Junior Tennis Club Perugia: c’è aria di Fed Cup

Il neo-presidente Roberto Tarpani racconta la storia e l'organizzazione del club fondato nel 1972 che ha ospitato giocatrici del calibro di Evert e Kournikova

Junior Tennis Club Perugia: c’è aria di Fed Cup

CIRCOLI IN VISTA: la voce dei Circoli su Ubitennis

Quanta Club, un’oasi di sport a Milano focalizzata sull’agonismo
CT Vicenza, dove si vive e respira la vera “aria da club”
TC Faenza, il sogno in A1 continua
Virtus Tennis Bologna, quasi 100 anni di storia con un occhio al futuro
TC Pistoia: terza presenza in Serie A1 col sorriso e la voglia di far bene
Due Ponti Sporting Club, polisportiva all’avanguardia protagonista in A1
Next Gen ATP Finals: Sporting Milano 3, teatro del sogno
TC Genova 1893: avanti sui giovani, a piccoli passi
TC Palermo 2: esordio in Serie A1 puntando sui giovani
CT Maglie, entusiasmo e spirito di squadra per competere in A1
TC Schio: in Serie A1 con attenzione ai giovani e voglia d’agonismo
CT Palermo: in Serie A1 puntando sui talenti siciliani
C.T.D. Massa Lombarda: passione romagnola e sogni di grande tennis
TC Sinalunga al terzo anno in A1, un “miracolo” di buona gestione
L’Ata Battisti torna in Serie A1: obiettivo salvezza e giovani
TC Marfisa: un gioiello nel cuore di Ferrara
Circolo della Stampa Sporting Torino, molto più che un Club
Circolo Tennis Gaeta: con Galimberti per pensare in grande
TC Prato: dove Federer e gli altri hanno cominciato
CT Francavilla al Mare: si scaldano i motori in attesa del Challenger
Tennis Club Bisenzio: nel cuore della città
CT Ceriano: intervista al presidente Rocco Severino
TC Sinalunga: la favola continua
Serie A1: AVIVA al fianco del Tennis Park Genova con Fabio Fognini
Associazione Motonautica Pavia: nel cuore della città
Associazione Motonautica Pavia: quando i sogni diventano realtà
La favola del TC Sinalunga

 

Il nuovo corso del “Junior Tennis Club” di Perugia è iniziato il mese scorso, quando Roberto Tarpani è stato nominato presidente ed è stato deciso che, nella guida del circolo, sarà coadiuvato da altri tre maestri: Stefano Lillacci, Andrea Grasselli e Francesco Vazzana. Uno storico passaggio di consegne per il club fondato da Roberto “Poppy Vinti”, in onore del quale, sarà intitolato il campo numero 1. Il circolo di via XX settembre, immerso nel verde, e con una struttura che ospita ben sette campi, riparte. Pensa al futuro. E guarda alla promozione e alla valorizzazione delle giovani promesse che frequentano il circolo del capoluogo umbro. Proprio in queste ultime settimane la tennista argentina Paola Ormaechea, ex numero 59 del mondo, e ferma dopo un intervento al polso, si sta allenando nel circolo. “Stiamo lavorando – racconta il neo presidente Roberto Tarpaniper farla entrare nel giro della Fed Cup”. Proprio Tarpani racconta la storia e gli obiettivi e il nuovo corso del junior tennis club di Perugia.

Partiamo dalla storia del circolo: quando è stato fondato il Junior tennis club di Perugia?
Il nostro circolo è da sempre un punto di riferimento nel mondo del tennis e la sua fondazione risale al 3 agosto 1972 grazie al lavoro di Rodolfo Vinni. Sui nostri campi si sono svolte innumerevoli rassegne di grandissimo rilievo come gli Internazionali d’Italia femminili che negli anni ’80 hanno visto protagoniste tutte le più grandi giocatrici dell’epoca. Sui nostri campi, infatti, abbiamo ospitato campionesse del calibro di Chris Evert e Virginia Ruzici. Anche Alberto Castellani, prima di fare tutta la carriera che ha svolto in giro per il mondo, è partito da qui. Tra le giocatrici che, ad inizio carriera, hanno frequentato il nostro circolo c’è stata anche Anna Kournikova.

Quanti campi ha oggi la struttura?Come funziona oggi il circolo?
Noi abbiamo sei campi da tennis più un settimo che è polivalente con il calcetto. Ovviamente il campo polivalente è in erba mentre gli altri sei campi sono tutti in terra rossa. Abbiamo anche una piscina, che sarà nostro obiettivo, nei prossimi mesi, quello di migliorarla. Nel circolo abbiamo diversi agonisti, infatti, nell’ambito regionale ospitiamo i campionati Umbri assoluti e a settembre il torneo Open umbro tennis. Tra le nostre file abbiamo anche Matilde Paoletti, che è campionessa italiana under 14.

Qual è, ad oggi, la situazione agonistica delle squadre?
Abbiamo una squadra in serie B che partecipa al campionato iniziato lo scorso 26 marzo e, proprio nei giorni scorsi, abbiamo iniziato ad affrontare le prime giornate. Abbiamo, inoltre, due squadre in serie C maschile e il nostro obiettivo è vincere il titolo. Poi abbiamo ancora due squadre che gareggiano in serie B1, una squadra di serie D3 femminile, e ancora un’altra in serie C femminile  e una serie D femminile. Il nostro scopo principale, in tutte le categorie, è quello di andare avanti il più possibile e fare esperienza per far crescere i giovani. La nostra politica, inoltre, è quella di non “acquistare” nessun giocatore che non ha militato nel nostro settore giovanile. Siamo soddisfatti per il lavoro svolto in questi anni perché abbiamo raggiunto buoni livelli conquistando ben 22 seconde categorie.

Si sta allenando con voi anche una ragazza argentina Paola Ormaechea?
Sì, da qualche settimana si allena con noi Paola Ormaechea, ex numero 59 del mondo ad ottobre 2013. Era già stata con noi nel periodo di settembre ottobre ed è tornata dopo l’intervento al polso sinistro. Adesso rimane qui e si allena con noi. Lei ha il doppio passaporto e siamo in contatto con la Federazione per poter cercare di inserirla in ambito nazionale di Fed Cup. È ancora prematura come discussione ma è una delle ipotesi che si sta valutando.

Chi sono i giocatori migliori classificati del club e chi potrebbe essere una promessa del tennis nel futuro prossimo?
Tra le nostre file abbiamo, come già citato prima, Matilde Paoletti, campionessa under 14 e già convocata a Tirrenia. Abbiamo anche tre ragazzi in ambito nazionale: Francesco Passaro, under 16 maschile; Angelica Giovagnoli, under 13 femminile; Niccolò Tresoldi, under 13 maschile.

Ci sono collaborazione tecniche particolari? O sponsor che vi supportano nel portare avanti l’attività?
Per il momento nulla di questo: siamo partiti da circa un mesetto con la nuova gestione e ancora le nuove politiche del circolo sono ancora tutte in costruzione. È un ancora un po’ prematuro.

Quanti tesserati avete e quanto è il costo delle quote e come si diventa soci?
Come dicevo siamo partiti con la nuova gestione solo da un mese e dopo dobbiamo valutare ancora un pochino tutto. Al momento qualsiasi numero che direi potrebbe essere non reale. Per diventare soci del circolo basta raggiungere il club, fare domande, chiedere l’associazione e poi il nostro Consiglio si riunisce per valutare la richiesta.

Quali sono i prossimi obiettivi?
Il nostro prossimo obiettivo è quello di migliorare la struttura del circolo e andare a colmare le eventuali lacune che c’erano nelle vecchie gestioni anche se la struttura è affascinante ed immersa nel verde. Dovremmo un pochino migliorare la piscina e soprattutto penso ad una maggiore comunicazione con i soci utilizzando ancora di più i sit web prenotazioni on line che, oggi, sono le cose che vanno per la maggiore.

CATEGORIE
TAG
Condividi