ATP Pechino: troppo Zverev, Fognini è out. Nadal a rullo

ATP

ATP Pechino: troppo Zverev, Fognini è out. Nadal a rullo

Fabio rimane in partita solo nel primo set. Doppio 6-3 del numero 1 a Khachanov, ai quarti affronterà Isner. Rublev supera Berdych

Pubblicato

il

SASCHA TROPPO FORTE – Fabio Fognini resiste poco più di un set con Alexander Zverev. Il compito si presentava assai arduo, eppure i due danno vita a un confronto intenso per tutta la prima partita, poi una volta trovato il vantaggio, il più giovane dei fratelli Zverev prende il largo, facendo valere la sua maggiore forza. I due si erano affrontati una sola volta, con il tedesco vittorioso a Roma nel corso dell’ultima edizioni degli Internazionali.

L’azzurro inizia il match al servizio e subito deve fronteggiare una situazione di 0-40, da cui ne viene fuori alla grande con cinque punti consecutivi. Ora è il numero 2 del seeding a dover battere e ad affrontare due palle break, ma anche in questa circostanza vengono annullate, siamo 1 pari. Che intensità in queste fase iniziali. Due giochi al servizio sfilano veloci per entrambi, è Fabio nel quinto game a commettere due errori banali (che sottolinea anche lui) e con un doppio fallo manda Sascha a palla break, la quale viene sfruttata prendendo possesso della rete, il tentativo disperato di passante finisce in rete. Zverev conferma il break e siamo 4 a 2. Il numero uno Next-Gen è in difficoltà nell’ottavo game, ci sono due scambi spettacolari (sicuramente i migliori di giornata) fatti di tweener, stop volley, recuperi sugli smash e al termine di queste fasi di gioco spettacolari il numero 26 ATP recupera lo svantaggio, portandosi in parità sul 4 pari. Ci sono tanti capovolgimenti in questo frangente, il tennista ligure sul 30 pari commette un grave errore col dritto a campo aperto e ancor più grave è il doppio fallo che manda il tedesco a servire per il set sul 5-4. Il nativo di Amburgo non sbaglia e incamera il primo set 6-4.

Riprende il gioco, entrambi tengono la battuta nel loro primo turno, Fognini prova a variare qualcosa, facendosi sentire in campo, con l’intento di innervosire il numero 4 del mondo, coach Ferrero con un gesto gli indica di non farci caso e concentrarsi solo sul suo tennis. Sascha segue il prezioso suggerimento, nel terzo gioco si procura tre palle break, se nella prima è bravo Fabio, sulla seconda la pallina rimane sulla racchetta nel tentativo di drop shot, ma è la terza a essere quella giusta con uno scambio vinto dal campione del Foro Italico, che passa a condurre 2 a 1. Il nostro connazionale si scoraggia un po’, perde nuovamente il servizio nel quinto gioco con un doppio fallo che sa di resa, in un lampo Sascha arriva a condurre 5-1. Game interlocutorio quello che vince il numero 1 d’Italia, poi arriva il momento per Zverev di servire per il match e puntalmente archivia la pratica fissando il punteggio sul 6-2 dopo un’ora e dodici minuti. Prossimo ostacolo Rublev, in un confronto targato Next Generation.

 

RAFA INCONTENIBILE – La sofferenza e i brividi dell’esordio contro Pouille spazzati via. Nadal quest’oggi offre una versione decisamente migliore di sé, quella più forte, quella più vincente, quella più dominante. Con un doppio 6-3 regola Karen Kachanov, numero 42 ATP, approdando nei quarti di finale a Pechino in un torneo che l’ha visto trionfare nel lontano 2005. Prima di questo match tra i due c’era stato un solo precedente disputato qualche mese fa a Wimbledon e vinto dal dieci volte campione di Parigi con qualche patema in più rispetto ad oggi.

Kachanov ha ben chiaro il suo piano tattico, aggredire fin dalla prime battute Nadal a costo anche di sbagliare. Il russo inizia il match portandosi sullo 0-40, Rafa si difende con una comoda volee a rete sulla prima palla break, poi sfrutta due errori in lunghezza e riesce con fatica a conservare il servizio, esultando per lo scampato pericolo. Il maiorchino si assesta, allunga gli scambi mandando fuori giri l’avversario, come nel quarto game quando il russo commette tre errori consecutivi che portano alla prima palla break per Rafa. Il russo difende con successo grazie a una prima esterna vincente ma sbaglia nel punto successivo col dritto, concedendo una seconda palla break e questa gli è fatale per il diritto che finisce out: Nadal passa a condurre 3-1. Lo spagnolo più scorre il gioco e più si trova a suo agio, soprattutto quando taglia la pallina col back di rovescio, creando fastidio a Kachanov che non può spingere come vorrebbe. Nadal ha un’opportunità per il doppio break nel sesto gioco, ma questa volta non riesce a sfruttare la chance. Nessun timore però al servizio per il mancino di Manacor, che sale 5-2. Il Next-Gen deve fronteggiare già due set point al servizio sul 15-40, riuscendo a difendersi ed allungare il set sul 3 a 5. Rafa serve per il primo parziale: doppio ace con traiettoria esterna, passante di rovescio letale e stecca di diritto di Kachanov. Primo set 6-3 per un ottimo Nadal.

Anche all’inizio del secondo set Rafa alla battuta si ritrova sotto, dovendo risalire da 15-40 e senza timore in maniera aggressiva annulla le occasioni, Kachanov se ne costruisce una terza grazie a un rovescio lungolinea, ma ancora Nadal a rete cancella la palla break, vincendo poco dopo il game. L’occasione sciupata demoralizza Karen, che deve concedere nuovamente palla break, con il sedici volte campione slam splendido a rete con la volèe di diritto, l’esultanza tipica a dimostrare la sua voglia e 2-1 in suo favore. Il ventunenne di Mosca appare sempre più frustrato come dimostrano i quattro doppi falli nel nono gioco, Rafa però non sfrutta stranamente tre palle break, tenendo a galla Kachanov sul 3 a 4. Il numero 1 del mondo conserva il servizio senza patemi, poi nel nono gioco vola 15-40 grazie a un impressionante gancio mancino di diritto lungolinea, procurandosi due match point con Kachanov che commette l’ennesimo doppio fallo, decretando la fine delle ostilità con un altro 6-3 dopo un’ora e trenta minuti.

ORA ISNER – L’avversario che attende nei quarti di finale sarà John Isner. Il numero 4 del seeding si sbarazza in meno di un’ora dell’argentino Leonardo Mayer, numero 54 del mondo. Troppo forte al servizio l’americano, il quale concede in tutto l’arco dell’incontro una sola occasione di break nel game inaugurale, ma ancora è spietato alla risposta visto che riesce a strappare la battuta all’avversario per tre volte, vincendo per 6-0 il primo set. Isner mette le cose in chiaro anche in avvio di secondo parziale, con il break (quarto consecutivo) che arriva nel secondo gioco e poi, per il vincitore in stagione a Newport ed Atlanta, il compito di condurre in porto questo match è agevole: John chiude 6-3 nel nono game al servizio al primo match point. Con questa vittoria il bilancio negli scontri diretti sale a 3 vittorie a 0 per Isner.

BERDYCH SCOMPARE, RUBLEV CRESCE – Andrey Rublev, numero 39 del ranking, sconfigge in rimonta Tomas Berdych. Per tutta la prima frazione e metà della seconda la testa di serie 7 del torneo dispone del suo avversario, poi si inceppa qualcosa, la rottura dopo la conclusione amara della seconda partita si prolunga ancora più pesantemente nel parziale decisivo. Rublev non si fa pregare e si qualifica cosi per i quarti di finale. I due si erano affrontati una volta precedentemente con la vittoria di Berdych a Miami in questa stagione. Nel primo set Thomas concede tre opportunità di break nel primo game, ma arriva in soccorso la prima di servizio a togliere ulteriori guai. Dall’altra parte della rete Rublev perde la battuta nel secondo gioco e non riesce successivamente a sfruttare un’altra occasione di break che gli viene concessa. Il Next-Gen vuole fare braccio di ferro con il ceco, che rimane più potente, dimostrazione ulteriore è un altro break che ariva nel sesto gioco, prologo alla chiusura del parziale a favore di Berdych per 6-1.

Riprende il gioco e il veterano trendaduenne nel terzo gioco strappa nuovamente la battuta all’avversario, arrivando a condurre 3 a 1 in suo favore. Non è una fase del match spettacolare, anzi i due giocatori perdono continuamente il servizio, il ragazzo di Mosca inaspettatamente, dopo essersi ritrovato per due volte sotto di un break, passa a condurre 5-4 e con un passante in corsa di rovescio si procura addirittura set point: Berdych completa il suo black out con un errore gratuito, consegnando la battuta per la terza volta consecutiva e il set per 6-4. La situazione non migliora, Tomas pare disconnesso poiché perde nuovamente il servizio nel quarto e sesto game, Rublev arriva a servire per il match sul 5 a 1 e in maniera implacabile chiude 6-1 dopo un’ora e quarantotto minuti.

DOPPIO – Merita una menzione il nostro Paolo Lorenzi che in coppia con Mischa Zverev ha battuto il duo argentino L. Mayer/del Potro ed è approdato in semifinale, dove affronterà i n.1 del torneo Kontinen e Peers.

Risultati:

[6] J. Isner b. L. Mayer 6-0 6-3
[1] R. Nadal b. K. Khachanov 6-3 6-3
A. Rublev b. [7] T. Berdych 1-6 6-4 6-1
[2] A. Zverev vs F. Fognini 6-4 6-2

Continua a leggere
Commenti

ATP

A San Pietroburgo, Medvedev centra la quinta finale consecutiva. Troverà Coric

Il russo supera Gerasimov nonostante una partita non brillante. Quinto torneo consecutivo in cui raggiunge l’ultimo atto. Coric elimina Sousa in rimonta

Pubblicato

il

Daniil Medvedev allo US Open 2019 (foto Twitter @USOpen)

Daniil Medvedev non sa più perdere prima della finale. Nonostante una prestazione tutt’altro che entusiasmante, il russo supera Egor Gerasimov a San Pietroburgo e per il quinto torneo consecutivo raggiunge l’ultimo atto. Daniil non ha espresso il suo miglior tennis, ma è riuscito ad alzare il livello nelle fasi finali di entrambi i set senza dover ricorrere al tiebreak, fatale a Berrettini nella giornata di venerdì. Da parte sua Gerasimov è stato bravo a tenere il campo alla pari, mantenendo sempre un atteggiamento propositivo anche dopo aver perso il primo set.

Nel primo parziale, se si eccettua una palla break salvata da Medvedev nel secondo game, nessuno dei due giocatori in risposta riesce a rendersi pericoloso e i turni di servizio filano via lisci fino al 5-5. Medvedev riesce finalmente a mettere i piedi in campo con più convinzione e a comandare gli scambi: arriva dunque il break che decide il primo parziale.

Nel secondo set, Gerasimov continua ad attaccare la rete appena può per mettere pressione a Medvedev che fatica un po’ a trovare con continuità il passante, di solito suo marchio di fabbrica. Il russo però è cresciuto rispetto al primo set e inizia a fare il metronomo da fondo dettando il ritmo e offrendo palle profonde e complicate. Ne scaturisce un break nel settimo gioco immediatamente recuperato da Gerasimov. L’inerzia della partita è ormai definitivamente cambiata e sul 5-5 Medvedev riesce nuovamente a strappare la battuta all’avversario e a volare verso l’ottava finale del 2019, la dodicesima in carriera (5-6 il bilancio).

 

In finale affronterà Borna Coric (i precedenti dicono 4-1 in favore del croato) che ha superato in rimonta Joao Sousa dopo due ore e diciotto minuti di gioco. Nel primo set, il croato ha pagato una partenza un po’ lenta che gli è costata un break nel quarto gioco. Già dalla fine del parziale però Coric è salito di giri, procurandosi quattro palle per recuperare lo svantaggio sul 5-3. Sousa è però stato bravo a salvarle tutte prima di incamerare il set. Il secondo parziale è stato equilibratissimo e dominato dai servizi fino al decimo gioco. Qui Coric ha avuto una palla break (che era anche set point), ma non è riuscito a convertirla. Successivamente è stato lui ha doversi salvare ben tre volte nello stesso gioco per guadagnarsi il tiebreak, vinto 7 punti a 5 dopo una lotta serrata. Il terzo set è scivolato via rapidamente dalla parte di Coric, bravo a mettere subito il naso avanti contro un Sousa evidentemente scoraggiato. 6-1 è il punteggio che chiude la partita e spedisce il croato verso la sesta finale in carriera (2-3 il bilancio).

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

Tsonga vince il derby con Pouille a Metz: sfiderà Bedene per il titolo

Lo sloveno batte il terzo francese in quattro match disputati: ne troverà un quarto sulla sua strada verso il primo trionfo ATP. Jo va a caccia della quarta corona al Moselle Open

Pubblicato

il

Jo-Wilfried Tsonga - Rotterdam 2019 (foto via Twitter, @abnamrowtt)

È stato Aljaz Bedene a rovinare la festa francese all’ATP 250 di Metz. Lo sloveno era l’intruso (mettere le dovute virgolette) delle semifinali del Moselle Open, in cui figuravano ben tre giocatori francesi. Nel primo incontro Bedene ha scongiurato una finale tutta transalpina, battendo in rimonta Benoit Paire, che sebbene fosse la più alta testa di serie tra i suoi connazionali (n. 3) non è mai riuscito a cogliere un successo a Metz, terra di conquista per i galletti in otto delle precedenti dieci edizioni.

Lo sloveno aveva già battuto due francesi (Roumane e Simon) prima di eliminare Carreno Busta nei quarti. Benoit è riuscito a strappargli un set e anche il servizio per la prima volta nel torneo, ma dopo un pessimo approccio al secondo parziale si è ritrovato indietro 0-5. Chiusa due game più tardi la seconda frazione, Bedene ha messo il turbo anche in apertura di terzo set e ha conquistato la sua quarta finale in carriera a livello ATP (ancora non è riuscito a vincere un titolo).

Troverà sulla sua strada Jo Wilfried Tsonga, il quarto francese del suo torneo. Jo (che sta sfoggiando un capello color platino) ha già vinto tre volte il Moselle Open (2011, 2012 e 2015) e punterà al quarto trofeo a Metz dopo il successo sul connazionale Lucas Pouille. Solo due tie-break potevano far pendere l’ago della bilancia da un lato o dall’altro, visto il perfetto equilibrio che regnava in campo fino al 6-6 di entrambi i set. Tsonga ha affrontato (e salvato) l’unica palla break dell’incontro alla metà esatta del primo parziale e si è portato a casa un tiratissimo juex decisif otto punti a sei. Più tranquillo il secondo tie-break, vinto con un allungo di tre punti dal 4-4.

 

L’unico precedente l’ha vinto Tsonga sei stagioni fa sulla terra rossa del Roland Garros. Insomma, poco rilevante viste le condizioni in cui si giocherà domani. Il francese ha già vinto un titolo nel 2019, sempre in Francia, a Montpellier.

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

La Francia domina a Metz, Bedene l’intruso

Tre semifinalisti su quattro sono transalpini. Pouille e Tsonga si affronteranno in un derby. Paire sfiderà lo sloveno Bedene, con il quale ha litigato agli US Open

Pubblicato

il

Benoit Paire - Winston-Salem 2019 (via Twitter, @WSOpen)

10 delle 16 edizioni del torneo ATP di Metz sono state vinte da giocatori di casa. E anche quest’anno ci sono altissime probabilità che quest’eventualità si ripeta. Il 75 per cento per l’esattezza, considerato che 3 dei quattro tennisti approdati in semifinale sono francesi. Si tratta di Benoit Paire, Lucas Pouille e Jo-Wilfried Tsonga, in ordine di classifica. Pouille ha già vinto il torneo una volta nel 2016, Tsonga ha addirittura trionfato per tre volte a Metz (2011, 2012, 2015). A tentare di rompere le uova nel paniere transalpino, ci sarà lo sloveno Aljaz Bedene, n.76 del ranking ATP. 

L’intruso balcanico ha sorpreso nei quarti finale lo spagnolo Pablo Carreno Busta, che a sua volta aveva eliminato al secondo turno il primo favorito del seeding David Goffin. Bedene si è imposto con il punteggio di 6-4 7-5 in poco meno di un’ora e mezza di partita. A decidere l’incontro sono stati due break, rispettivamente nel settimo e nel dodicesimo gioco dei due parziali. Nella sua ottava semifinale a livello ATP in carriera, la seconda in questa stagione dopo quella ottenuta a Rio, lo sloveno sfiderà Benoit Paire. 

Da parte sua, l’imprevedibile tennista di Avignone ha rispettato pienamente l’onore dei pronostici nel derby contro Gregoire Barrere, imponendosi per 7-6 6-4. Partenza a rilento per Paire che è andato sotto 3 a 0 nel primo parziale. Il n.3 del seeding ha poi recuperato e si è imposto per 7 punti a 4 nel tie-break. Il secondo set sembrava avviato verso lo stesso esito ma nel non gioco Barrere  ha perso il servizio e regalato il match al suo avversario. Tra Paire e Bedene c’è un precedente freschissimo, quello del secondo turno degli US Open, vinto al tie-break del quinto set dal tennista di Lubiana, dopo aver rimontato due set di svantaggio. L’incontro è stato segnato dal nervosismo, con il francese che alla fine si era rifiutato di stringere la mano al suo avversario. Insomma, potremmo vederne delle belle nella semifinale di Metz.

 

Ben meno acrimonia ci dovrebbe essere nella semifinale della parte bassa tra Pouille e Tsonga. Il primo si è guadagnato l’accesso nei top 4 del torneo grazie al sofferto successo in tre set sul serbo Filip Krajinovic. Primo set vinto da Krajinovic per 6-4 grazie ad un break nel terzo gioco, con Pouille che ha fallito diverse occasioni per rifarsi sotto. Il giocatore francese sembrava avviato alla sconfitta dopo aver perso il servizio nel settimo gioco del secondo parziale.  Pouille ha però subito realizzato un contro-break ed è poi andato a conquistare il set per 7-5. Forse demoralizzato, Krajinovic ha lasciato campo libero al suo avversario nel parziale decisivo, perso per 6-2. 

Tsonga ha invece approfittato del ritiro del secondo favorito del torneo, il georgiano Nikoloz Basilashvili, sul 4 a 1 in proprio favore nel terzo set. Il veterano di Le Mans aveva in precedenza perso il primo set per 7-5 e perso il secondo per 6-3. I precedenti tra i due francesi sono sul due pari, con Pouille che ha vinto gli ultimi due faccia a faccia. 

Risultati:

A. Bedene b. P. Carreno Busta 6-4 7-5
[3] B. Paire b. [WC] G. Barrere 7-6(4) 6-4
[4] L. Pouille b. F. Krajinovic 4-6 7-5 6-2
J.W. Tsonga b. [2] N. Basilashvili 5-7 6-3 4-1 rit.

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement