TenniSolver: la soluzione per il tuo tennis

Flash

TenniSolver: la soluzione per il tuo tennis

Intervista a Lucio Caprioli, uno degli ideatore della piattaforma web dove trovare, chiedere e ricevere informazioni e consulenze in ambito tennistico attraverso professionisti di alto livello. E magari giocare con un “pro” come Andreas Seppi

Pubblicato

il

Probabilmente è un pensiero che – tra il serio ed il faceto – ha attraversato la mente di molti appassionati. Quello di chiedere consiglio ad un grande allenatore o ad un grande giocatore per correggere un determinato gesto tecnico o definire la tabella di allenamento più adatta alle proprie caratteristiche. Ora pare proprio che quella che per molti sembrava essere destinata a rimanere solo una “pazza idea”, sia diventata finalmente realtà. Il merito è di Alberto Castellani – il grande allenatore italiano già coach di top player quali Schuttler (n. 5 ATP), Tipsarevic (n. 8), Rosset (n. 9) e Karlovic (n. 14), oltre a diversi top 100 – e di due dei suoi maggiori collaboratori, Antonio Di Vita e Lucio Caprioli, che hanno ideato e realizzato TenniSolver.it, il primo sito web in Italia ad offrire la possibilità, a tutti gli appassionati, di ricevere consulenze da coach di livello internazionale, professionisti ed esperti nei vari ambiti: tecnica, tattica, nutrizione, prevenzione, riabilitazione, preparazione fisica e mentale.

Per capire bene come è nato e come funziona TenniSolver abbiamo intervistato uno dei tre ideatori della piattaforma, Lucio Caprioli. Lucio collabora già da tempo con Alberto Castellani, nell’ambito delle due associazioni di cui l’allenatore perugino è stato uno dei fondatori e continua ad essere uno dei promotori a livello mondiale: la GPTCA (Global Professional Tennis Coach Association), l’associazione internazionale dei coach di tennis riconosciuta e certificata dall’ATP, e la ISMCA (International Sport Mental Coach Association). Ad esempio, con la sua CaprioliSports ha supportato il coach perugino nello sviluppo della app Egograms, la prima applicazione per l’analisi mentale della prestazione sportiva.

Come nasce TenniSolver?
L’obiettivo era quello di rendere accessibile a tutti gli appassionati di tennis informazioni, contenuti, consulenze di professionisti di alto livello. Siamo riusciti finalmente a concretizzare il progetto grazie all’adesione di consulenti e specialisti dei diversi ambiti. Tramite l’ASD Sporting Club Lavello abbiamo messo a disposizione questi servizi per i tennisti di tutta Italia con la piattaforma online TenniSolver.it. Hanno aderito all’iniziativa come consulenti dell’area tecnica lo stesso Alberto Castellani, la ex giocatrice e già coach di Francesca Schiavone Laura Golarsa, i coach Quirino Cipolla (padre e coach di Flavio Cipolla), Erasmo Palma (coach e docente presso la facoltà di scienze motorie di Firenze) e Patricio Remondegui (già coach di Adriana e Antonella Serra Zanetti, rispettivamente n. 38 e n. 60 WTA, e del top 100 ATP Stefano Galvani). Tra gli altri esperti, i preparatori fisici Salvatore Buzzelli (ideatore di strumenti e metodologie per l’allenamento) e Lorenzo Falco (curatore della rubrica sulla preparazione atletica de “Il Tennis Italiano”), il mental coach Federico Di Carlo (autore de “Il Cervello Tennistico” e di numerosi articoli sul giornale dell’ITF  e di recente anche su Ubitennis), le nutrizioniste Federica Mastronardo (cura la rubrica di nutrizione de “Il Tennis Italiano”) e Vittoria Russo (consulente scientifico alla trasmissione televisiva “Buono a sapersi” di Rai 1). Gli specialisti della sezione sulla prevenzione e riabilitazione dagli infortuni sono l’osteopata e coach Carlo Polidori (ha lavorato con Pizzichini, Garbin e Schiavone) e Luca Russo (specialista in biomeccanica, postura e podologia).

 

Un lavoro che immaginiamo non sia partito ieri. Da quanto tempo con Alberto ed Antonio avevate iniziato a pensare a questo progetto?
Già due anni fa con Alberto Castellani pensavamo di sviluppare qualcosa di simile. Attraverso le nuove tecnologie volevamo realizzare uno strumento che consentisse a tutti di accedere, ad un costo contenuto, a conoscenze ed esperienze di coach e professionisti di alto livello come lo stesso Castellani. Poi quest’anno, assieme a Antonio Di Vita, abbiamo avuto l’idea del sito web che vedete ora. Lo sviluppo è durato circa due mesi. Siamo partiti mettendoci dalla parte di ragazzi e amatori, volevamo capire quali fossero i loro bisogni per creare un servizio nuovo, originale ed innovativo, che risolvesse i loro dubbi e gli aiutasse realmente a migliorare il loro tennis. Per capirlo, abbiamo realizzato un sondaggio su campione di 60 tennisti di età compresa tra i 14 ed i 50 anni, di ogni livello di gioco. Sui risultati di questo sondaggio abbiamo basato il nostro lavoro.

Soprattutto negli Stati Uniti piattaforme di questo genere erano già disponibili. Voi siete praticamente la risposta italiana a siti come tennisplayer.net o crunchtimecoaching.com o offrite anche qualcosa in più?
Sì, prima di cominciare il lavoro ho fatto una ricerca online ed ho trovato qualcosa di simile in America. In Italia siamo i primi in assoluto, non c’è dubbio. Inoltre il nostro sito si distingue da quelli d’oltreoceano per la completezza delle informazioni, perché l’utente può trovare risposte su ogni aspetto del tennis, a 360 gradi. Ed oltre alle tematiche sull’allenamento, presto saranno disponibili la sezione manageriale e quella sul materiale tecnico (racchette, corde, tensioni, customizzazioni ecc..). In più, è possibile prenotare un’ora di tennis con un giocatore professionista.

Ecco, parliamo di questo servizio che rappresenta uno dei “plus” di TenniSolver.it. La possibilità di poter giocare con un “pro”.
Un giorno abbiamo parlato di questa idea a Simone Vagnozzi (ex giocatore, n. 74 ATP, ed oggi coach di Marco Cecchinato, recente semifinalista al Roland Garros), lui l’ha subito ritenuta molto valida ed ha aderito personalmente come giocatore. Attraverso la piattaforma c’è appunto la possibilità di prenotare un’ora di lezione con un coach o di gioco con un giocatore di livello ATP o WTA. Assieme a Simone, partecipano a questa iniziativa Andreas Seppi e il suo coach Massimo Sartori, Alessio Di Mauro (ex n. 68 ATP), Umberto Ferrara (preparatore fisico di Marco Cecchinato), e tutti i giocatori del team TenniSolver: Flavio Cipolla (best ranking 70 ATP), Corinna Dentoni (best ranking 132 WTA), Alessandro Motti (è stato n. 91 ATP in doppio), Anastasia Grymalska (attualmente n. 223 WTA).

Hai citato nomi non solo di giocatori o di ex giocatori. In che modo partecipano a questo servizio, ad esempio, Sartori o Ferrara? E cos’è il team giocatori TenniSolver?
Il coach Sartori è disponibile, come anche Umberto Ferrara, per le lezioni private. Il team giocatori, è composto da tutti quei giocatori che hanno aderito a TenniSolver come consulenti o giocatori per le lezioni private. Il team è composto dai giocatori che abbiamo appena nominato ed è in continua espansione. L’idea è quella di avere presto professionisti di ogni zona d’Italia.

Premesso che già poter fare un’ora contro un top 50 (best ranking  n. 18) come Andreas Seppi per molti è un sogno, dato che Vagnozzi è coinvolto nel progetto ci sarà magari tra un po’ anche la possibilità di palleggiare con la grande sorpresa dell’ultimo Roland Garros, Marco Cecchinato?
Come dicevo, il team è in espansione. Il nostro obiettivo è dare la possibilità al maggior numero di persone di giocare con più giocatori possibili. Quindi perché no, chiederemo anche a Marco, se lui è disponibile a partecipare lo vedrete prossimamente su TenniSolver.it.

Come si accede ai servizi di TenniSolver?
I servizi sono disponibili sul sito www.tennisolver.it, ed è possibile prenotare le lezioni anche da non soci. Associandosi si ottiene uno sconto del 10% su tutti i servizi e l’accesso all’area riservata del sito. Qui l’iscritto ha a disposizione FAQ e problemi già risolti (ad esempio “Risposte ai problemi frequenti nel servizio”), video e articoli con aggiornamenti bisettimanali, newsletter mensile, benefit e gadget gratuiti (come lo sconto ad alcune riviste tennistiche, l’app Egograms in omaggio), sconto sulle consulenze, lezioni private e stage di allenamento organizzati in tutta Italia dall’associazione. La quota associativa annua è pari a 49 euro. Diamo anche la possibilità di provare gratuitamente per un periodo di 10 giorni la versione Pro del sito e quindi di accedere ai servizi descritti.

Facciamo un paio di esempi. Come si fissa una consulenza, ad esempio con il preparatore Buzzelli per un piano di allenamento personalizzato, Oppure un’ora di allenamento con Corinna Dentoni o Flavio Cipolla? O addirittura con Andreas Seppi…
Per quanto riguarda tutti i servizi online, la procedura è abbastanza diretta. L’utente acquista la consulenza, come un comune e-commerce, nella sezione “Consulenze” e paga direttamente con Paypal o carta di credito. Se l’ordine è avvenuto con successo può rispondere direttamente all’e-mail di conferma ordine, con la sua richiesta ed allegando se necessario foto o video. Questo nel caso di una consulenza scritta o indicando le sue preferenze per fissare un appuntamento in caso di consulenza telefonica o Skype. Riceverà la risposta dall’esperto entro 24/48 ore, tuttavia il tempo di risposta medio è di poche ore. Per le lezioni private invece, bisogna compilare il modulo nella pagina “Lezioni private”, accessibile dal menu, o cliccando sulla voce “Giocatori” presente in bacheca. L’utente sarà subito ricontattato dallo staff TenniSolver per fissare la lezione con il suo giocatore preferito.

Puoi dirci, indicativamente, quanto costa una consulenza?
Meno di una comune ora di lezione privata al circolo. Una consulenza con Laura Golarsa, ad esempio, a partire da 19,80€ per gli associati (22€ per chi è nel periodo prova). I prezzi sono così contenuti proprio perché TenniSolver non guadagna con le consulenze e l’esperto riceve l’intera somma della consulenza. Ti anticipo la domanda, tutte le spese di gestione e manutenzione del sito web e varie sono sostenute dalle quote degli associati.

Quali sono gli ulteriori ambiti di sviluppo che prevedete per il vostro sito?
Il sito nasce per fruire una serie di contenuti e servizi online, sicuramente uno dei futuri sviluppi sarà l’organizzazione di allenamenti dal vivo in campo in tutta Italia. Già è stato avviato il servizio delle lezioni private, presto organizzeremo anche stage, con i coach e gli esperti, a cui gli utenti del sito potranno partecipare a prezzi veramente contenuti.

Continua a leggere
Commenti

Flash

ATP Buenos Aires: Mager cede ad Andujar in due set

Una battaglia di oltre due ore non basta a Gianluca per superare lo spagnolo nel torneo argentino

Pubblicato

il

Si ferma al secondo turno l’avventura di Gianluca Mager al torneo ATP 250 di Buenos Aires (era l’ultimo italiano ancora in gara nei tornei maschili di questa settimana.

L’azzurro è stato battuto in due set molto lottati dall’espertissimo spagnolo Pablo Andujar, N.6 del seeding, per 6-4 7-6(5) in un match durato oltre due ore.

Un match equilibrato in cui però Mager ha sempre rincorso nel punteggio, non è mai stato avanti in nessuno dei due set perdendo la battuta in apertura in entrambi i parziali. Lo stesso è accaduto anche nel tie-break che ha chiuso l’incontro con Andujar avanti 3-1 e 5-3 prima di chiudere per 7 punti a 5.

 

Mager rimane dunque a ridosso della Top 100 mondiale anche se porta via dall’Argentina solamente 10 punti ATP

Il tabellone completo di Buenos Aires

Continua a leggere

Flash

L’ATP sostenibile: aumenta ancora la base del prize money per i 250 e i 500

Stanziati 5,2 milioni di dollari per sostenere i giocatori non di prima fascia, anche grazie a Federer e Nadal. La somma deriva dalla rinuncia a parte dei bonus di fine stagione dei top 12 del ranking. Gaudenzi ringrazia il Player Council

Pubblicato

il

Rafa Nadal e Roger Federer a Città del Capo, 2020 (foto via Instagram @rafaelnadal)

Insieme al nuovo meccanismo di calcolo del ranking valido fino al 9 agosto 2021, l’ATP ha annunciato anche una rimodulazione del prize money per i tornei 250 e 500 che si disputeranno fino all’atteso ritorno di Wimbledon. La fascia minima di compenso per i partecipanti a questi tornei aumenterà rispettivamente dell’80 e del 60 per cento, rispetto al 50 già previsto dai provvedimenti straordinari in vigore. La cifra stanziata raggiunge complessivamente i 5,2 milioni di dollari. Questa modifica è stata resa possibile grazie alla rinuncia da parte dei primi 12 del ranking di parte del Bonus Pool di fine stagione. Una decisione approvata dal Player Council, con il consenso – tra gli altri – di Roger Federer e Rafael Nadal. La logica della mutualità, sostenuta dai vertici dell’associazione dei giocatori, punta a rendere sostenibile la vita nel circuito alla maggioranza dei protagonisti: i tennisti non di prima fascia.

SOSTEGNO – Andrea Gaudenzi, chairman dell’ATP, ha spiegato: “I ricavi dei nostri tornei continuano a essere influenzati dalle restrizioni sulla vendita dei biglietti, uno scenario che difficilmente potrà essere migliorabile prima della seconda metà della stagione. Il nostro obiettivo è garantire che il Tour possa continuare a sostenere il maggior numero possibile di giocatori. Vorrei ringraziare i tennisti top del ranking e il Player Council per averci supportato in questa misura che migliorerà le condizioni per la maggioranza dei giocatori nei prossimi mesi“. L’ATP ha anche annunciato lo stanziamento di 10mila dollari extra per ogni torneo del 2021, Challenger compresi, per andare a coprire spese extra di ospitalità derivanti da casi diretti di positività al Covid-19 o necessità di isolamento. Soprattutto a livello Challenger, un’assicurazione che potrà tornare utile.

Continua a leggere

Flash

Marian Vajda: “Sono preoccupato per l’infortunio di Djokovic”

Lo storico coach del numero 1 del mondo non ha intenzione di perdersi altri successi del suo assistito e assicura: “Sarò al suo fianco al Roland Garros”

Pubblicato

il

Novak Djokovic e Marian Vajda - Internazionali di Roma 2020 (foto Giampiero Sposito)

Un paio di giorni fa era stato Goran Ivanisevic a parlare del suo assistito Novak Djokovic e a elogiarlo pubblicamente per il suo recente successo agli Australian Open, mentre adesso è il turno di Marian Vajda, storico allenatore del n. 1 del mondo il quale tuttavia non era presente a Melbourne. Parlando al tabloid serbo Kurir, Vajda ha ammesso: Mi è dispiaciuto molto non essere lì. Non dimenticherò mai il primo titolo che Nole ha vinto a Melbourne nel 2008. Ho assistito alla stragrande maggioranza dei suoi successi e non essere stato presente ad un titolo così importante per lui mi ha fatto molto arrabbiare”.

Il lavoro svolto insieme durante la off-season però ha dato i suoi frutti e i momenti passati insieme prima della trasferta oceanica, a Marbella, sono stati ben spesi. “Novak e io di solito stiamo insieme quasi ogni settimana” ha spiegato il coach slovacco. Siamo stati insieme durante il mese di dicembre. Per due settimane abbiamo deciso di fare un lavoro molto intenso, sia fisicamente che migliorando alcune cose che sembravano essere andate male negli ultimi tornei dell’anno. Abbiamo deciso di dare più enfasi al servizio, sia sulla prima che sulla seconda. È stato un piacere vedere da lontano come sia migliorato e come il lavoro sia servito a qualcosa”.

Ora il tour prosegue con due tappe in medio oriente (Doha e Dubai) alle quali però Djokovic non prenderà parte. Lo strappo agli addominali che ha accompagnato i suoi ultimi incontri in Australia gli impone cautela e persino il Masters 1000 di Miami è in dubbio. Ivanisevic preferirebbe un rientro direttamente sulla terra rossa e anche la visione Vajda non sembra troppo distante. “Dobbiamo vedere come sarà il suo programma dopo i recenti problemi” ha detto il coach slovacco. Sono molto preoccupato per il suo infortunio e stiamo valutando di ridurre il numero di tornei nel 2021. La sua salute è la cosa più importante in questo momento. Tra pochi giorni mi recherò a Dubai per vederlo e potrò parlare con lui faccia a faccia. Non so quando potrò accompagnarlo nei tornei, ma quello che so è che sarò al suo fianco al Roland Garros“.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement