WTA Finals: Svitolina delude, Wozniacki è perfetta

Non c'è storia nel secondo match del Gruppo Rosso. Dal 2-2 del primo set, 10 giochi consecutivi di Caroline che annienta Svitolina in 58 minuti

WTA Finals: Svitolina delude, Wozniacki è perfetta
Caroline Wozniacki - WTA Finals Singapore 2017 (foto Philip Cho)

Gruppo Rosso (1a giornata)

WTA Finals: Halep, esordio da numero 1

 

[6] C. Wozniacki b. [4] E. Svitolina 6-2 6-0

La rivincita di Caroline Wozniacki. Con una prestazione maiuscola, la danese annienta Elina Svitolina per la prima volta in carriera, dopo aver perso i tre incroci precedenti: nel 2016 a Miami e soprattutto le finali in questa stagione a Dubai e Toronto. Ci si attendeva un match lungo e combattuto, invece è stato un autentico ko tecnico quello inflitto da Caroline nei confronti di Elina; mai in discussione l’esito del confronto, irriconoscibile la campionessa del Foro Italico alla sua prima partecipazione al Masters, surclassata da un’eccellente Wozniacki, giunta per la quinta volta all’atto finale della stagione. Entrambe si erano ritirate preventivamente lo stesso giorno a Hong Kong per poter arrivare in forma qui a Singapore in quella che è anche la rincorsa al trono del ranking mondiale, ma l’esito di questa scelta si è rivelato decisamente a favore della recente vincitrice del torneo di Tokyo.

Elina Svitolina – WTA Finals Singapore 2017 (foto Philip Cho)

Le prime fasi di gioco si sviluppano con scambi lunghi e grande attenzione al servizio. Wozniacki cerca di essere la prima a cercare di sorprendere l’avversaria, ma Svitolina risponde colpo su colpo, con il punteggio di 2 a 2 che testimonia l’equilibrio iniziale. Caroline si fa più aggressiva e avanti 3-2 si procura la prima palla break dell’incontro grazie a un rovescio fulminante in lungolinea e un doppio fallo di Svitolina, la quale manda in corridoio il diritto nel punto successivo, consegnando la battuta e il primo allungo nel punteggio a Wozniacki. La danese soffre nel settimo game al servizio, ma non concede ancora possibilità alla sua avversaria grazie soprattutto alla varietà dei suoi colpi, portandosi così sul 5-2. Elina cerca di correre ai ripari, chiedendo un confronto col suo coach; alla battuta per accorciare si smarrisce nuovamente, subendo da 30-0 quattro punti consecutivi di Wozniacki, che incamera 6-2 il primo set con un rendimento sempre più in crescendo e un 81% di prime palle in campo.

Caroline Wozniacki – WTA Finals Singapore 2017 (foto Philip Cho)

L’ex numero 1 del mondo sa che deve continuare a tenere questo ritmo per respingere le velleità di Svitolina, la quale prova a spingere maggiormente e si guadagna la prima chance di break nel game iniziale della seconda frazione; chance subito spenta da Caroline che mantiene ancora il servizio e sfrutta un altro game incerto dell’ucraina, che con un rovescio scarico perde nuovamente la battuta. C’è una sola giocatrice in campo e quella giocatrice è Wozniacki, che per la terza volta a zero conserva il servizio volando 3 a 0. La ventitreenne di Odessa si rifugia ancora nel coaching, ma i problemi non sembrano terminare perché arrivano altri quattro punti consecutivi della numero 6 WTA che a zero ottiene un ulteriore break, che le vale il perentorio 4-0. Caroline anche nei possibili momenti di difficoltà, come nel quinto gioco sotto 15-30, reagisce alla grande servendo in maniera precisa e chiudendo i punti a rete con disinvoltura per il meritato 5-0. Svitolina prova almeno ad evitare un umiliante bagel, ma non è proprio giornata poiché va sotto ancora 15-40 con il primo match che è l’emblema della sua performance odierna: rovescio agevole al volo che il nastro devia abbondantemente fuori. Wozniacki chiude 6-0 con un grande sorriso in meno di un’ora di gioco.

Caroline Wozniacki ed Elina Svitolina – WTA Finals Singapore 2017 (foto Philip Cho)

Gruppo Bianco, prima giornata: le vittorie di Pliskova e Muguruza

La pazza lotta per il trono WTA: sperano in cinque

WTA Finals: sorteggio, precedenti e analisi dei gironi

Guida alle WTA Finals: cambio di generazione (AGF)

CATEGORIE
TAG
Condividi