ATP Barcellona, Alcaraz: “Lesioni? Non cambierò per questo il mio modo di giocare”

ATP

ATP Barcellona, Alcaraz: “Lesioni? Non cambierò per questo il mio modo di giocare”

“Anche se ha perso di nuovo, Djokovic può vincere Madrid e Roma” ricorda Carlos Alcaraz a proposito della sconfitta del n. 1 del mondo. E sul forfait di Sinner che lo favorirebbe nella corsa al titolo non ha dubbi: “Per nulla”

Pubblicato

il

Carlos Alcaraz – ATP Barcellona 2023 (foto: Roberto dell'Olivo)
 

Dal nostro inviato a Barcellona

Con la vittoria in due set su Davidovich Fokina, Carlos Alcaraz si è assicurato un posto in semifinale al Barcelona Open Banc Sabadell. Il numero 2 del mondo e campione in carica ha parlato del match con Alejandro, della posizione in battuta, della pressione dei media, di Sinner e di Djokovic.

D: Oggi com’erano le condizioni di gioco?

R: Anche oggi credo che sia stata una partita complicata e la differenza l’hanno fatta piccoli dettagli. Abbiamo giocato entrambi un gran match.

Hai sofferto contro Davidovich e contro Bautista, sono una buona preparazione in vista dei prossimi tornei?

Si giocare contro giocatori come Roberto e Alex, avere questo tipo di partite mi serve per la confidenza e il ritmo, e nonostante le condizioni e i problemi vincere mi fa sentire un migliore giocatore.

D: Durante la partita hai preso decisioni e anche cambiato tattica: in particolare mi sono stupito di quanto stavi defilato, quasi da doppista, nei servizi dal lato del vantaggio (da sinistra verso destra), è una tattica che usi spesso?

È un’arma tattica in più che può essere importante; servire più defilato dà la possibilità di aprire maggiormente il campo con il kick e aprire gli angoli. Certo può essere anche un po’ pericoloso perchè lascia esposto il lungolinea. Ma quello è un colpo molto difficile da giocare. In un paio di occasioni Alex è riuscito a giocare dei vincenti e in quel caso bravo lui e gli faccio i complimenti. Ma sono cosciente che è un colpo a bassa percentuale e quindi la tattica è giusta.

D: Spiega un po’ la differenza fra la partita di ieri e di oggi

Credo che oggi sono stato un po’ più in palla, ma comunque mi sono reso conto che non potevo chiudere gli scambi velocemente e mi dovevo mettere il camice da lavoro (mono de trabajo) e armarmi di pazienza e giocare scami lunghi. Davidovich è un giocatore che ultimamente è solido. Ho dovuto faticare, oggi forse avevo un po’ più di confidenza ma comunque non è stata facile.

DOMANDA UBITENNIS: Come gestisci la pressione dei media? Di recente anche in Italia è uscito un libro che ti descrive come il futuro del tennis dopo la golden era di Roger Rafa e Novak.

Ho detto molte volte che cerco di non pensare e di non leggere tutte le notizie che mi riguardano; cerco di giocare e di divertirmi; non sento la pressione di essere quello che gli altri vogliono che sia. l’importante è l’ora e il resto non mi interessa. Il tennis è la mia passione voglio solo essere me stesso.

Oggi i colpi erano un po’ meglio e mi sono dovuto mettere a lvaorea e fare scambi lunghi; tanto ieri come oggi, ho rischiato; mi sono sentito con più confidenza di ieri.

D: Djokovic oggi perso a Banja Luka contro Lajovic e la settimana scorsa a Montecarlo contro Musetti. Anche se i risultati non sono dei migliori continui a considerare Novak il tuo avversario numero 1?

Non saprei dire se il principale, ci sono molti tennisti che giocano molto bene sulla terra, ma Djokovic rimane Djokovic; anche se ha perso in questi tornei, può sempre arrivare a Roma e Madrid e vincere; quindi non posso chiamarlo fuori, lo teniamo presente, assieme ad altri.

D: Parlando dei rivali di domani come la vedi?

Con Evans abbiamo giocato solo una volta ed era in condizioni indoor molto diverse (Vienna 2021, ndr), Cerundolo anche è un ottimo giocatore, forse lui più da terra. Però vediamo chi vince stasera e poi vedremo che tattica utilizzare.

D: Il fatto che Sinner si sia ritirato è un motivo di ottimismo? Vedi più facile la vittoria finale?

Para nada, ho sofferto molto sia ieri che oggi e sicuramente anche domani sarà una battaglia. Il fatto che Sinner non ci sia non cambia niente gli altri sono grandi giocatori che possono vincere ugualmente il torneo.

D: Sei uno dei migliori nelle situazioni di pressione, da cosa pensi che derivi questa tua efficacia? Secondo il tuo punto di vista cosa che è che ti fa risultare vincente?

Non aver paura e in quei momenti giocare il punto in maniera aggressiva. è importante voler gustare e godere di quei momenti senza paura, perchè fanno parte del gioco e sono stimolanti. In un certo senso la pressione non deve dare fastidio. Di solito l’atteggiamento standard in queste situazioni è aspettare che l’altro sbagli; invece i grandi “van a por ello” e se la giocano.

D: Che cosa vi siete detti con Alex a fine partita?

Abbiamo giocato molte volte assieme e mi ha detto che aspetta presto la rivincita; ci vedremo sicuramente molte volte e sicuramente avremo grandi partite assieme, alcune le vincerò io, altre lui.

D: Ti preoccupa che il tuo stile di gioco ti possa procurare lesioni?

Il mio stile di gioco è questo e sono qua perchè sono quello che sono. Alla fine il calendario tennistico è molto esigente durante tutto l’anno, uno cerca di curare il massimo la situazione fisica e non avere lesioni. però non cambierò per questo il mio modo di giocare.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

ATP3 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Australian Open, Scanagatta: “Ora per tutti Sinner è diventato il favorito. Per lui meglio Medvedev piuttosto che Zverev. E’ stato 7 ore in campo meno del russo battuto a Pechino, Vienna e Torino” [VIDEO]

Jannik Sinner - Australian Open 2024 (foto X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open: estasi Sinner! Djokovic si arrende in quattro set, è la prima finale Slam [VIDEO]

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Cahill e Vagnozzi, i “tagliatori” del diamante Sinner

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Vagnozzi prima della semifinale: “Le vittorie degli ultimi sei mesi hanno reso Jannik più forte e consapevole”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement