami135144786.382.161.683.3
Monte Carlo15 2 48351372.967.058.080.0
Madrid 12 3 0 3930976.969.656.050.0
Roma16  6 74641086.576.059.663.2
Montreal/ Toronto11 44 37784.179.458.073.3
Cincinnati14  52401276.971.156.361.1
Shanghai 4 0 3934587.281.461.471.4
Parigi Bercy 16 6 3 5445983.374.258.370
O2 Arena (ATP Finals)11  46341273.968.356.570.6
Dubai12  150 43786.078.459.869.2

Non c’è un centrale che ha fatto la storia recente del tennis a non aver conosciuto le vittorie di Novak Djokovic, unico tennista ad aver conquistato almeno due volte tutti gli Slam, tutti i Masters 1000 (e le ATP Finals). Il decimo successo agli Australian Open, torneo che in assoluto ha vinto più di tutti, fa supporre che con ogni probabilità la Rod Laver Arena sia il campo dove si giocherebbe la sua partita della vita. Più per ricapitolare qualche numero della sua carriera a beneficio dei lettori che per ricavare un dato oggettivo (nel susseguirsi delle edizioni di uno stesso torneo cambiano in parte le condizioni di gioco, basti pensare ad esempio alle modifiche apportate alla superficie e/o alle palline), sono andato a recuperare alcune sue statistiche nei tornei più importanti del circuito e in quelli nei quali ha giocato un elevato numero di match, come Dubai. Dalla tabella in cui sono raccolti i dati arriva la conferma che in effetti gli Australian Open sono il torneo in cui Djokovic ha il più alto rendimento e non solo perché è quello a cui ha preso parte più volte (18, così come al Roland Garros). A Melbourne il serbo vanta la miglior percentuale di vittorie rispetto ai match giocati (91.8%) e di set vinti rispetto a quelli disputati (82.9%). Ovviamente, non sorprende che un sette volte vincitore di Wimbledon abbia numeri eccellenti anche sui campi di Church Road, mentre un pochino stupisce che gli Internazionali d’Italia – dove vanta un ottimo score con sei successi e altrettante finali – siano il torneo sul rosso dove si esprime meglio e in assoluto uno dei migliori per il suo rendimento. In ogni caso numeri incredibili: solo a Monte Carlo, Madrid e Cincinnati (la O2 Arena dove si giocavano le Finals è un discorso a parte, vista l’altissima caratura degli avversari) non ha vinto almeno l’80% delle partite. Not too bad…

Continua a leggere

Australian Open

Gli outfit dell’Australian Open: trionfa il mix insolito di colori, ma anche il tocco di fresca eleganza

Dal mélange dei colori sgargianti alla tinta unita, fino al tocco classico e un po’ vintage, ecco le mise indossate all’Australian Open

Pubblicato

il

Un Australian Open esplosivo in campo, in tutti i sensi. Il tennis quasi ingiocabile di Novak Djokovic e la potenza devastante di Aryna Sabalenka hanno sbaragliato gli avversari. Non solo. I due campioni di Melbourne Park vincono anche con i loro outfit. Per freschezza ed eleganza quello di Novak, per vistosità, energia psichedelica e originalità quello di Aryna. Tuttavia, la bielorussa stravince anche per come ha scelto di presentarsi nel consueto shooting fotografico con il trofeo, splendida in un abito rosa, romantico e un po’ vintage. C’è però anche chi non ha brillato, né in campo né con la mise, come nel caso della n. 1 del mondo Iga Swiatek. Ma, del resto, come ha detto la stessa Iga in una conferenza stampa, non si può vincere sempre. O come per Stefanos Tsitsipas che, nonostante abbia disputato un torneo pressoché perfetto fino alla finale, nella partita della vita il suo tennis diventa un po’ scialbo e banale, perdendo energia e brillantezza, all’immagine del completo indossato in questi Australian Open.

Nike – Frances Tiafoe, Aryna Sabalenka

Frances Tiafoe – Australian Open 2023 (foto Twitter @ATPTour_ES)
Aryna Sabalenka – Australian Open 2023 (foto Twitter @wta)

Il completo con il quale Frances Tiafoe è sceso in campo a Melbourne ha fatto il giro del web: canotta e pantaloncini con un’unica fantasia maculata e variopinta che lo faceva sembrare uscito da un festival di Rio piuttosto che dallo spogliatoio di un torneo dello Slam. Un look da Tiafoe: nel senso che per non sembrare ridicolo devi avere i suoi bicipiti e la sua “abbronzatura”. Questo completo non era altro che una sintesi di una collezione di Nike che definire vistosa e colorata è dir poco. Ma d’altronde è l’happy slam, giusto? Quindi perché non osare? E in effetti il brand del baffo ha osato tanto. La stessa fantasia l’abbiamo potuta ammirare nel vestito di Sabalenka, alla quale, bisogna dirlo, i colori sgargianti stanno bene e danno quasi risalto al suo carattere tenace. I longilinei e pallidi Sinner e Korda hanno indossato con meno disinvoltura le magliette dal taglio largo e dalle tonalità vivaci (blu cobalto con pantaloncini lilla per l’azzurro e giallo canarino per il figlio di Petr) di Nike. Una collezione accattivante ma non per tutti insomma. (Valerio Vignoli)

 

Adidas – Stefanos Tsitsipas, Elena Rybakina

Stefanos Tsitsipas – Australian Open 2023 (foto via Twitter @AustralianOpen)
Elena Rybakina - Australian Open 2023 (Twitter @AustralianOpen)
Elena Rybakina – Australian Open 2023 (Twitter @AustralianOpen)

Il caso ha voluto che Adidas a Melbourne vestisse i due giocatori, Elena Rybakina e Stefanos Tsitsipas, arrivati a un passo dalla vittoria. La scelta di Adidas per la collazione dedicata agli Australian Open è ricaduta su un mélange di colori accesi mischiati tra loro in sorta di pennellate di tonalità diverse. Così i pantaloncini di Stefanos e il gonnellino di Elena erano un mix variopinto abbinato per Tsitsipas a una semplice maglia bianca e per Rybakina a una canotta nera. Vista la particolare scelta cromatica del pantalone e della gonna sicuramente meglio il contrasto con un colore scuro che l’accostamento al bianco. Outfit femminile ben riuscito, meno quindi quello maschile dove Adidas avrebbe potuto osare maggiormente anche nella scelta della t-shirt. (Chiara Gheza)

Asics – Iga Swiatek

Iga Swiatek - Australian Open 2023 (Twitter @RolandGarros)
Iga Swiatek – Australian Open 2023 (Twitter @RolandGarros)

Minimal e un po’ scontato l’outfit di Iga Swiatek. Per l’edizione 2023 dello slam down under, Asics ha puntato su un abbinamento di canotta e shorts dal color lilla appena accennato; in particolare, la canotta reca leggerissime “pennellate” di un giallo sbiadito. Ne risulta un completo, sì, fresco, che ben si addice al clima torrido australiano ma, forse, un po’ troppo anonimo. Anche se la n. 1 del mondo a Melbourne quest’anno non ha brillato (ha perso agli ottavi dalla futura finalista Rybakina), forse avrebbe meritato una mise di maggiore personalità. (Laura Guidobaldi

New Balance – Coco Gauff e Tommy Paul

Coco Gauff – Australian Open 2023 (foto Twitter @AustralianOpen)
Tommy Paul – Australian Open 2023 (foto Twitter @ATPTour_ES)

Semplice ma comunque efficace la collezione presentata da New Balance per questi Australian Open, indossata dai due principali testimonial del brand, Tommy Paul e Coco Gauff (anche Ben Shelton ha usato vestiti di questo brand ma non è ufficialmente sponsorizzato). Tutta incentrata sull’accostamento di bianco e nero, accompagnato da colori estivi come pesca e arancione. Per certi versi ricordava l’iconica collezione Nike del 2017, anno di una epica finale tra Federer e Nadal. Ma torniamo al presente. T-shirt girocollo per la sorpresa del tabellone maschile Paul, con bordino con motivo a contrasto e bande orizzontali multicolore. Non male i pantaloncini pesca come idea peccato che la tonalità era troppo tenue e sul bianco si notasse troppo poco la differenza. Canotta bianca aderente con buchi laterali e gonna senza troppi fronzoli per Gauff. A dare un po’ di vivacità la fascia arancioni e le sue scarpe personalizzate. Tutto ben fatto ma New Balance ci aveva abituato a completi più sorprendenti e d’impatto per la giovane tennista afroamericana. (Valerio Vignoli)

Yonex – Caroline Garcia, Casper Ruud

Caroline Garcia - Australian Open 2023 (Twitter @RolandGarros)
Caroline Garcia – Australian Open 2023 (Twitter @RolandGarros)
Casper Ruud - Australian Open 2023 (Twitter @AusOpen)
Casper Ruud – Australian Open 2023 (Twitter @AusOpen)

Molto grintoso il vestito della Yonex indossato da Caroline Garcia. La francese, che ha chiuso il 2022 con il grande trionfo alle WTA Finals, è scesa in campo a Melbourne con tutta la sua grinta e grandi aspettative anche se, alla fine, la sua corsa è stata fermata agli ottavi di finale da una delle sorprese del torneo, Magda Linette. Ma la grinta e lo slancio in Caroline non mancano mai e l’outfit dell’Australian Open li esprime al massimo: un vestito semplice, dritto, total black ma con un leggero effetto marmorizzato; la parte superiore, una canotta, reca un solo tocco di bianco sul colletto a polo, sul logo del brand e i nomi degli sponsor. Solo i polsini sono diversi, di colore lilla. Un abito non molto fantasioso, certo, ma di grande personalità e adatto al fisico slanciato e atletico di Caroline. Il nero tita unita invece viene spezzato per l’outfit di Casper Ruud. Il bel campione norvegese, che in questi giorni sta brillando sulla copertina di Vogue Scandinavia, in abbinamento alla polo nera ha sfoggiato degli shorts dello stesso color lilla dei polsini di Caroline. Un accostamento un po’ insolito per Ruud che solitamente veste in modo molto classico. Il colore pastello illumina anche le sue scarpe nere, sulla punta e sul tallone. Scelta originale e inaspettata. (Laura Guidobaldi)

Castore – Andy Murray

Andy Murray – Australian Open 2023 (foto Twitter @the_LTA)

Uno dei protagonisti di questa edizione degli Australian Open è sicuramente Sir Andy Murray. Lo scozzese, seppur uscito al terzo turno, ha dimostrato di avere un cuore immenso nei match maratona vinti contro Berrettini prima e Kokkinakis poi. Andy è vestito dal marchio britannico Castore Sportswear che per lui ha disegnato un completo classico e molto elegante. Pantaloncino verde scuro e t-shirt bianca con una riga verde che l’attraversa in obliquo. Il logo del brand, un paio di ali spiegate, ben in vista sia sulla maglia che sui polsini bianchi che sul cappellino anch’esso candido. Murray a Melbourne spicca quindi non solo per la tenacia sportiva, ma anche per l’eleganza senza tempo del suo outfit. (Chiara Gheza)

Lacoste – Novak Djokovic

Novak Djokovic - Australian Open 2023 (Twitter @rolandgarros)
Novak Djokovic – Australian Open 2023 (Twitter @rolandgarros)

Novak Djokovic non ha sbagliato un colpo in Australia. Nemmeno in fatto di vestiti. Il completo a lui riservato da Lacoste per questa edizione del primo Slam stagionale era moderno e riconoscibile ma al contempo classico e non eccessivo. Abbandonato il verde smeraldo per l’azzurro con dettagli in arancione. Niente più motivi minimalisti in favore di una sorta di bandiera a scacchi sventolante che va a ricoprire l’intera polo: in un tono su tono nella versione serale e in azzurro che sfuma verso l’arancione nella versione diurna, forse la più riuscita delle due, anche perché stacca meglio con il pantaloncino azzurro. Solite scarpe colorate, pure quelle con l’abbinamento di colori reso celebre dai New York Knicks nel Basket di oltreoceano. Il tocco del campione è arrivato però al termine della finale, con la giacca con il numero 22 composto da una serie di piccoli coccodrilli. E, visto il dominio mostrato da Djokovic in campo. in quel di Parigi farebbero meglio a prepararne altre con il numero 23, 24, 25… (Valerio Vignoli)

Lacoste – Daniil Medvedev

Daniil Medvedev – Australian Open 2023 (foto via Twitter @AustralianOpen)

Il personal branding è ormai ampiamente utilizzato dai giocatori di tennis per promuovere se stessi e la loro immagine. Basti pensare all’iconico “RF” di Federer, per il quale lo svizzero ha litigato con Nike, o alla stilizzazione delle corna di un toro di Nadal. Di recente pure Sinner ha lanciato il suo marchio, raffigurante una volpe. Con l’inizio del 2023 è venuto il turno di Medvedev. Il suo logo, pensato insieme a Lacoste, rappresenta la sua passione per i videogiochi e ricorda i quattro tasti di una playstation, con le sue iniziali nelle icone di sinistra e destra. Ci si poteva mettere più fantasia insomma. Il suo outfit dimostra però che per quanto riguarda i vestiti il brand del coccodrillo dà ancora dei punti a tanti. Una maglietta rosso fuoco (colore ideale sul blu del cemento australiano) con un colletto a v molto particolare, che fa un effetto finta polo, con una riga bianca a contrasto. Maniche in tessuto traforato, pantaloncini bianchi (e neri) e scarpe bianche. Essenziale e rifinito nei dettagli. In puro stile Lacoste insomma. (Valerio Vignoli)

Hugo Boss – Matteo Berrettini

Matteo Berrettini – Australian Open 2023 (foto Twitter @AustralianOpen)

Non è certo uno Slam fortunato per Matteo Berrettini che esce al primo turno per mano di Andy Murray. Peccato per il marchio Hugo Boss che ha trovato nel giocatore italiano un modello perfetto. Anche a Melbourne Matteo si è distinto infatti per classe ed eleganza con un accostamento di colori adatto a ogni occasione: maglietta bianca e pantaloncino nero. Il tocco modaiolo è stato regalato dalla borsa con la quale Berrettini entrava in campo, sulle stesse tonalità del completo ma dal taglio geometrico ed essenziale. La parola “BOSS” ben in vista sul lato della stessa. Come sempre Matteo promosso per quanto riguarda il lato fashion del tennis. (Chiara Gheza)

GiomilaCamila Giorgi

I completini Giomila, il brand ideato dalla stessa Camila e da sua madre, sono sempre un successo. Peccato che tale formula vincente spesso non accompagni anche i risultati in campo e, in Australia, dopo un buon inizio, la tennista di Macerata è stata travolta al terzo turno da Belinda Bencic. Comunque, in fatto di outfit, Camila ha davvero poche rivali. A Melbourne ha sfoggiato un abbagliante completo rosa fucsia che le stava benissimo. Semplice, in tinta unita (c’era anche la variante nel colore beige, più delicata), il completo mette in luce la silhouette perfetta dell’azzurra, simboleggiando tutta l’energia e l’esplosività del tennis della Giorgi. La canotta, lineare e senza frondoli, accompagna il gonnellino altrettanto semplice ma leggermente mosso e leggero. Un completo semplice e frizzante al tempo stesso, che si addice perfettamente al celeste dei campi di Melbourne Park. (Laura Guidobaldi)

DK One – Jelena Ostapenko

Jelena Ostapenko – Australian Open 2023 (Instagram @jelena.ostapenko)

Nei commenti dei precedenti articoli in molti ci hanno fatto notare l’assenza di Jelena Ostapenko, i cui completi, griffati DK One, marchio lettone di solo abbigliamento femminile, non sono passati inosservati di recente. E stavolta abbiamo deciso di rimediare a questa nostra negligenza, anche per celebrare il primo quarto di finale in Australia della tennista baltica. A Melbourne la Ostapenko si è presentata con un outfit un po’ slegato: il taglio retrò sottolineato dall’ mplissimo colletto a polo e dalla gonna a pieghe sormontata da una fascia cozzava con l’abbinamento di colori molto sgargianti come corallo e blu elettrico. Un look sicuramente meno azzardato di quello visto al Roland Garros, un patchwork improbabile di maniche in simil pizzo, fantasia piede de poule e dettagli viola. Ma anche meno identificativo. E a questo punto da Ostapenko ci aspettiamo sempre tanto. Vediamo se riuscirà nuovamente ad alzare l’asticella a Parigi, il suo slam preferito. (Valerio Vignoli)

Lo shooting fotografico della campionessa Aryna Sabalenka

Aryna Sabalenka – Australian Open 2023 (Twitter @AustralianOpen)

Aryna Sabalenka non trionfa solo in campo conquistando il tanto agognato primo titolo slam ma è vincente anche nella scelta della mise in occasione del tradizionale shooting fotografico con il trofeo. Aryna è uno splendore in un modello romantico, color rosa antico in tinta unita, lungo a tre quarti, semplice ma arricchito quanto basta da decorazioni floreali dello stesso tessuto dell’abito, applicati ai bordi delle mezze maniche e sul collo alto, quasi a formare un collier di fiori. Questi recano un tocco di vivacità anche sulla parte laterale destra del vestito. Lo arricchiscono quanto basta, senza scadere nel kitch, anzi. E poi l’acconciatura, una meraviglia. I capelli sono raccolti in uno chignon dietro la nuca e leggermente appiattito, in stile Ottocento, molto molto raffinato. Insomma, se in campo Sabalenka sa essere una veria furia di potenza e aggressività, nel festeggiamento del giorno più bello della sua carriera, ha scelto di privilegiare grazia, eleganza e romanticismo. (Laura Guidobaldi)

Continua a leggere

Australian Open

AO Donne, Steve Flink: “Sabalenka ha fatto grandi progressi, sono un po’ preoccupato per Iga Swiatek” [VIDEO ESCLUSIVO]

Il giornalista e Hall of Famer risponde al direttore sul tennis femminile: “Nei prossimi due-tre anni vedremo la migliore Coco Gauff”

Pubblicato

il

Aryna Sabalenka - Australian Open 2023 (Twitter @AustralianOpen)

0:04 Ubaldo: parlando del torneo femminile, credo si possa dire che, anche se non molti si aspettavano una nuova sconfitta negli ottavi di finale di Iga Swiatek, abbiamo avuto una delle più belle finali degli ultimi anni a livello Slam. Tra Sabalenka e Rybakina abbiamo avuto del buon tennis con pochi break, cosa che accade spesso nel singolare femminile. Abbiamo avuto una finale tra la numero 2 del mondo e una numero 10 che con i duemila punti del successo a Wimbledon sarebbe una top five.

1:09 Flink: Ubaldo sono arrabbiato con te!

1:13 Ubaldo: come mai? (sorride)

 

1:16 Flink: mi hai tolto le parole di bocca! Sono d’accordo, è stata una splendida finale, e come hai detto tu, è stata una sfida tra due ottime battitrici. Nel primo set Sabalenka ha ceduto il servizio sul quattro pari, e quindi ha perso il il set; ma poi non ha più perso la battuta, e ha vinto con un break per set. Aryna ha messo in campo diciassette ace e solo sette doppi falli, dati molto buoni per lei. Inoltre, il livello di gioco è stato alto, condotto da entrambe in maniera aggressiva. Entrambe hanno giocato molto bene da fondo, soprattutto Sabalenka; non potrei essere più d’accordo sul fatto che questa finale spicca tra quelle giocate nei Major durante l’ultimo biennio. Per come è stata giocata, perché è stata combattuta. Rybakina ha dimostrato che la sua vittoria a Wimbledon non è arrivata per caso, e Sabalenka finalmente c’è l’ha fatta.

L’ho vista più calma, più composta; persino quando ha servito un doppio fallo sul match point nell’ultimo game, non si è disunita. È rimasta concentrata su quello che doveva fare, ha preso un bel respiro e ha chiuso il match; sta crescendo come giocatrice e agonisticamente. Rybakina ha un bel temperamento; possiede un delle migliori prime palle del circuito, e deve migliorare forse la seconda nel kick, altrimenti le migliori ne trarranno vantaggio e lei potrebbe vacillare un attimo, ma aver giocato due finali Slam nell’ultimo anno con una vittoria e per lei incoraggiante. Sabalenka è sempre stata frenetica, sovraeccitata durante i match importanti; questo è un momento fondamentale per lei, non credi Ubaldo? Non dico che vincerà tutti gli Slam, ma ora crede di più in sé stessa.

3:36 Ubaldo: sì, ho visto Sabalenka perdere al Roland Garros da Camila Giorgi; ha commesso tantissimi doppi errori, proprio senza testa, senza voler offendere. E ora, come tu dicevi, aver vinto uno Slam dopo aver perso tre semifinali, le darà una grande fiducia. senz’altro potrà anche migliorare la seconda palla, se consideriamo che ha giocato nella finale un colpo molto piatto; un effetto in kick le permetterebbe di risparmiare qualche doppio fallo.

4:50 Flink: non è stato così male, certo può migliorare. Ha iniziato con un doppio fallo, e ne ha fatto uno sul match point, ma servire solo 7 doppi errori in tre set relativamente lunghi non è male, soprattutto se consideriamo che ha servito 17 ace.

Deve migliorare il kick sulla seconda, ma gioca già bene lo slice; sta migliorando, lo scorso anno ne faceva anche venti a match.

5:35 Ubaldo: se non ricordo male lo scorso anno ha servito 428 doppi errori: una media di 8 a match. Ma alcuni match sono finiti 62 61, quindi era come iniziare da 0-15 ogni turno di servizio!

6:03 Flink: sì Ubaldo, ma non credo che lo vedremo più così. Lei migliorerà ancora, anche negli altri aspetti del gioco. Un particolare a suo favore nella finale è che ha difeso meglio, ha colpito meglio da fondocampo. Puoi fare più cose di Rybakina da entrambe le parti del campo. È davvero completa, sa colpire sopra il capo, sa volleare.

6:48 Ubaldo: dal momento che ama prendere dei rischi, forse la terra battuta è la superficie più pericolosa. Se non riesci a chiudere nei primi quattro scambi, allora più provi più rischi di sbagliare. Comunque come dicevi tu è completa e gioca bene sia dritto che rovescio, mentre il dritto di Rybakina non è tra i migliori.

dal punto di vista di un americano, e stata più brutta la sconfitta di Pegula o di Gauff?

7:40 Flink: Pegula ha avuto un ottimo inizio d’anno; ha battuto Iga Swiatek e in tanti si aspettavano facesse grandi cose; per Coco dobbiamo sempre ricordarci che è giovanissima, quindi una sconfitta è comprensibile. la gente si dimentica la sua età e crede che abbia 25 anni solo perché è nel grande tennis da almeno cinque. Quindi è stata più deludente Pegula.

8:18 Ubaldo: in termini di potenziale chi vedi meglio tra le due?

8:29 Flink: Gauff. Nel lungo periodo; lavorerà molto e migliorerà la seconda palla e il dritto, mentre il rovescio è già ottimo adesso. Ha uno splendido atteggiamento sul campo, sa stare calma. Il suo dritto è traballante, e la sua seconda palla. Le ci vorranno due o tre anni. Pegula può andare meglio quest’anno, ma nei prossimi cinque anni scelgo Coco.

9:21 Ubaldo: parlando di delusioni, Iga Swiatek ha perso 64 64 da Rybakina, mentre Ons Jabeur ha ceduto a Vondrousova 61 57 61, risultato deludente per una numero 2 del seeding.

9:52 Flint: delusione perché abbiamo visto Jabeur perdere la finale di Wimbledon da Rybakina e la finale degli US Open da Swiatek, e quindi ci aspettavamo di più da lei. Nel suo puzzle ci sono così tanti pezzi; colpi bellissimi, il servizio la palla corta. Se non è ispirata accadono cose come quelle in Australia. Ma non sono preoccupato per lei, saprà rifarsi più avanti nella stagione.

Riguardo Swiatek, l’anno scorso ha vinto 37 match di fila fino a Wimbledon. durante la sua striscia vincente ha trionfato a Parigi. Poi ha vinto gli US Open. Non credo la vedremo dominare in questo modo; certo vincerà ancora altri Slam e rimarrà a lungo tra le prime tre o quattro del ranking. Per la consistenza del suo gioco. Ma punto di più su Rybakina. Iga si affida molto al suo gioco in difesa; prova ad essere più aggressiva, cosa che le serve per restare al top, ma non è a suo agio. È stata così convincente a Miami e Indian Wells, e poi a Parigi.

Quest’anno per lei sarà in altalena; potrebbe rimanere numero 1 del mondo, ma non rimarrei scioccato se alla fine della stagione fosse terza o quarta. Sono curioso di vedere cosa combinerà quest’anno; non ha vinto agli US open e adesso ha cominciato l’anno con questa caduta. Sono un po’ preoccupato per lei.

11:56 Ubaldo: penso che non sia facile continuare a vincere per chi non ha nel dritto il proprio colpo migliore. Tu puoi avere il miglior rovescio del mondo; guarda Djokovic. Lui ha probabilmente il miglior rovescio del mondo, specialmente il lungolinea e la risposta, ma i vincenti più importanti li ottiene con il dritto. È anche il limite di Rybakina, che ha un gran rovescio ma un dritto da migliorare.

Steffi Graf invece aveva un rovescio non tra i migliori, ma giocava un dritto straordinario; è difficile dominare a lungo senza un gran dritto.

13:23 Flink: sono d’accordo. L’anno scorso Swiatek ah ha migliorato il colpo e ha giocato diversi vincenti…

13:36 Ubaldo: sulla terra forse, dove hai più tempo per colpire.

13:47 Flint: no, anche agli US Open, ma sono d’accordo su quanto dici sulla terra battuta. Il dritto è importante un po’ per tutte; Rybakina ha un ottimo servizio e quindi può compensare in un game con tre punti diretti. Swiatek ha un servizio buono, non un grande servizio, e quindi non può ricavarci gli stessi punti.

Hai parlato di Steffi: il suo rovescio non era una grande arma, ma sapeva tenere lo slice molto basso per poi riuscire a colpire con il dritto, e lo sapeva fare in maniera meravigliosa.

Il dritto di Swiatek è la chiave; avrà bisogno di migliorarlo del 10-20%.

14:48 Ubaldo: grazie mille Flint, abbiamo spaziato su diversi argomenti di questi Australian Open. Un’ultima cosa: chi vincerà i singolari al Roland Garros?

15:10 Flint: tra le donne dico Swiatek, che gioca sulla sua superficie preferita, dove ha vinto due volte negli ultimi tre anni. Tra gli uomini forse ti aspetti che io dica Nadal per il suo quindicesimo trofeo. Ma non è al meglio, e in Australia si è infortunato ancora, contro McDonald. Penso che Djokovic potrà fare il colpo. Se Nadal sta bene può farcela. Cosa ne dici Ubaldo?

16:02 Ubaldo: che non è più il miglior Rafa; non lo vediamo al meglio da almeno sei mesi. Il favorito sarà Djokovic, anche se è difficile dirlo quattro mesi prima.

16:34 Flint: se Rafa non torna in condizione, Djokovic sarà il favorito. Inoltre, se nemmeno quest’anno potrà giocare negli Stati Uniti, ne trarrà giovamento dal punto di vista fisico, perché si presenterà fresco per la stagione sulla terra battuta.

17:12 Ubaldo: si ritroveranno a Montecarlo.

17:17 Flint: sì, non farà troppa differenza se Djokovic salta due tornei sul duro. Lui è determinato, ha vinto il suo secondo Roland Garros due anni fa e l’anno scorso ha perso nei quarti da Nadal. E’ dura batterlo, anche sulla terra rossa. È il secondo giocatore del mondo sulla terra battuta.

17:41 Ubaldo: grazie Flint, ottimo amico grande collega e… altri complimenti te li farò in privato!

Danilo Gori

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement