Australian Open 2020: delusioni e sorprese - Pagina 4 di 4

Al femminile

Australian Open 2020: delusioni e sorprese

Da Osaka a Jabeur, da Williams a Swiatek, protagoniste in positivo e in negativo dello Slam di gennaio. E per concludere una teoria sulle ultime vincitrici dei Major

Pubblicato

il

Coco Gauff e Naomi Osaka - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

4. L’effetto Serena Williams
Per concludere espongo una teoria di cui mi sono convinto negli ultimi tempi, e che prova a trovare un filo comune in grado di spiegare le vincitrici degli ultimi Major.

Postulato di base: gli Slam sono tornei speciali. E lo sono anche per le donne, malgrado si disputino in match al meglio dei tre set, come qualsiasi altro torneo del circuito. I Major per importanza e prestigio non si possono paragonare ai Premier o agli altri eventi WTA. Ho provato a spiegare la specificità degli Slam in questo articolo, a cui rimando per spiegazioni più estese e dettagliate.

Definito il postulato che riguarda la specificità degli Slam, si può sviluppare il tema delle ultime vincitrici. La mia teoria è questa: comincio a pensare che Serena abbia inciso in modo diretto o indiretto sulla gran parte dei Major delle ultime stagioni, perfino quando non è scesa in campo.

 

Abbiamo visto come Williams abbia giocato troppo tesa tutte le recenti finali: quattro presenze dopo il rientro post maternità, e zero set conquistati. Il desiderio di tornare a vincere e raggiungere il primato di Margareth Court (24 titoli) l’ha caricata di una tensione soverchiante, da cui hanno tratto vantaggio Angelique Kerber, Naomi Osaka, Simona Halep e Bianca Andreescu.

Questo per quanto riguarda l’influenza diretta. Poi ci sono gli Slam in cui Serena non era presente (in finale, o al via), e che però a mio avviso sono stati ugualmente condizionati da lei. Come?

Dobbiamo partire da un ragionamento generazionale. Sia le giocatrici più anziane che quelle della età di mezzo, sono cresciute con Serena come punto di riferimento. Al via di uno Slam, qualsiasi Slam fosse, era lei la prima favorita, nessuna poteva esercitare il ruolo di leader che spettava solo a Williams.

Negli ultimi anni, da quando Serena ha smesso di dominare, queste giocatrici si sono trovate con più spazi di vittoria potenziali. Però senza aver potuto sviluppare la mentalità necessaria ad affrontare al meglio le fasi finali di uno Slam da favorite. Quello era il ruolo che spettava a Williams, che in questo modo ha impedito alle avversarie di sviluppare un carattere più solido.

In più, soprattutto per le giocatrici con alle spalle molti anni di attività, è cresciuta la sensazione che raggiungere una finale Slam fosse una occasione quasi irripetibile, da non lasciarsi sfuggire assolutamente.

E proprio per questo le tenniste di una certa età che si sono avvicinate alle finali Slam contro le giovani, sono uscite sconfitte. Le giovani avevano infatti un duplice vantaggio psicologico: partivano spesso sfavorite, con poco da perdere; e non avevano la sensazione di trovarsi di fronte a una occasione irripetibile (visto che avevano comunque tutta la carriera davanti). E così match che in un torneo WTA “normale” le giocatrici più navigate avrebbero forse vinto, una volta disputati nel contesto degli Slam si sono trasformati in ostacoli insormontabili.

Ostapenko contro Halep nel 2017 a Parigi, Muguruza contro Venus nel 2017 a Wimbledon, Osaka contro Kvitova nel 2019 a Melbourne, Kenin contro Muguruza qualche giorno fa. Se a questi tornei aggiungiamo le quattro finali perse da Serena, vediamo come otto degli ultimi dodici Slam si sono sviluppati con una dinamica simile, con la più giovane sempre vincente.

Dal 2017 a oggi, quattro finali hanno fatto apparentemente eccezione. Dico apparentemente perché in realtà tre finali vedevano in campo giocatrici sostanzialmente di pari status, con condizioni mentali equivalenti: Stephens contro Keys (US Open 2017), vale a dire due amiche che avevano vissuto la loro crescita tennistica in parallelo. Wozniacki contro Halep (Australian Open 2018), cioè due giocatrici con carriere molto simili e un solo anno di differenza. E infine Barty contro Vondrousova (Roland Garros 2019), due tenniste ugualmente esordienti a quel livello, e arrivate all’atto conclusivo assolutamente a sorpresa.

A conti fatti, forse solo una finale ha parzialmente smentito “l’effetto Williams”: il Roland Garros 2018 vinto da Halep contro Stephens. Perchè Halep ha affrontato quella partita da testa di serie numero 1 e da favorita, anche se in fondo la sua avversaria un Major lo aveva già vinto (US Open 2017), mentre Simona no. E quindi anche in questo caso non era poi tanto diverso lo status delle due protagoniste.

Dodici Slam, una sola (mezza) eccezione. E così, anche quando non vince, Serena dimostra di aver lasciato un segno indelebile sul circuito e su tutte le principali protagoniste degli ultimi anni.

Pagine: 1 2 3 4

Continua a leggere
Commenti

Al femminile

I migliori colpi in WTA: il rovescio a due mani

Quarta puntata della serie dedicata alle giocatrici migliori nel singolo colpo. Chi possiede il rovescio a due mani più efficace del circuito?

Pubblicato

il

By

Garbine Muguruza - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Per la serie dedicata ai migliori colpi in WTA, è arrivato il momento di scegliere le più forti giocatrici nell’esecuzione del rovescio a due mani.
Ricordo che la classifica è riservata a tenniste in attività, comprese fra le prime 100 del ranking. Per una spiegazione completa sui criteri utilizzati per definire le classifiche rimando all’articolo di martedì scorso, che illustra nel dettaglio la questione.

Il rovescio a due mani
Come si deduce dal titolo, questa volta ho deciso di concentrarmi sul tipo di rovescio di gran lunga più diffuso nel circuito femminile, vale a dire quello bimane. Ci sarà una puntata dedicata ad altre esecuzioni di rovescio al rimbalzo, che qui ho preferito non inserire per affrontare il tema in modo più coerente.

Se ripercorriamo la storia recente in WTA, notiamo che nei primi anni ’10 al vertice della classifica stavano contemporaneamente cinque rovesci di valore assoluto. In ordine di età: Serena Williams, Li Na, Maria Sharapova, Victoria Azarenka, Caroline Wozniacki. È rarissimo trovare un gruppo di giocatrici tanto forte in uno specifico colpo; e infatti la generazione successiva ha proposto tenniste più convincenti in altri fondamentali (servizio, dritto), ma probabilmente meno qualitative nel rovescio a due mani. È impossibile dimenticare, per esempio, il rovescio di Li Na, che racchiudeva in sé potenza, controllo ed eleganza esecutiva.

 

Venendo ad anni più recenti, il nome che non troverete in classifica, ma che ha proposto un rovescio straordinario, è quello di Timea Bacsinszky. Quando non è stata afflitta da infortuni vari, ha scalato il ranking facendo leva soprattutto su quel colpo, con punte di rendimento eccezionali. Ci sono stati tornei nei quali il rovescio di Timea sembrava avesse incorporato un mirino infallibile: se le capitava la palla sul lato sinistro la indirizzava esattamente dove voleva. A mio avviso la Bacsinszky del 2015-7 era testa a testa con Serena Williams (di allora) in termini di efficacia del colpo. Purtroppo oggi Timea è fuori dalle prime 100 e da parecchio fatica a ritrovare la salute necessaria per tornare a esprimersi come nei giorni migliori.

Prima di presentare la lista definitiva, è inevitabile affrontare l’ultimo tema, quello delle esclusioni eccellenti. Dato che dalla esecuzione del colpo è stata “stralciata” la risposta, (considerata in una classifica a sè stante) ho avuto meno rimpianti al momento di escludere Vika Azarenka e Jelena Ostapenko, in questo periodo lontane dai fasti del passato.

Tra le giocatrici più indietro nell’attuale ranking WTA, ma con un rovescio che spicca per valore, citerei Danielle Collins e Monica Puig. Non credo però che Collins abbia offerto con continuità livelli tali da trovare posto fra le prescelte. Discorso più complesso per Monica Puig. A mio avviso la miglior Puig avrebbe sicuramente meritato un posto nelle prime dieci, ma il suo rendimento negli ultimi tempi non l’ho ritenuto sufficiente.

Attraverso progressive scremature, come sempre, sono arrivato a definire una rosa leggermente più ampia di quella definitiva: si trattava in sostanza di dover scartare gli ultimi nomi. Le quattro eliminate in extremis sono due tenniste mature e due teenager: da una parte Johanna Konta e Karolina Pliskova, dall’altra Coco Gauff e Amanda Anisimova.

Amanda Anisimova – Roland Garros 2019 (foto via Twitter @rolandgarros)

Le più giovani hanno pagato il dubbio che mi rimane sulla costanza di rendimento a lungo termine; ma naturalmente Gauff e Anisimova avranno tutto il tempo per farmi ricredere. Konta e Pliskova invece sono state penalizzate da problemi diversi. Dopo la straordinaria stagione sulla terra rossa della primavera 2019, Konta è un po’ declinata. Mentre Pliskova è fuori dalla classifica per la riluttanza mostrata negli ultimi tempi nell’uso del colpo lungolinea: di recente ho avuto l’impressione che Karolina ricorresse al lungolinea solo come extrema ratio, con una parsimonia che forse mascherava del timore. E siccome questa classifica seleziona il meglio del meglio, credo sia doveroso tenere conto anche di queste piccole titubanze. In ogni caso, ecco i dieci nomi definitivi.

a pagina 2: Le posizioni dalla 10 alla 6

Continua a leggere

Al femminile

I migliori colpi in WTA: il dritto

Terza puntata della serie dedicata alle giocatrici migliori nel singolo colpo. Chi possiede il dritto più completo ed efficace del circuito?

Pubblicato

il

By

Bianca Andreescu - Indian Wells 2019

Terza puntata della serie dedicata ai migliori colpi in WTA. È arrivato il momento di scegliere le migliori giocatrici nell’esecuzione del dritto. Prima di entrare nel merito, occorre un riepilogo che spieghi i criteri che mi sono dato per la selezione, in modo da trovare un terreno di giudizio condiviso con chi legge.

Linee generali
Come ho indicato nel primo articolo (e colpevolmente dimenticato nel secondo), la selezione considera soltanto le prime 100 giocatrici della classifica attualmente in attività. Significa, per esempio, che tra i dritti non troverete Dominika Cibulkova (e forse un posto lo avrebbe meritato), così come non ci sarà Caroline Wozniacki quando si tratterà di occuparsi del rovescio, visto che entrambe hanno appeso la racchetta al chiodo.

Ho deciso di non andare oltre il centesimo posto perché in questo modo si ragiona su un gruppo di tenniste affermate, senza doversi avventurare alla ricerca di scelte poco conosciute o di nicchia. In più questo mi agevola al momento della chiusura di ogni classifica, perché al termine della selezione posso fare un rapido controllo scorrendo tutti i cento posti del ranking ed essere sicuro di non avere trascurato qualche nome.

 

Ricordo infine che la valutazione non è sulla carriera, ma sul rendimento nell’ultimo periodo. Una scelta, evidentemente, che penalizza grandi giocatrici in declino, come per esempio Venus Williams. Questo perché l’intento è provare a definire il quadro attuale della situazione, non stabilire un giudizio storico. I giudizi storici attendibili, secondo me,  si compiono a fine carriera, fra giocatrici non più in attività.

Il dritto
Per quanto riguarda specificatamente il dritto, ho ragionato tenendo in considerazione le esecuzioni dal terzo colpo in poi, quindi escludendo la risposta, che è stata oggetto di un articolo specifico. Altrimenti ci sarebbe stata una sovrapposizione di temi e giudizi.

Altra cosa che mi preme sottolineare: quando pensiamo ai migliori colpi, immediatamente ci vengono in mente quelli vincenti. Ma i colpi vincenti sono solo una parte dei tanti che si effettuano durante un match. Per questo ho provato a tenere conto anche di altri fattori: innanzitutto la consistenza, cioè la capacità di limitare gli errori non forzati. Ma anche la capacità di colpire al meglio in situazioni difficili, su palle lontane o molto profonde: fasi in cui non è tanto la potenza a contare, quanto la mobilità e la rapidità nel coordinarsi. E non sempre le giocatrici più potenti possiedono anche queste caratteristiche ai massimi livelli.

Ultima questione: le esclusioni. Ho deciso di comporre una classifica di dieci nomi. Dieci nomi sembrano tanti, ma poi quando si cominciano a stringere le maglie della selezione ci si accorge che sono necessarie difficili rinunce.

Per esempio: tre ottimi dritti che non compaiono sono quelli di Daria Kasatkina, Kristina Mladenovic e soprattutto Samantha Stosur. Per loro tre il motivo è lo stesso: l’appannamento dell’ultimo periodo.
Per ragioni opposte mancano alcune delle giocatrici che si sono messe in mostra negli ultimi tornei: ho pensato che poche settimane non bastassero per scalzare dalla classifica rendimenti più consolidati. Ecco perché non troverete, per esempio, il dritto di Ons Jabeur.

Ci sono poi alcune tenniste che non hanno ottenuto risultati da prima pagina e che pure possiedono un dritto che spicca nel loro gioco. Penso per esempio a Jennifer Brady, Zarina Diyas, Polona Hercog o Alison Van Uytvanck. Potrei aver sbagliato nell’escluderle, ma ho pensato che forse il dritto spicca nel loro gioco anche perché il resto dei fondamentali non è al livello delle primissime al mondo. Ma, data l’età, molte di loro sono ancora in tempo per smentirmi.

Chi mi avrebbe davvero messo in difficoltà sarebbe stata Shelby Rogers, ma in questo caso è stato il ranking a penalizzarla (attualmente numero 113 dopo un lungo periodo di infortuni). Non è stato facile nemmeno eliminare giocatrici come Simona Halep. Jelena Ostapenko e Aryna Sabalenka: su di loro so che mi prenderò delle critiche contro cui è difficile argomentare, anche perché sono state tutte esclusioni sul filo di lana.

Infine mi spiace non ci sia alcuna mancina fra le dieci elette. Taylor Townsend, Marketa Vondrousova e Petra Kvitova sono state le ultime a “cadere”. Giocatrici diversissime, penalizzate da motivi diversi: a mio avviso il dritto di Townsend è molto efficace ma forse un po’ ripetitivo, mentre a Vondrousova manca un po’ di “punch”. Kvitova quando è ispirata ha un dritto fenomenale, ma nelle giornate-no diventa un colpo che produce troppi gratuiti, e di questo ho dovuto tenere conto.

Petra Kvitova – Madrid 2018 (foto @Gianni Ciaccia)

Con questo lungo preambolo spero di avere fatto un po’ di chiarezza. Ora è arrivato il momento di presentare l’elenco definitivo.

a pagina 2: Le posizioni dalla 10 alla 6

Continua a leggere

Al femminile

I migliori colpi in WTA: la risposta

Seconda puntata della serie dedicata alle giocatrici migliori nel singolo colpo. Kerber o Muguruza, Halep o Yastremska: chi risponde meglio?

Pubblicato

il

By

Angelique Kerber - 2016

Dopo l’articolo relativo al servizio, la seconda puntata di questa serie non poteva che essere dedicata alla risposta. Come ho avuto modo di scrivere di recente (vedi QUI), la risposta è un colpo che negli ultimi venti anni in WTA ha subito una profonda trasformazione. Partendo dall’insegnamento di una antesignana come Monica Seles, che ha puntato a interpretare ogni fase di gioco con la massima aggressività, negli anni duemila si è affacciata una generazione di giocatrici che ha fatto della potenza e della impostazione offensiva l’indirizzo principale del proprio gioco.

La nascita del cosiddetto “power tennis” ha implicato una riconsiderazione di tutte le fasi del gioco, e nel tempo ha portato a un avvicinamento fra turni di battuta e turni di risposta. O almeno: questo è l’obiettivo ideale; vale a dire cercare di assumere il controllo dello scambio non solo quando si serve, ma anche quando è il momento di rispondere. Una trasformazione radicale, ulteriormente rafforzata dalla scomparsa del serve&volley, che rappresentava la massima differenza possibile fra turni di battuta e turni di risposta.

Oggi come stanno le cose? Sicuramente l’avvento del power tennis ha lasciato un segno profondissimo sull’epoca attuale, ma questo non significa che non ci siano giocatrici che hanno sviluppato impostazioni differenti, più adatte alle proprie caratteristiche fisico-tecniche. Giocatrici che ritengono di avere vantaggi nell’affrontare scambi lunghi e che quindi alla risposta non chiedono di rovesciare immediatamente l’inerzia del punto, quanto piuttosto di minimizzare l’influenza della battuta avversaria, per cominciare il palleggio da zero, alla pari.




 

In sostanza, così come per il servizio, anche il termine “risposta” raccoglie in sé diverse modalità interpretative, oltre che esecuzioni profondamente differenti. Dritto, rovescio; topspin o backspin; colpi con intenti difensivi, colpi con intenti aggressivi: sono tante le tipologie di risposta comprese da un solo termine.

Siccome l’obiettivo di questi articoli è quello di selezionare “il meglio”, alla fine ho deciso di individuare due categorie: le risposte interlocutorie, di impronta prudente e difensiva, e le risposte aggressive, di impronta offensiva. Naturalmente fra questi due estremi ci sono una infinità di livelli intermedi e di sfumature: non è lo stesso se si risponde a una prima o a una seconda di servizio, e molto dipende dalle caratteristiche di chi serve.

Anche il modo di misurare l’efficacia delle due tipologie di risposta è differente. Per chi interpreta il colpo in chiave interlocutoria il dato fondamentale è la percentuale di risposte messe in campo. Per chi lo interpreta con intenti più offensivi è rilevante anche il numero di risposte vincenti, indice della particolare incisività del colpo.

Ultima nota, prima di scoprire le prescelte. All’inizio del 2020 abbiamo vissuto il ritiro di due giocatrici molto diverse che sono state ai vertici in questo colpo, e avrebbero a buon diritto reclamato un posto nella selezione: Caroline Wozniacki per quanto riguarda le risposte interlocutorie e Maria Sharapova per quelle aggressive.

a pagina 2: Le migliori risposte interlocutorie

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement