Gli auguri di Ubitennis ai lettori e ai tennisti. La svolta del magico 2019 italiano risale al 2018 e a Cecchinato

Focus

Gli auguri di Ubitennis ai lettori e ai tennisti. La svolta del magico 2019 italiano risale al 2018 e a Cecchinato

Auguri con excursus sulla stagione molto azzurra appena conclusa. L’exploit del tennista siciliano ha ispirato i vari Berrettini, Sinner, Sonego, con i loro coach: “Se ce l’ha fatta lui…”

Pubblicato

il

Matteo Berrettini con Ubaldo Scanagatta (foto Cristina Criswald)
 
 

Sono qui, sotto l’albero di Natale di questo dicembre 2019 ad augurarvi il mio Buon Natale più sentito mentre rifletto sul fatto che siamo diventati un po’ tutti prigionieri di Google che spia ogni nostra mossa e sa di noi più di noi stessi con tanti bei saluti al nostro desiderio di privacy.

Altro che γνῶθι σαυτόν, conosci te stesso! Cito qui con le mie scarse reminiscenze del liceo classico la massima religiosa greco-antica iscritta nel tempio di Apollo a Delfi. 

Però mi ritrovo paradossalmente anche a dover ringraziare proprio Google, e Google Analytics in particolare, senza i cui algoritmi non sarei mai stato in grado di dirvi, miei cari lettori, che quest’anno Ubitennis ha strabattuto – grazie a voi, ovviamente, e alla vostra assidua partecipazione e consultazione – tutti i suoi record in termini di utenti unici, 4,871 milioni alla vigilia di Natale, e di pagine visualizzate: 40,833 milioni. Le visite sono state più di 20,620 milioni. Mi aspetto – ma queste sono previsioni assai più umane, e cioè quelle spesso fallaci del Mago Ubaldo  – di raggiungere per questo fine anno 5 milioni di utenti unici, 41 milioni di pagine visualizzate, 21 milioni di visite. Significa una crescita di quasi il 100% per gli utenti, del 40% per le pagine visualizzate, dell’86% per le visite. Mi scuso per avervi sommerso di tutti questi dati ma… questa volta darò la colpa a Google!

 

Se ripenso a quando, 12 anni fa nel gennaio del 2007, con il mio neonato blog Servizi Vincenti (il Babbo di Ubitennis partorito nel maggio 2008), festeggiai con stupore i 300 lettori mensili, mi chiedo con ancora maggior stupore: ma come è stato possibile? Certo allora, quando a scrivere da vero grafomane c’ero solo io con tre o quattro amici, antenati degli attuali collaboratori, non avrei mai pensato che sarebbe stato possibile pubblicare 4.480 articoli dal primo gennaio alla vigilia di Natale in un solo anno come è successo in questo 2019!

Uno sforzo collettivo oggettivamente pesantissimo che mi rende orgoglioso soprattutto per le scelte fatte nella continua ricerca di validissimi giovani (e meno giovani) amici appassionati e anche nella organizzazione sempre perfezionata della struttura alla quale contribuiscono tanti bravissimi collaboratori che non è per nulla semplice coordinare. Devo moltissimo a tutti i collaboratori che, pur con i loro limiti di tempo, hanno fatto un lavoro straordinario per far crescere Ubitennis, sempre impegnandosi al massimo.

Non c’è dubbio che se il 2019 ha dato questi brillanti risultati, gli exploit monegaschi del “Babbo-bis” Fognini – congratulazioni a lui e a Flavia! – di Berrettini sulla terra rossa (Zverev) sull’erba (ottavi a Wimbledon dopo i lawns tedeschi) e sul cemento (US Open) fino alle prime finali ATP d’un italiano in oltre 40 anni, l’escalation di Sonego prima (Antalya) e dell’ancora imberbe Pel di Carota altoatesino Sinner – senza trascurare i risultati degli junior Musetti e Zeppieri in testa (ma ce ne sono altri) – hanno avuto un peso importantissimo, direi decisivo.

Poiché il tennis è sempre meno uno sport individuale, e non solo perché fioriscono a dismisura eventi a squadre, voglio dare anch’io merito degli exploit dei ragazzi italiani ai loro team perché effettivamente al giorno d’oggi è fondamentale essere supportati da allenatore, fisio, mental coach e altri professionisti. E poiché ho avuto modo di conoscere e frequentare da vicino buona parte di questi “coequipier”, da Santopadre e Rianna (Berrettini) a Piatti e Volpini (Sinneri), passando per Arbino (coach di Sonego), Tartarini (Musetti), Melaranci (Zeppieri); beh è tutta gente per bene, in gamba, preparata e determinata. È il trionfo dei coach privati. Consentitemi di dire che c’è voluto tanto tempo, troppo tempo, prima che la Federtennis capisse che conveniva collaborare con i team privati, anziche osteggiarli perché ragazzi e maestri non…”nascevano in quel di Tirrenia”.  

Quel ripensamento strategico che ha portato a studiare anzi alcuni meccanismi incentivanti e di sostegno economico ai team privati, è stato il grimaldello che ha portato alla rivoluzione organizzativa e in parte ai risultati che oggi tutti celebriamo con gioia. Augurandoci, al contempo, che non si ecceda “politicamente” per saltare sul carro dei vincitori, dal momento che i protagonisti dei successi restano e devono restare primariamente i giocatori e i loro team. Si eviti, dunque e per cortesia, il trionfalismo di bandiera.

Anche per i propri risultati in termini di audience Ubitennis è grato e riconoscente a chiunque abbia contribuito a rendere questo 2019 un anno magico per il tennis (maschile) italiano, il migliore degli ultimi 40 anni.  L’augurio natalizio è che quanto prima anche le ragazze seguite dall’ottima Tathiana Garbin riescano a mettersi sulle tracce del tennis maschile. Intanto l’approdo di Jasmine Paolini tra le top 100 merita di essere sottolineato e applaudito. Mi piacerebbe pensare anche che Camila Giorgi possa essere all’altezza del suo notevolissimo potenziale.

Del resto quando c’era chi scioccamente sosteneva che, per via di miei scritti critici nei confronti di Binaghi, Ubitennis non tifasse sempre per i tennisti azzurri e talvolta si augurasse addirittura una qualunque sconfitta azzurra, avevo sempre replicato che a) si trattava di una vera, clamorosa bischerata (detto alla fiorentina) diffusa da qualche cretino b) che nessuno di noi era così masochista.

Jannik Sinner – Next Gen Finals 2019 (via Twitter, @atptour)

Mi auguro, e auguro a tutti i tennisti azzurri, di continuare così nel 2020, anzi di fare sempre meglio. Registro con grande soddisfazione, del resto documentata anche da come abbiamo seguito in tutte le sue fasi la vicenda, la conquista delle finali ATP a Torino a partire dal 2021. È stato un atto coraggioso e ben orchestrato di cui do – e ho già dato – ampio merito a Angelo Binaghi, al suo team, a quella che era la Coni-Servizi e che ora ha preso il nome di Sport e Salute – che casino ancora tutta questa operazione “politica” che ha sottratto potere al Coni di Malagò per trasferirlo prima a Giorgetti della Lega che aveva investito Rocco Sabelli poi dimissionario per i disaccordi con il ministro 5 Stelle Spadafora: chi ci capisce, in tutte queste manovre che ben poco hanno a che fare con lo sport, è davvero bravo! – alla città di Torino, al sindaco Appendino e a tutti quanti lo hanno reso possibile.

Grande soddisfazione registro anche per le nomine di Andrea Gaudenzi a presidente ATP e a Massimo Calvelli CEO ATP. Conosco entrambi personalmente e sono persone in gamba, con i titoli giusti per fare bene. Era l’ora che, in un’epoca tennistica dominata da giocatori europei – per la prima volta alle ultime ATP Finals gli 8 Maestri erano tutti europei, ma se anche ciò non fosse avvenuto tutti europei erano da oltre un decennio i celeberrimi Fab Four – l’ATP diventasse più europea e meno americana, spesso succube in passato delle grandi società di management made in USA.

Certamente Gaudenzi e Calvelli – sebbene quest’ultimo abbia un CV cresciuto con Wilson e Nike – hanno l’esperienza più giusta per gestire nel migliore dei modi un’Associazione che non deve, tanto per cominciare, commettere gli errori clamorosi della WTA che pur di raggranellare soldi ha spostato a tal punto il suo raggio d’azione in Oriente (soprattutto Cina) dove i vuoti sugli spalti mi ingenerano una gran tristezza. Spero che, diversamente da chi li ha preceduti, siano in grado di riunire ogni tanto anche i giornalisti più esperti per uno scambio di idee che potrebbe essere utile agli uni e agli altri. Spesso invece i dirigenti ATP, WTA, ITF hanno agito come corpi separati da…compartimenti stagno.

Nel suo piccolo, in quest’anno anche Ubitennis è salito su un podio internazionale, grazie al premio AIPS (Association International Press Sportif), nell’ambito di una selezione fra 1273 candidature omnisport proveniente da 119 Nazioni. Il premio, conferito a Losanna era collegato a un articolo del sottoscritto incentrato sulla finale dell’US Open 2018 e riferito all’operato dell’arbitro Carlos Ramos nella finale femminile vinta da Naomi Osaka su Serena Williams che aveva sclerato sul campo e poi fuori accusando l’arbitro di fantomatico sessismo. Consentitemi di esserne orgoglioso. Nemo propheta in patria, mi verrebbe voglia di sottolineare, visti i riconoscimenti ottenuti anche all’US Open 2018, prima dell’incresciosa vicenda che ha portato prima al ritiro del mio accredito durante gli Internazionali d’Italia e poi a quell’incredibile pedinamento degli agenti della security FIT che l’indomani gli fece seguito. Difficile dimenticare una vicenda del genere, per la quale perfino diversi dirigenti della FIT si sono poi sentiti in dovere di scusarsi con il sottoscritto.

I tristi personaggi che sono stati i veri autori della nefanda e pretestuosa azione censoria non li nomino per carità di patria. Se penso che un paio di quegli stessi personaggi mi avevano insignito del premio Guido Oddo per il giornalista dell’anno nel 2008… beh, chi è al potere e non accetta di poter esser criticato vorrebbe sempre logorare chi non ce l’ha. Son fiero di esser sempre riuscito a camminare sulla strada dell’autonomia e dell’indipendenza di giudizio, anche se c’è chi ha frapposto ogni genere di ostacoli per ridurre al silenzio chi scrive e la voce di Ubitennis che, annovera comunque al suo interno, opinioni e voci autonome e indipendenti, libere di allinearsi e di non allinearsi in una dialettica interna sempre democratica.

365 giorni fa scrivevo che il tennis continua a essere uno sport minore in Italia, perché l’exploit di Cecchinato con la sua semifinale al Roland Garros dopo 40 anni di buio, aveva acceso soltanto una luce spentasi dopo una quindicina di giorni. Già con Wimbledon eravamo rientrati nella nostra modesta normalità. E copio e incollo le seguenti frasi scritte allora “Noi abbiamo invece bisogno di trovare quel campione che non abbiamo avuto per 40 anni. Potrebbe essere Matteo Berrettini? O Marco Cecchinato? Forse Fognini potrebbe farcela a fare quei tre passettini per entrare tra i top-ten, ma purtroppo non risolverebbe il problema”.

Fognini ce l’ha fatta, ha vinto il primo Masters 1000, è diventato top-ten, ma se non ci fossero stati gli exploit di tutti gli altri azzurri, l’indice di gradimento del tennis non sarebbe cresciuto come invece è cresciuto. Quasi esponenzialmente. Abbiamo sentito e visto parlare di tennis italiano negli Slam, nei Masters 1000, nelle ATP Next-Gen, per Torino, in TV, non solo Sky, ma anche Rai, La Sette, da Fazio, irrompendo a metà delle varie “Domeniche sportive”, di programmi di intrattenimento. Gente che non si era mia interessata al tennis e che tutt’al più aveva sentito parlare di Fognini – e per forza, sono 10 anni che è il miglior tennista italiano, il più brillante dai tempi di Panatta e & – si è scoperta a parlare di Berrettini, di Sinner.

Matteo Berrettini, conferenza – ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

Posso sbagliare naturalmente, è una ipotesi magari leggera, insufficiente di per sé a spiegare tutto, ma credo che sia stato proprio la semifinale di un anno e mezzo fa di Marco Cecchinato a smuovere un po’ tutto l’ambiente. Cecchinato è un buon tennista, e l’ha confermato sulla terra rossa anche all’inizio del 2019, ma non è un fenomeno. Secondo me tutti i giocatori italiani, i loro team, devono aver pensato: “Se ce l’ha fatta lui, che fino a un anno prima faticava a entrare fra i primi 100, perché non possiamo farcela anche noi?”. E si sono messi di buzzo buono, con i loro allenatori non meno motivati di loro, a lavorare sempre più seriamente e soprattutto a crederci. Nel tennis, come nella vita, la fiducia nei propri mezzi è importantissima, fondamentale, perfino più di un grande servizio. E, spesso, di uno smisurato talento.

Per tanti, troppi anni, gli appassionati italiani hanno respirato e goduto solo del tennis internazionale, di quello degli straordinari Fab Four. Da un paio di anni si erano quasi rassegnati a un cambio della guardia che riguardava i cosiddetti Next-Gen, gli Zverev, i Thiem, prima dei Tsitsipas, Shapovalov e soci. Il 2019 è stato assolutamente, piacevolmente, inaspettatamente diverso. Adesso tutti si aspettano un 2020 all’altezza del 2019 e magari pure migliore, soprattutto per i più giovani, Berrettini, Sinner, Sonego. Partiranno, in Australia, con un certo fardello sulle spalle. Matteo sarà un tantino protetto dal suo ranking, dall’essere testa di serie n.8, Jannik, n.78, dovrà sperare anche sulla buona sorte. Ma non c’è dubbio che confermarsi è spesso più difficile che affermarsi. Non sarà facile neppure per Ubitennis confermarsi sui livelli dei 2019.

Riassumo qui i nostri dati e piccole curiosità: Ubitennis ha pubblicato circa 4500 articoli quest’anno, ovvero una media di dodici e mezzo al giorno, raggiungendo le quote record di 4.9 milioni di utenti e quasi 41 milioni di pagine visualizzate. Su Facebook ci seguite in 122mila, su Twitter siete 13mila e su Instagram circa 7700 – se ancora non ci seguite, cliccate qui: il 2019 sarà foriero di novità sul social più frequentato del momento.

AUGURI AI LETTORI

Prima di fare a voi tutti lettori i miei migliori auguri per un bellissimo Natale e per un Felice Anno nuovo consentitemi di chiedere agli appassionati di buona volontà un piccolissimo favore di nessun costo, sempre nell’ottica di assicurare a tutti il miglior servizio possibile. Il favore che vi chiedo è quello di aiutarci a crescere nel numero dei follower sui vari social. So bene che chi ne predilige uno non frequenta molto un altro, ma alcuni progetti in cantiere per Instagram sarebbero meglio realizzati scollinando quota 10000, poiché si otterrebbe la possibilità di allegare ai nostri contenuti link ad articoli ad approfondimenti.

Cercheremo anche noi nel 2020 di confermare i livelli dei servizi raggiunti nel 2019. Cercheremo di seguire con i nostri inviati il maggior numero di tornei possibile, perché siamo convinti che fare giornalismo stando lontani, seduti davanti a un computer monitorando vari siti internet, non sia fare giornalismo approfondito. Per diventare inviati di Ubitennis sui tornei occorre prima fare gavetta, imparare il lavoro redazionale, dare una certa disponibilità a chi – di volta in volta – presiede certi turni, mattutini, pomeridiani, di giorni feriali oppure di weekend. Durante l’anno valutiamo le candidature interessanti tra quelle ricevute all’indirizzo direttaubitennis@gmail.com.

Ubitennis ha continuato a istruire nuove leve verso il giornalismo e io a questo proposito mi devo fortemente scusare con tutti coloro (tanti) che ci hanno inviato la loro disponibilità a collaborare. La nostra priorità al momento sarebbe quella di individuare chi abbia titoli, volontà, capacità per aiutare in collaborazione diretta con il sottoscritto, a sviluppare il marketing, la vendita di spazi commerciali, il reperimento di nuovi sponsor, un maggiore interazione con le aziende e i circoli di tennis più interessati al proprio sviluppo di soci, iscritti ai corsi. Se ritenete il vostro profilo in linea con l’annuncio pubblicato qui, contattateci all’indirizzo info@ubitennis.com specificando nell’oggetto “business development” e allegando CV esauriente.

Chiudo qui questo lungo, lunghissimo messaggio con gli auguri per un felice Anno Nuovo a tutti voi, alle vostre famiglie, a chi sta bene ma soprattutto a chi sta meno bene,  ringraziandovi per esserci stati vicini. Invio i miei auguri più sinceri anche a tutti i tennisti italiani (e non) che non ci stancheremo mai di seguire con affetto e passione, ma consentitemi di inviare auguri particolarmente sentiti a Flavia Pennetta e a una vita che sboccia, quella della piccola Farah, a Francesca Schiavone per la sua battaglia contro il più brutto dei mali, agli amici di una vita Rino Tommasi e Gianni Clerici che hanno vissuto tempi e giorni migliori dei più recenti.

Buon tennis a tutti, davvero vi auguro i migliori smash e le volee più vincenti della vostra vita nel 2020. Da Ubaldo e tutta la squadra compatta di Ubitennis.

Ubaldo Scanagatta – US Open 2019 (foto Art Seitz c2019)

Continua a leggere
Commenti

ATP

Roland Garros, day 6 LIVE: Alcaraz 3 set a 0 su Korda, ora Khachanov

La diretta di questo venerdì 27 maggio, giornata dedicata ai terzi turni dei tabelloni di singolare maschile e femminile

Pubblicato

il

Court Suzanne Lenglen - Roland Garros 2022 (foto Roberto dell'Olivo)
Court Suzanne Lenglen - Roland Garros 2022 (foto Roberto dell'Olivo)
https://twitter.com/Ubitennis/lists/tennis-news-93659

PROGRAMMA DI OGGI 27 MAGGIO

23.06 – Forse indispettito da chi gli imputava di aver sprecato energie con Ramos-Viñolas, Alcaraz liquida Korda in tre set.

23.04 – Khachanov evita che il suo match diventi epico, si impone in quattro set su Norrie e attende la fine della sfida tra Charlie e Sebi per conoscere l’avversario agli ottavi (ma qualche sospetto potrebbe già averlo).

 

23.01 – Cameron non ci sta, annulla tre match point, recupera un break e tiene per il 5-4. Ora Karen servirà di nuovo per chiudere.

22.55 – Alcaraz stringe i tempi e gli angoli, Korda si disunisce ed è break al quinto game.

22.44 – Neanche una palla che rimbalza male impedisce a Carlitos di salvare lo 0-2…

22.41 – Non una scintilla di ripresa bensì un fuoco di paglia per Norrie, sotto 1-4 con due break al quarto.

22.39 – Korda salva una palla break che sapeva di resa e tiene la battuta in apertura di terzo set.

22.31 – Korda salva sei set point, ma sul settimo regala una risposta giocata malissimo, un classico quando pensi “la tengo in campo e basta”. Alcaraz due set a zero, si fa dura per Sebi.

22.16 – Norrie vince il terzo contro Khachanov, svantaggio dimezzato.

22.08 – Stasera Carlitos pare non scherzare: un break di vantaggio nel secondo.

21.54 – Khachanov due set e un break su Norrie.

21.42 – Alcaraz vince il primo set contro Korda, 6-4.

21.08 – Zverev batte Nakashima e raggiunge Zapata Miralles agli ottavi. In campo Alcaraz e Korda. Carlos avanti 3-1.

20.32 – Rispostona bimane vincente e break di Zverev nel terzo. Khachanov avanti anche nel secondo.

20.02 – Khachanov si prende il primo set contro Norrie, 6-2.

19.54 – Vinto il primo al tie-break Sascha Zverev, mette le mani anche sul secondo facendosi bastare un servizio strappato a Nakashima: 6-3.

19.00 – Jil Teichmann elimina Azarenka. Vika si arrende al super tie-break a una svizzera in fiducia.

18.25 – Il tiebreak deciderà il quarto set tra Isner e Zapata Miralles, con lo spagnolo avanti 2 set a 1

18.17 – Scendono in campo sul Court Suzanne Lenglen Zverev e Nakashima, per il secondo faccia a faccia tra i due. Il tedesco si è aggiudicato l’unico precedente, in quattro set due anni fa allo US Open

18.15 – Sloane Stephens veleggia verso la vittoria. La statunitense in vantaggio set e break sulla francese Parry

17.51 – MATCH NADAL – La testa di serie n.5 Nadal vince sull’olandese Botic Van de Zandschulp per 6-3 6-2 6-4

17.35 – Inser torna sotto di un set contro Zapata, lo spagnolo vince il terzo 6-4; Nadal avanti anche nel terzo set 4-3 e servizio; tra le donne, medica time-out per Teichmann contro Azarenka

17.30 – Inizia l’ultimo match femminile con l’ex finalista Sloane Stephens contro la francese Diane Parry

17.12 – MATCH DJOKOVIC – Il n.1 del mondo Novak Djokovic chiude in tre set, 6-3 6-3 6-1, il suo match di terzo turno superando Aljaz Bedene

16.53 – Doppio set di vantaggio anche per Rafa Nadal: il maiorchino è 6-3 6-2 su Van de Zandschulp

16.51 – Isner pareggia il match contro Zapata vincendo il secondo parziale 6-3; Azarenka ribalta il risultato contro Teichmann e sale un set e un break di vantaggio, 6-4 2-1 e servizio

16.50 – Felix Auger-Aliassime sta soffrendo ma è in vantaggio due set a zero su Krajinovic grazie a due tiebreak

16.33 – Djokovic sempre più in controllo su Bedene. Il n.1 del mondo avanti 6-3 6-3

16.27 – Nadal si aggiudica il primo set contro Van de Zandschulp per 6-3

16.06 – John Isner è sotto di un break, 2-3, contro lo spagnolo Zapata Miralles; Djokovic intanto ha chiuso il primo set 6-3

16.03 – Iniziato il penultimo match femminile in programma oggi, con la svizzera Teichmann in vantaggio 3-1 su Azarenka

15.53 – Djokovic avanti di un break, a breve servirà sul 5-3 per chiudere il primo set su Bedene

15.40 – In campo anche in 21 volte campione Slam Rafael Nadal opposto all’olandese Botic Van de Zandschulp

15.38 – In campo il n.1 del mondo Novak Djokovic. Il serbo è avanti 2-1 senza break su Bedene

15.33 – Tre match terminati sul versante femminile: KERBER SCONFITTA da Aliaksandra Sasnovich, già giustiziera di Raducanu. La tedesca ha perso 6-4 7-6.
Vittoria in due set anche per MERTENS e GAUFF, che hanno battuto rispettivamente Grechova e Kanepi

15.13 – Unico match maschile al momento in corso: Felix Auger-Aliassime al servizio sul 4 pari contro Filip Krajinovic

14.58 – MATCH FERNANDEZ – La tds numero 17 Fernandez elimina la tds n.14 Bencic 7-5 3-6 7-5, dopo un match denso di ribaltamenti di fronte e occasioni sciupate per entrambe

14.51 – Momenti di difficoltà per l’ex n.1 Angelique Kerber, sconfitta nel primo set 6-4, ma ora la tedesca è avanti di un break 3-2 e servizio su Aliaksandra Sasnovich

14.48 – SCONFITTI VAVASSORI/SONEGO – Il duo piemontese esce sconfitto per mano dell’americano Jackson Withrow e del britannico Jonny O’Mara per 7-6(7) 7-6(4)

14.45 – SET GAUFF – L’americana parte bene contro l’estone Kanepi, vincendo il primo parziale 6-3
SET MERTENS – Anche la belga si porta avanti di un parziale, 6-2, s Gracheva

14.28 – Aggiornamento doppio: la coppia torinese Vavassori/Sonego hanno perso il primo set sul campo 12 contro la coppia O’Mara/Withrow, 9 punti a 7 nel tiebreak

14.17 – MATCH TREVISAN – La tennista italiana, l’unica azzurra oggi in campo, ottiene la vittoria contro l’australiana Daria Saville. Martina Trevisan accede al terzo turno per 6-3 6-4

14.01 – SET BENCIC – La campionessa olimpica rimette il punteggio in parità vincendo il secondo set 6-3 contro Fernandez

13.51 – Terminati i primi match sul Lengelen e sul Mathieu, si apprestano a scendere in campo Gauff contro Kanepi, e Kerber contro Sasnovich

13.30 – MATCH ANISIMOVA – Si conclude con un ritiro il match del Lenglen: Muchova si ritira in lacrime per un problema ad una caviglia. Passa agli ottavi Anisimova

13.29 – SET TREVISAN – Martina Trevisan vince il primo set! 6-3 su Saville, in 34 minuti di gioco.

13.28 – MATCH SCHWARTZMAN – L’argentino Diego Schwartzman è il primo a qualificarsi per gli ottavi di finale del Roland Garros 2022: battuto facilmente Grigor Dimitrov in due ore e 17 minuti, col punteggio di 6-3 6-1 6-2.

13.22 – Bene Martina Trevisan, avanti 5-2 nel primo set contro Saville.

13.16 – SET ANISIMOVA – Si va al terzo sul Lenglen; Anisimova ha vinto il secondo set, 6-2 su Muchova.

13.13 – Anisimova serve per il secondo set sul Lenglen, avanti 5-2 e servizio contro Muchova.

13.12 – Parte bene Martina Trevisan. L’azzurra è avanti 4-2 nel primo set contro Saville.

13.10 – SET FERNANDEZ – Leylah Fernandez fa suo il primo set contro Belinda Bencic: 7-5.

12.45 – SET SCHWARTZMAN – Il secondo set per l’argentino è volato via in 28 minuti: 6-1.

12.36 – E’ finito il match di doppio su Court 14, quindi tra poco scenderà in campo Trevisan contro Saville.

12.35 – SET MUCHOVA – Muchova vince il primo set sul Lenglen, 7-6 contro Anisimova.

12.20 – SET SCHWARTZMAN – Il primo set è per l’argentino, 6-3 a Dimitrov.

12.05 – Schwartzman avanti 4-3 e servizio nel primo set contro Dimitrov. Muchova serve per il primo set sul 6-5 contro Anisimova. Intanto, entrano in campo sullo Chatrier Leylah Fernandez e Belinda Bencic.

11.45 – Dimitrov ha recuperato uno dei due break, ma deve ancora inseguire: 3-2 e servizio Schwartzman. Anisimova ha recuperato il break: 4-4 contro Muchova.

11.30 – Parte a spron battuto Schwartzman: 3-0 e servizio su Dimitrov. Muchova è 3-2 e servizio su Anisimova.

11.15 – Sono partiti i due match di singolare delle 11: sul Lenglen Anisimova-Muchova, sul Simonne-Mathieu Dimitrov-Schwartzman.

10.45 – Buongiorno, amici di Ubitennis, e benvenuti al nostro LIVE della sesta giornata di gare al Roland Garros 2022. Iniziano oggi i terzi turni dei tabelloni di singolare maschile e femminile. Il menu di oggi prevede una sola italiana in campo, Martina Trevisan, che nel secondo match sul campo 14 sfiderà Daria Saville-Gavrilova.

Gli articoli da non perdere

Editoriale del direttore (27 maggio): Roland Garros, Tsitsipas: “Sinner e Musetti sono lì. Dimenticate la classifica. Sinner tirava più forte un anno fa…Musetti ha più talento. Però non cambia mai posizione

Sinner dopo la vittoria contro Carballes Baena: “Non credo di aver giocato male. Ogni partita è un passo in avanti”

Il tabellone maschile del Roland Garros 2022

Il tabellone femminile del Roland Garros 2022

Continua a leggere

ATP

Berrettini sui social: “Torno in campo a Stoccarda”

Il tennista romano, attuale 10 al mondo, sarà in campo nel torneo che lo vide trionfatore nel 2019 denominato da quest’anno “BOSS Open”

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - Indian Wells 2022 (foto Ubitennis)

Sono passati quasi tre mesi dalla sua ultima partita. L’inverno era una realtà europea mentre nel caldo di Indian Wells l’estate era più che un’ipotesi. Ed è da quel 7 marzo che Berrettini ha deciso di fermarsi, dopo la sconfitta con Kecmanovic, per un problema alla mano destra curabile solo attraverso l’intervento chirurgico. Lunghi mesi in cui il tennista romano si è allenato tanto, saltando del tutto la stagione su terra per tornare a giocare su quella superficie, l’erba, che lo scorso anno tante soddisfazione diede a lui e a tutto il tennis italiano; è infatti attraverso i canali social che l’attuale numero 10 al mondo ha comunicato la scelta di tornare in campo proprio sull’erba di Stoccarda, che lo vide trionfare nel 2019.

Una scelta di sicuro tecnica, ma che strizza l’occhio al torneo che da quest’anno si chiamerà “ATP 250 Stoccarda-BOSS OPEN”. Il motivo è chiaro vista la partnership tra Berrettini ed il noto marchio di abbigliamento tedesco, che da quest’anno ha deciso di entrare con forza nel mondo del tennis, non solo, appunto, attraverso la fornitura di abbigliamento tennistico, ma anche intitolandosi il torneo di Stoccarda,  città in cui l’azienda è stata fondata nel 1923. Insomma una soluzione win/win di sicuro prima dell’inizio del torneo che speriamo possa essere vincente anche per Berrettini sul campo da tennis.  

 

Continua a leggere

Italiani

Italiani in campo oggi venerdì 27 maggio: Trevisan. A che ora e dove vederla

L’azzurra cerca il quarto turno al Roland Garros: ecco come seguire la sfida contro Saville-Gavrilova

Pubblicato

il

Martina Trevisan - Roland Garros 2022 (foto Roberto Dell'Olivo)

Una sola italiana in gara nel Day 6 del Roland Garros 2022: si tratta di Martina Trevisan, che oggi all’ora di pranzo sfiderà Daria Saville-Gavrilova per un posto al quarto turno. L’azzurra giocherà il secondo match sul Court 14, il cui programma verrà inaugurato alle 11 da un match di doppio maschile (Puetz/Venus contro Bonzi/Rinderknech). Si può quindi presumere che Martina scenderà in campo tra le 12.30 e le 13 italiane.

Trevisan, reduce dal primo successo WTA a Rabat, è in un ottimo momento di forma e troverà un’avversaria abbordabile (attuale n.127 WTA), forse più da cemento che da terra rossa. Tra le due non ci sono precedenti. La vincente di questa sfida affronterà agli ottavi Kerber o Sasnovich.

Italiani in campo venerdì 27 maggio
Roland Garros, 3° turno: Trevisan-Saville, ore 12.30 circa, Court 14, diretta tv e streaming Eurosport / Discovery +

 

Il tabellone femminile del Roland Garros 2022

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement